Bombardier riporta i risultati finanziari del primo trimestre 2020

Bombardier ha annunciato oggi i risultati finanziari per il primo trimestre 2020 e ha fornito una panoramica delle misure che la società sta adottando per gestire il business attraverso la pandemia COVID-19. La società ha inoltre confermato che tutte le cessioni precedentemente annunciate continuano a progredire verso la chiusura.

“Bombardier sta intraprendendo le azioni giuste per gestire l’impatto della pandemia COVID-19”, ha dichiarato Éric Martel, President and Chief Executive Officer, Bombardier Inc. “Con lo sviluppo della crisi, abbiamo agito rapidamente per proteggere la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti e supportare i nostri clienti al meglio delle nostre capacità. Abbiamo anche gestito le nostre operazioni per ridurre i costi, preservare e garantire liquidità sufficiente per gestire la nostra attività mentre completiamo le cessioni in corso necessarie per indirizzare il nostro bilancio. Ciò include un dialogo in corso con i governi relativi a programmi di sostegno aggiuntivi, qualora fossero necessari, per attraversare una crisi estesa”.

Bombardier ha una liquidità pro forma di circa $3,5 miliardi, che include $2,1 miliardi di liquidità a disposizione, accesso all’importo non utilizzato di circa $860 milioni sulla linea di credito revolving di Transportation al 31 marzo 2020 e circa $550 milioni di proventi dalla vendita del CRJ Program, che chiuderà il 1° giugno 2020 poiché tutte le condizioni di chiusura sono state soddisfatte.

Nonostante l’impatto della riduzione dell’attività e delle restrizioni di viaggio nella seconda metà di marzo a causa della pandemia globale COVID-19, Bombardier ha registrato ricavi consolidati di $3,7 miliardi nel trimestre, aumentando dell’8% e del 5% su base annua nei settori Aviation e Trasportation, rispettivamente, ad esclusione del currency translation impact. Questa crescita è stata trainata principalmente da ulteriori consegne del Global 7500 in Aviation e dal continuo potenziamento dei grandi progetti di materiale rotabile nel Regno Unito e in Germania per Transportation.

Adjusted EBITDA e adjusted EBIT sono pari rispettivamente a $171 milioni e $60 milioni per il trimestre. Questi risultati riflettono l’impatto di Transportation che opera attraverso diversi progetti di materiale rotabile legacy a basso margine, nonché una quota inferiore di entrate da joint venture e società collegate. In Aviation, i guadagni sono stati più bassi su base annua a causa di uno sfavorevole aircraft mix, incluso il margine inferiore sui primi Global 7500 business jet e le consegne ritardate legate alla pandemia di COVID-19, combinate con minori services revenues e una maggiore diluizione dalle commercial aircraft activities. Il Reported EBIT è pari a $156 milioni nel trimestre.

L’utilizzo di liquidità dalle operazioni del primo trimestre è stato di $1,5 miliardi. Il Free cash flow usage è stato di $1,6 miliardi, incluso un impatto stimato di $600-800 milioni per COVID-19, che riflette l’incapacità di consegnare gli aeromobili a seguito di restrizioni imposte dai governi, arresti di produzione temporanea di diversi siti chiave e assunzione di ordini inferiore alle attese in Transportation e Aviation.

“Bombardier ha iniziato la graduale ripresa delle attività produttive sia in Aviation che in Transportation, necessarie per consegnare il forte arretrato ferroviario e continuare il processo di accelerazione della produzione del Global 7500”, ha dichiarato Martel. “Restiamo concentrati sulla protezione dei nostri dipendenti, sul supporto dei nostri clienti durante questo periodo difficile e sull’adozione delle azioni necessarie per preservare il futuro a lungo termine della Società”.

“La Società ha sospeso le sue previsioni finanziarie per il 2020 precedentemente emesse il 24 marzo 2020 mentre valutava l’impatto della pandemia COVID-19. La continua incertezza sulla durata della pandemia impedisce di fornire una guidance finanziaria con ragionevole fiducia in questo momento. Tuttavia, sulla base della nostra attuale valutazione della situazione COVID-19 e della continua ripresa e stabilizzazione graduali delle nostre operazioni, prevediamo che la business activity raggiungerà un punto basso nel secondo trimestre, con un simile utilizzo di cassa rispetto al primo trimestre, riprendendosi gradualmente nella seconda metà dell’anno. Bombardier cercherà di fornire proiezioni aggiornate quando avrà una maggiore visibilità sull’impatto totale della pandemia sulle nostre attività e mercati”, dichiara Bombardier.

Riguardo Aviation, i ricavi del trimestre sono aumentati a $1,5 miliardi, in aumento dell’8% su base annua, riflettendo una crescita del 16% derivante dalle business aircraft activities guidate da sei consegne Global 7500. Questa crescita è stata compensata principalmente dal rallentamento delle commercial aircraft activities. Complessivamente, nel periodo sono stati consegnati 26 business aircraft e cinque commercial aircraft.

Adjusted EBITDA e adjusted EBIT margins sono pari rispettivamente al 6,7% e all’1,6% per il trimestre, in calo anno su anno, riflettendo un aircraft mix sfavorevole dovuto in parte a consegne ritardate causate dalla pandemia globale COVID-19, combinata con un basso contributo delle prime Global 7500 units. Il Reported EBIT margin si attesta a 0,5%.

Nell’ultima settimana di marzo 2020, le operazioni in Canada, in cui gli aerei Global e Challenger sono assemblati e consegnati, sono state temporaneamente sospese a causa della pandemia globale COVID-19. Le aerostructures operations in Mexico e a Belfast sono state sospese in modo simile, con un impatto complessivo di circa 15.000 dipendenti a livello globale.

(Ufficio Stampa Bombardier)