Airbus Helicopters e la Serbia estendono la loro partnership

Tempo di lettura: 2 minuti

La Serbia ha preso in consegna il suo primo elicottero H145M e diventerà un centro per la manutenzione degli elicotteri Gazelle SA 341 / SA 342. “Tutto questo evidenzia la partnership sempre più stretta tra Serbia e Airbus”, come ha ricordato il CEO di Airbus Helicopters, Bruno Even, durante il Partner Defence Exhibition di Belgrado.

L’impianto aeronautico Moma Stanojlovic, situato vicino a Belgrado, è stato certificato da Airbus Helicopters per effettuare lavori di manutenzione sugli elicotteri Gazzelle. Più di 160 Gazelle SA 341 / SA 342 sono stati prodotti su licenza dallo stabilimento Soko di Mostar dal 1971 al 1991 e questi elicotteri sono tuttora operativi in Serbia e nei paesi limitrofi.

Al Partner Defence Exhibtion, la Serbia ha anche preso in consegna il suo primo elicottero H145M e complessivamente riceverà nove H145M, destinati all’Aeronautica Militare e al Ministero dell’Interno.

I velivoli serbi sono equipaggiati con fast roping system, high-performance camera, fire support equipment, ballistic protection e electronic countermeasures system. Il sistema HForce, sviluppato da Airbus Helicopters, consentirà alla Serbia di equipaggiare e gestire i propri velivoli con una vasta serie di armi balistiche o guidate aria-terra e aria-aria.

L’H145M è un elicottero bimotore leggero ampiamente collaudato, ordinato anche da Germania, Thailandia, Ungheria e Lussemburgo. La maturità del programma H145 consente ad Airbus Helicopters di gestire in maniera ottimale costi e tempi di consegna. La disponibilità alla missione degli H145M attualmente in servizio è superiore al 95%.

Oltre ai nove elicotteri H145M, la Serbia ha anche ordinato per il Ministero degli Interni tre elicotteri pesanti H215.

Air Serbia opera dieci aeromobili della Famiglia A320, che rappresentano l’asse portante della compagnia aerea, e un A330. Quest’ultimo ha effettuato il primo volo diretto dal territorio dell’ex Jugoslavia agli Stati Uniti negli anni ’80.

(Ufficio Stampa Airbus – Photo Credits: Airbus)