Qantas si prepara per i Project Sunrise Research Flights

Qantas sta svolgendo studi sui passeggeri che viaggiano su voli a lungo raggio e sulle tecniche attualmente utilizzate per ridurre al minimo il jetlag. La ricerca è condotta dalla compagnia aerea con il Charles Perkins Centre (CPC) dell’Università di Sydney, per identificare metodi sostenuti scientificamente per ridurre la fatica.

Alcune scoperte preliminari sono state rilasciate oggi prima del first Project Sunrise research flight di Qantas, che volerà senza sosta da New York a Sydney, una prima per qualsiasi compagnia aerea commerciale. I risultati verranno utilizzati per sviluppare il futuro servizio e la progettazione del prodotto, volti ad aumentare la salute e il comfort durante il viaggio.

Il ricercatore specialista del sonno, il dott. Yu Sun Bin, che fa parte del team CPC, ha affermato che mentre la maggior parte delle persone cerca attivamente di ridurre il proprio jetlag, lo studio con Qantas mostra che non stanno facendo ciò che è più efficace. “Sappiamo che andare alla luce del sole all’aperto a destinazione è una delle strategie più importanti per la sincronizzazione dell’orologio corporeo, ma solo il 47% dei passeggeri ha fatto lo sforzo per farlo”, ha detto. “Bere più di qualche bicchiere di alcool peggiorerà il jetlag. Potrebbe farci addormentare più velocemente ma, oltre un certo punto, interrompe anche la qualità del sonno e provoca disidratazione”.

Gli studi dettagliati in volo sono stati condotti su quasi 500 passeggeri che viaggiano su voli internazionali Qantas per più di nove ore. L’obiettivo è stabilire una linea di base per aiutare i ricercatori e il vettore a progettare nuove strategie per promuovere il benessere in volo e ridurre il jetlag.

Come parte della prossima fase di ricerca, la compagnia aerea sta riproponendo tre Boeing 787-9 delivery flights e li sta usando per condurre studi sull’equipaggio e sui passeggeri, con l’obiettivo di migliorare il benessere.

I nuovi velivoli, dalla fabbrica Boeing, modificheranno la rotta dei delivery flights previsti: invece di volare vuoti da Seattle in Australia, gli aerei simuleranno due rotte Project Sunrise: da Londra e New York a Sydney. Project Sunrise è il piano di Qantas per avviare voli diretti da Sydney, Melbourne e Brisbane a Londra e New York.

I voli trasporteranno solo circa 50 passeggeri e membri dell’equipaggio al fine di fornire ai 787-9 il range richiesto. Tutte le emissioni di carbonio saranno compensate.

Il 18 ottobre, sei passeggeri volontari Qantas Frequent Flyer prenderanno parte al volo di 19 ore e mezza da New York a Sydney, con un’esperienza di volo unica progettata attorno alle raccomandazioni dei ricercatori CPC. Saranno dotati di dispositivi tecnologici indossabili e seguiranno un programma di sonno, cibo, bevande e movimenti fisici appositamente progettati.

Qantas sta anche lavorando con i ricercatori del Cooperative Research Center for Alertness, Safety and Productivity (Alertness CRC), che svolgerà ricerche su piloti e membri dell’equipaggio di cabina.

Il CEO di Qantas Group, Alan Joyce, ha dichiarato che la compagnia aerea è entusiasta di portare le strategie di ricerca esistenti a un livello superiore, conducendo ricerche interattive a bordo utilizzando rigorosi protocolli scientifici: “Ogni volta che un nuovo aereo ci ha permesso di volare più a lungo, le persone naturalmente chiedono il fattore comfort. Il fatto che il volo più lungo sulla nostra rete oggi, da Perth a Londra, abbia anche il nostro punteggio di soddisfazione del cliente più alto dimostra che è possibile progettare un servizio ultra lungo. Project Sunrise sta spingendo ulteriormente i confini. Sappiamo che dobbiamo pensare di più al benessere dell’equipaggio e dei passeggeri quando si è in volo per quasi 20 ore, ed è per questo che questa ricerca è così importante”.

(Ufficio Stampa Qantas)