LEONARDO: IL CDA CONFERMA ALESSANDRO PROFUMO AMMINISTRATORE DELEGATO – Si è riunito ieri, per la prima volta sotto la presidenza di Luciano Carta, il Consiglio di Amministrazione di Leonardo S.p.a. nominato dall’Assemblea svoltasi antecedentemente. Il Consiglio, in linea con l’assetto precedente, ha conferito al Presidente Luciano Carta, al quale spetta la rappresentanza legale della Società e la firma sociale ai sensi di legge e di Statuto, alcune attribuzioni relative a “Sicurezza di Gruppo”, “Group Internal Audit”, attuazione delle regole di governo societario con riguardo all’integrità dei comportamenti aziendali e al contrasto alla corruzione e “Rapporti Istituzionali” (da esercitarsi in coordinamento con l’Amministratore Delegato). Nella medesima riunione il Consiglio ha confermato Alessandro Profumo nella carica di Amministratore Delegato conferendogli, in linea con l’assetto precedente, tutte le relative attribuzioni per la gestione unitaria della Società e del Gruppo, con esclusione di specifiche attribuzioni che il Consiglio, oltre a quelle non delegabili a norma di legge, ha riservato alla propria competenza.

KLM AVVIA IL 2020 VOLUNTARY RESIGNATION SCHEME – “La crisi Coronavirus sta avendo un impatto enorme su KLM. La strada per la ripresa dovrebbe essere lunga e ci sarà meno lavoro di prima per qualche tempo a venire. Sebbene siano già state adottate numerose misure per aiutare KLM a superare questo periodo senza precedenti, è chiaro che è necessario fare di più. In questo contesto, KLM sta ora espandendo l’opzione per i dipendenti di lasciare la compagnia volontariamente con un compenso finanziario. Il 2020 Voluntary Resignation Scheme (2020 VRS) sarà aperto per la registrazione a tutti i dipendenti di KLM dal 1° giugno e anticipa i passi successivi necessari. Il nuovo schema potrebbe creare più spazio per i dipendenti KLM che restano in servizio, limitando quindi i licenziamenti forzati il più lontano possibile in futuro. KLM preferirebbe salutare i dipendenti che scelgono di farlo da soli, al contrario dei colleghi che non scelgono volontariamente di farlo”, afferma KLM in un comunicato.

KLM: PONTI AEREI PER I MARITTIMI – In tutto il mondo, oltre 150.000 marittimi aspettano una soluzione da mesi riguardo i trasferimenti degli equipaggi. Gli armatori olandesi rappresentano circa 12.000 marittimi. Il trasporto marittimo funge da spina dorsale logistica del commercio mondiale, con non meno del 90% di tutte le merci spedite via mare. “La pandemia di Coronavirus ha portato a gravi restrizioni di viaggio, che variano anche da paese a paese. I voli cancellati sono stati un’ulteriore conseguenza. In un breve lasso di tempo è diventato praticamente impossibile per i marittimi tornare a casa dalle navi oceaniche e viceversa”, afferma Annet Koster, CEO di KVNR (Royal Association of Netherlands Shipowners). KLM inizierà ad attuare un piano – elaborato congiuntamente a KVNR e Boers Crew Services – per facilitare i ricambi degli equipaggi. Gli armatori hanno un maggior bisogno di ponti aerei tra Amsterdam, che è vicina a molti porti marittimi dell’Europa nord-occidentale, e Filippine, Russia, Ucraina, Indonesia e Polonia, dove risiede la maggior parte dei marittimi. KLM opera già voli tra Amsterdam e Varsavia, ed è attualmente in consultazione con i governi e le autorità aeronautiche russe e ucraine per ottenere il permesso di operare voli per Kiev e San Pietroburgo. A partire dal 25 maggio, KLM effettuerà quattro voli settimanali tra Amsterdam e Manila, con scalo a Bangkok. “Con la posizione strategica del nostro Hub di Schiphol, in combinazione con i porti di Rotterdam e Amsterdam, KLM è da molti anni un importante vettore mondiale per i marittimi. È fantastico, soprattutto in un momento come questo, che possiamo dimostrare la nostra lealtà verso questo settore istituendo questi ‘ponti aerei’. L’iniziativa si lega perfettamente anche con l’ulteriore ripresa del servizio attraverso il nostro network”, afferma Harm Kreulen, Managing Director KLM The Netherlands.

