Austrian Airlines presenta il piano per un nuovo inizio

Le operazioni di volo di Austrian Airlines si sono temporaneamente arrestate dal 18 marzo 2020 a seguito della crisi coronavirus. I dipendenti della compagnia aerea continuano lo short-time work. Al momento non è ancora possibile prevedere con precisione quando verrà ripristinata la completa libertà di viaggio. Quest’anno la compagnia di bandiera austriaca prevede un calo della domanda del 25-50%. Un massimo del 75% del livello pre-coronavirus è atteso alla fine del 2021.

Andreas Otto, Austrian Airlines Executive Board member, commenta: “L’intero settore aereo è pessimista. Dobbiamo presumere che raggiungeremo il “livello pre-corona” di nuovo nel 2023 al più presto”.

Austrian Airlines si sta ora preparando a riallineare la sua flotta per riflettere la diminuzione della domanda. Venerdì scorso l’Executive Board ha presentato il suo “Plan for a New Start” al Supervisory Board. Il piano è stato presentato oggi ai 7.000 dipendenti della compagnia aerea nel contesto di un evento digitale.

Al fine di adeguare la capacità alla domanda mutata, Austrian Airlines ha deciso di apportare alcune modifiche alla flotta. Oltre all’eliminazione graduale dei 18 turboprop Dash 8, che è stata decisa e avviata nel 2019, tutti e sette i jet A319 e tre dei sei B767 saranno ritirati entro il 2022. Gli aeromobili Boeing 767 sono OE-LAT, OE- LAW e OE-LAX, che sono tra gli aerei più vecchi della flotta, con un’età media di 28 anni. Gli altri tre B767 hanno tra i 19 e i 21 anni. L’intera flotta ha attualmente un’età media di 15,4 anni. Eliminando gradualmente gli aerei più vecchi, l’età scenderà a 14,6.

L’intera flotta di Austrian Airlines conta attualmente circa 80 velivoli. L’eliminazione graduale della flotta turboprop e l’introduzione graduale degli A320 avrebbero ridotto la flotta a 70 aerei. Il piano di riavvio prevede ora una flotta di circa 60 aeromobili nel 2022, nove dei quali saranno aeromobili a lungo raggio. L’adattamento della flotta deve avvenire in più fasi. Dal momento che sono principalmente gli aeromobili più piccoli ad essere decommissionati, ciò corrisponde a una riduzione della capacità di circa il 20%.

“Ci separeremo dal velivolo più antico e più piccolo”, spiega CCO Andreas Otto. “Anche per motivi ecologici”.

Nonostante la riduzione della flotta, devono essere mantenuti il maggior numero possibile di posti di lavoro. Sono già in corso colloqui con i comitati aziendali.

“Siamo entrati in questa crisi senza colpa nostra. Ora è nostra responsabilità rendere Austrian Airlines adatta al futuro. Vogliamo mantenere il nostro long-haul hub, anche se per il momento non abbiamo altra scelta che adattarci al mercato un po’ più piccolo. Essere in forma per il futuro significa anche che dobbiamo essere in grado di finanziare i nostri aeromobili, spese, salari e investimenti e, naturalmente, anche di rimborsare eventuali spese e prestiti dal Corona grounding”, sottolinea Alexis von Hoensbroech, Austrian Airlines CEO. “Ora abbiamo un piano e speriamo nel sostegno di tutti i soggetti coinvolti”, concorda all’unanimità l’Executive Board.

(Ufficio Stampa Austrian Airlines – Photo Credits: Austrian Airlines)