Austrian Airlines adatta l’offerta nel Winter Flight Schedule

L’Austrian Airlines Executive Board ha informato oggi i dipendenti sugli sviluppi e sui piani attuali per la stagione invernale 2020/21.

La produzione (offerta di volo) nel programma di volo invernale non sarà in media pari al 50% dell’offerta dell’anno precedente come originariamente previsto, ma solo una media del 30% del livello dell’anno precedente a causa delle numerose restrizioni di viaggio che sono state imposte.

La situazione di liquidità della compagnia aerea è buona e al di sopra dell’obiettivo. Tuttavia, come spiega il CEO Alexis von Hoensbroech: “Le nuove restrizioni all’ingresso da parte di Germania, Svizzera, Belgio e molti altri paesi hanno reso necessario per noi apportare modifiche alla nostra offerta. Siamo preparati per questo. Il nostro obiettivo è guidare la nostra compagnia attraverso questa tempesta sulla base dei nostri sforzi combinati. Non sappiamo quanto durerà questa tempesta. Per questo motivo, dobbiamo renderci resistenti alle intemperie e ridurre il più possibile il deflusso mensile di fondi”.

Austrian Airlines offrirà voli verso circa 60 destinazioni nel prossimo winter flight schedule, valido da fine ottobre 2020 a fine marzo 2021. Ciò rappresenta circa 20 destinazioni di volo in meno rispetto all’anno precedente. Allo stesso tempo, molte destinazioni saranno servite ma con frequenze sostanzialmente ridotte. Oltre a operare voli a lungo raggio per Newark, Chicago, Washington e Bangkok, la scorsa settimana Austrian Airlines ha ripreso il suo servizio per Shanghai. A partire dalla metà di dicembre, prevede di operare voli verso destinazioni turistiche tradizionali come Città del Capo, Mauritius e Maldive. Queste destinazioni saranno servite due volte a settimana, soggette a limitazioni di ingresso estese.

Per quanto la situazione attuale sia impegnativa per Austrian Airlines in termini di voli effettivamente operativi, la liquidità della compagnia di bandiera austriaca rimane al di sopra dell’obiettivo grazie alla rigorosa disciplina dei costi. L’ultima tranche del prestito, pari a 100 milioni di euro, dovrebbe essere trasferita a breve alla compagnia. Oltre a un totale di 300 milioni di euro di prestiti, la compagnia aerea ha anche ricevuto 150 milioni di euro di aiuti d’urgenza dal governo austriaco e un’iniezione di 150 milioni di euro di nuovo capitale azionario da Lufthansa Group, che possiede la compagnia. In media, la liquidità diminuisce di circa 40 milioni di euro al mese. Per questo motivo, Austrian Airlines sta cercando di ridurre ulteriormente i costi.

“Questi sforzi includono l’espansione del lavoro a tempo ridotto, adattandolo così alla riduzione della produzione”, spiega Andreas Otto, che ha assunto la posizione di CFO oltre al suo impegno come CCO. “Siamo attrezzati per gestire una seconda ondata di coronavirus grazie alla nostra buona situazione di liquidità, ma la prossima estate sarà decisiva. Se per allora riusciremo a controllare il coronavirus, la terra sarà di nuovo in vista. Molti passeggeri avranno anche una corrispondente necessità di recuperare il ritardo rispetto ai viaggi”.

Austrian Airlines sta lavorando intensamente all’introduzione di test rapidi per i passeggeri al fine di ripristinare la libertà di viaggiare anche prima che venga sviluppata una possibile soluzione di vaccinazione. “Le attuali restrizioni ai viaggi costituiscono un onere per l’intero settore turistico. Abbiamo bisogno di test completi per i viaggiatori e dobbiamo conciliare la libertà di viaggiare e la prevenzione delle infezioni, in modo da essere in grado di ridurre le restrizioni di viaggio e gli obblighi di quarantena”, afferma Jens Ritter, COO di Austrian Airlines. I primi test flights sono già previsti per la metà di ottobre.

(Ufficio Stampa Austrian Airlines – Photo Credits: Austrian Airlines)