SITA ACCELERA LO SVILUPPO DELL’IDENTITÀ DIGITALE PERMANENTE – SITA, il fornitore globale di tecnologie per il trasporto aereo, accelera il percorso per lo sviluppo di un’identità digitale utilizzabile “a vita”, e non più valida solo per un singolo viaggio. SITA ha sottoscritto questo impegno diventando Premium Donor della Sovrin Foundation, organizzazione internazionale non profit focalizzata sullo sviluppo di questa “self-sovereign” identity di cui è membro fondatore nel 2018. Un’identità digitale per ogni persona, organizzazione, cosa, valida per sempre e che consenta al titolare dell’identità di presentare credenziali verificabili con la garanzia della massima tutela possibile della privacy: questo l’oggetto di studio della Sovrin Foundation, organizzazione decentralizzata di pubblica utilità globale. Le nuove credenziali “digitali” potranno sostituirsi a documenti diversi, come il passaporto, il biglietto aereo o, semplicemente, la tessera di iscrizione alla biblioteca. Nell’ambito della Fondazione, SITA ha ampliato il proprio ruolo, fondamentale per accelerare lo sviluppo di un’identità digitale permanente accettata a livello globale da governi, compagnie aeree, aeroporti per l’uso durante il viaggio aereo, garantendo al contempo la tutela e la riservatezza dell’identità digitale dell’utente. Già oggi SITA ha implementato con successo negli aeroporti la sua soluzione tecnologica Smart Path, che semplifica le partenze con l’uso di un singolo token biometrico: il volto di un passeggero diventa il suo passaporto, da mostrare a ogni step del percorso in un singolo aeroporto – dal check-in all’imbarco. Da qui, il cambiamento allo studio nei prossimi anni porterà all’integrazione di Smart Path con la self-sovereign identity, controllata dal titolare e utilizzabile fra i vari attori, dai governi, agli aeroporti e le compagnie aeree, per semplificare al massimo il processo di viaggio.

ANA: ULTERIORI MODIFICHE AL FLIGHT SCHEDULE – All Nippon Airways (ANA), causa Coronavirus, cambierà temporaneamente le sue frequenze di volo verso e da determinate città. Riguardo il FY2020 summer schedule nel periodo 1° maggio – 31 maggio, un totale di 2 voli che servono 1 rotta saranno interessati dalle modifiche annunciate oggi, portando il numero totale di voli interessati nel periodo (1° maggio – 31 maggio) a 4.989 che servono 71 rotte diverse. Riguardo il FY2020 summer schedule nel periodo 1° giugno – 15 giugno, un totale di 26 voli che servono 3 rotte saranno interessati dalle modifiche annunciate oggi, portando il numero totale di voli interessati nel periodo (1° giugno – 15 giugno) a 2.360 che servono 71 rotte diverse. Nel periodo 16 giugno – 30 giugno, un totale di 2.311 voli che servono 71 rotte saranno interessati dalle modifiche annunciate oggi, portando il numero totale di voli interessati nel periodo (16 giugno – 30 giugno) a 2.335 che servono 71 rotte diverse. ANA continuerà a monitorare attentamente la situazione e adotterà, ove necessario, le misure adeguate. Per ulteriori informazioni: https://www.ana.co.jp/en/jp/topics/notice200127/.

ANA GROUP IMPLEMENTA MISURE AGGIUNTIVE PER UN VIAGGIO SICURO – ANA Group continua i suoi sforzi per combattere la diffusione del COVID-19 implementando misure aggiuntive. “Vogliamo rassicurare i nostri clienti e dipendenti che ANA sta prendendo tutte le precauzioni per offrire un’esperienza di viaggio pulita, sicura e confortevole”, ha affermato Yuji Hirako, President and CEO of ANA. “Considerando le nuove politiche di industria, governo e aeroporti riguardo pulizia e sanificazione, continueremo a valutare la loro attuazione”. Tutti gli aeromobili operati da ANA Group saranno disinfettati su base regolare e frequente. Gli aeromobili utilizzati per i voli internazionali saranno disinfettati dopo ogni volo, ogni giorno di notte gli aeromobili che operano sul territorio nazionale. Tutti i velivoli sono dotati di filtri ad alte prestazioni. Nel tentativo di prevenire l’ulteriore diffusione di COVID-19, ANA sta chiedendo ai suoi passeggeri la loro collaborazione e aderenza ai protocolli di distanza sociale e di copertura del viso. ANA chiede ai suoi passeggeri di indossare una copertura per il viso in aeroporto e a bordo dell’aeromobile. I passeggeri che non indossano una copertura facciale possono essere rifiutati a bordo. ANA chiede collaborazione nei suoi sforzi per prevenire la diffusione dell’infezione.