Qantas annuncia il suo piano di recupero post-Covid

Qantas Group ha annunciato un piano triennale per accelerare la ripresa dalla crisi COVID e creare una piattaforma più forte per la redditività futura, creando più valore per gli azionisti a lungo termine e preservando quanti più posti di lavoro possibile.

L’obiettivo immediato del piano è: ridimensionare la forza lavoro, la flotta e gli altri costi del Gruppo in base alle proiezioni della domanda, con la possibilità di riscalare il ridimensionamento con il ritorno dei voli; ristrutturare per garantire costanti risparmi ed efficienze in tutte le operazioni del Gruppo in un mercato in evoluzione: ricapitalizzare attraverso un aumento di capitale, per rafforzare la resilienza finanziaria del Gruppo per la ripresa e le opportunità che offre.

Le fasi successive del piano si concentrano sul crescente aumento dei voli e sulla ricerca di nuove opportunità, compresa l’ambizione della compagnia aerea per più non-stop international flights.

Il piano è progettato per tenere conto dell’incertezza associata alla crisi, preservando tutte le attività e le competenze chiave che il Gruppo può ragionevolmente portare a supporto dell’eventuale ripresa. COVID rappresenta la più grande sfida mai affrontata dall’aviazione globale e la risposta del Gruppo alla crisi viene ridimensionata di conseguenza. Questo purtroppo significa un gran numero di perdite di posti di lavoro tra Qantas e Jetstar.

Il piano mira a beneficiare di $15 miliardi in tre anni, in linea con una ridotta attività di volo, compresi i risparmi sui consumi di carburante, offrendo $1 miliardo annuo di risparmi sui costi in corso dal FY23 attraverso miglioramenti della produttività in tutto il Gruppo.

Le azioni chiave del piano includono: ridurre la forza lavoro pre-crisi del Gruppo di almeno 6.000 ruoli in tutte le parti dell’azienda; proseguire lo stand down per 15.000 dipendenti, in particolare quelli associati alle operazioni internazionali, fino al ritorno dei voli; ritirare immediatamente i sei rimanenti 747 di Qantas, sei mesi prima del previsto; messa a terra di un massimo di 100 aeromobili per un massimo di 12 mesi (alcuni più a lungo), inclusa la maggior parte della flotta internazionale (si prevede che la maggior parte tornerà in servizio, ma alcuni velivoli in leasing potrebbero essere restituiti alla scadenza); le consegne di flotte A321neo e 787-9 sono state rinviate per soddisfare i requisiti del Gruppo.

Il costo di attuazione del piano è stimato in $1 miliardo, la maggior parte di questo è stato realizzato durante il FY21.

Annunciando il piano, il CEO di Qantas Group, Alan Joyce, ha dichiarato: “Qantas Group è entrato in questa crisi in una posizione migliore rispetto alla maggior parte delle compagnie aeree e abbiamo alcune delle migliori prospettive di ripresa, soprattutto nel mercato domestico, ma ci vorranno anni prima che i voli internazionali volino come era prima della crisi. Dobbiamo posizionarci per diversi anni in cui le entrate saranno molto più basse. E questo significa diventare una compagnia aerea più piccola a breve termine. La maggior parte delle compagnie aeree dovrà ristrutturarsi per sopravvivere, il che significa anche che riusciranno a sopravvivere in modo più snello e competitivo. Per tutti questi motivi, dobbiamo agire subito. Adattarsi a questa nuova realtà significa alcune decisioni molto dolorose. Ciò che rende questo ancora più difficile è che proprio prima di questa crisi, stavamo reclutando attivamente piloti, equipaggi di cabina e personale di terra. Siamo di fronte a un’inversione improvvisa che non è colpa di nessuno, ma è molto difficile da accettare. Questa crisi non ci ha lasciato altra scelta, ma ci impegniamo a fornire alle persone colpite il maggior supporto possibile. Ciò include la conservazione del maggior numero possibile di posti di lavoro attraverso i periodi di inattività, offrendo licenziamenti volontari anziché obbligatori ove possibile e fornendo, in particolare, indennità di licenziamento di ampia portata. Come abbiamo fatto durante questa crisi, le nostre decisioni si basano sui fatti che vediamo di fronte a noi. Il nostro piano ci offre flessibilità in una serie di scenari, tra cui un rimbalzo più rapido o un recupero più lento. Nonostante le difficili scelte che facciamo oggi, siamo fondamentalmente ottimisti per il futuro. Quasi i due terzi dei nostri guadagni pre-crisi provenivano dal mercato interno, che probabilmente si riprenderà più rapidamente. Abbiamo ancora grandi ambizioni per i voli internazionali a lungo raggio, che avranno ancora più potenziale”.

(Ufficio Stampa Qantas Group)