LA COMPAGNIA S7 AIRLINES INAUGURA IL COLLEGAMENTO MOSCA – OLBIA

LA COMPAGNIA S7 AIRLINES INAUGURA IL COLLEGAMENTO MOSCA – OLBIA

Il volo proveniente dall’Aeroporto di Mosca Domodedovo è atterrato Costa Smeralda alle 13:55, dove è stato accolto dal tradizionale “Arc of Triumph” realizzato dai Vigili del Fuoco di Olbia.

Una cornice spettacolare per l’Airbus 320 e i suoi 155 passeggeri accolti dallo staff Geasar, dal country Manager della compagnia S7 Airlines, Marzio Scamolla e da una delegazione del gruppo folk Olbiese con il tradizionale costume sardo.

Il volo per Mosca sarà operativo sino al 29 Settembre con tre frequenze la settimana nei giorni di Martedì, Giovedì e Sabato.

“Siamo davvero felici di dare il benvenuto ad Olbia alla S7 Airlines, il nuovo collegamento arricchisce ulteriormente la nostra offerta per il mecato russo – ha commentato Mario Garau, Routes Development Manager della Geasar. Nella stagione 2018 prevediamo un traffico da/per la Russia di circa 20.000 passeggeri con un incremento del + 177% (+ 15.000 passeggeri) rispetto allo scorso anno”.

“I passeggeri originanti dalla Sardegna apprezzeranno i voli diretti per Mosca, da dove potranno continuare il loro viaggio attraverso una vasta rete di voli domestici ed internazionali all’interno del network di S7 Airlines. I Turisti Europei amano visitare le due “Capitali” Russe, Mosca e San Pietroburgo, in un unico viaggio, che potrà essere facilmente organizzato grazie alle comode coincidenze offerte da S7 Airline”, ha detto Igor Veretennikov, S7 Group Chief commercial officer.

I biglietti possono essere acquistati sul sito della compagnia, attraverso le App disponibili per IPhone ed Android, nella biglietteria dell’aeroporto e nelle agenzie di viaggio.

Nel mese di maggio all’Aeroporto di Olbia sono transitati 261.542 passeggeri, in crescita del +15% (+35.261 ) rispetto al mese di maggio dello scorso anno.

I passeggeri transitati dal mese di gennaio sono stati invece circa 590.000, con una crescita del +15% (+79.195) rispetto allo stesso periodo del 2017.

(Ufficio Stampa Geasar)

Last Updated on