TUI fly Germany: negoziati per la riduzione della flotta

TUIfly FlugzeugTUI fly Germany vuole iniziare negoziati riguardo la riduzione della flotta. Il Supervisory Board sostiene i piani di ristrutturazione e ha incaricato il management di negoziare con i comitati aziendali e i sindacati.

Il TUI fly Germany Managing Director, Oliver Lackmann, spiega: “Il management ha nuovamente presentato i piani per la ristrutturazione della German holiday airline al TUI fly Supervisory Board e ha spiegato in dettaglio la necessità di modifiche. Non vi è dubbio che si tratti di cambiamenti e tagli importanti per i nostri dipendenti e la compagnia. Nessuno prende la decisione alla leggera, né io stesso come managing director and flight captain, né il Supervisory Board. Ma la flotta di volo TUI è troppo grande per la base di clienti del nostro German TUI tour operator. Dobbiamo ridurre questa flotta e lavorare di più in stretta collaborazione con le cinque compagnie aeree del Gruppo, altrimenti, in qualità di fornitore premium di voli per le vacanze, aumenteremo ulteriormente il nostro svantaggio competitivo rispetto ad altre compagnie aeree”.

“Anche prima della pandemia Coronavirus, il mercato delle compagnie aeree tedesche era caratterizzato da una notevole sovraccapacità e da una forte concorrenza sui prezzi. La pandemia ha portato a gravi interruzioni nel settore delle compagnie aeree. L’attività regolare di TUI fly si è completamente fermata da metà marzo. Secondo le previsioni, il traffico aereo nel prossimo anno sarà ancora significativamente inferiore al volume del 2019. Anche durante l’alta stagione, la flotta TUI non è stata in grado di raggiungere un tasso di occupazione a copertura dei costi prima del Coronavirus. In passato, tra 14 e sette velivoli con equipaggio erano stati dati in leasing permanente ad Air Berlin e successivamente ad Eurowings. Questi erano quindi aeromobili e posti che noi come tour operator non eravamo in grado di riempire con i nostri clienti. La situazione è diventata ancora più difficile a causa della pandemia. Nell’interesse a lungo termine di tutti i dipendenti della nostra compagnia aerea – e nell’interesse di TUI nel suo insieme – dobbiamo rendere TUI adatta al futuro.

Vogliamo raggiungere un accordo con i rappresentanti della forza lavoro il più rapidamente possibile. Il Supervisory Board di TUI fly ha incaricato il management di avviare trattative con i comitati aziendali e i sindacati. Le negoziazioni si basano anche sul sistema di protezione dell’occupazione in vigore fino alla fine del 2021, concordato con il Group Employee Council per tutte le compagnie di TUI Group in Germania. Esclude licenziamenti per motivi operativi con effetto prima della fine del 2021. Consideriamo questo accordo, in vigore dal 2019, come un’opportunità per rendere la ristrutturazione il più socialmente possibile responsabile. Anche il Supervisory Board ha sottolineato questo obiettivo”, prosegue Lackmann,

“Il nostro obiettivo è garantire il maggior numero possibile di posti di lavoro in TUI fly a lungo termine. Tuttavia, ciò avrà successo solo se regoliamo le dimensioni della compagnia aerea a un livello sano e a prova di futuro. Prenderemo in considerazione gli interessi dei dipendenti, la posizione dell’aeroporto di Hannover e TUI nel suo insieme nelle nostre decisioni. Ora siamo all’inizio, non alla fine, dei negoziati sulla progettazione della ristrutturazione. Il core del piano è l’adeguamento annunciato della flotta a circa la metà degli attuali 39 velivoli.

Inoltre, le funzioni centrali devono essere integrate più da vicino in tutte e cinque le Group airlines. In un primo momento, le TUI’s European airlines saranno unite in un’unica compagnia. Questa central flight division per le TUI Group airlines avrà sede ad Hannover. TUI fly prevede di tagliare posti di lavoro nelle technical, administrative and crew functions, poiché verranno utilizzati meno aeromobili. In futuro, TUI fly intende concentrarsi sugli aeroporti di partenza di Hannover e Düsseldorf come maggiore ubicazione della flotta, nonché Francoforte, Monaco e Stoccarda”, conclude il TUI fly Germany Managing Director.

(Ufficio Stampa TUI fly – Photo Credits: TUI Group)

2020-06-20