RYANAIR, ANPAC E ANPAV SIGLANO IL PRIMO ACCORDO DI RICONOSCIMENTO PER IL PERSONALE DI BORDO BASATO IN ITALIA

RYANAIR, ANPAC E ANPAV SIGLANO IL PRIMO ACCORDO DI RICONOSCIMENTO PER IL PERSONALE DI BORDO BASATO IN ITALIA

Ryanair oggi ha confermato di aver siglato il primo accordo di riconoscimento sindacale per il proprio personale di bordo italiano con ANPAC e ANPAV che saranno i rappresentati del personale di cabina Ryanair impiegato in Italia. Questo accordo fa seguito alle lunghe negoziazioni con ANPAC e ANPAV avviate dall’annuncio di Ryanair a dicembre 2017 relativo al riconoscimento dei sindacati ai fini di una contrattazione collettiva.

Ryanair accoglie con favore l’impegno positivo e costruttivo di ANPAC e ANPAV che ha portato alla firma del primo accordo di riconoscimento del personale di bordo, in Italia, dove attualmente si contano oltre 80 dei circa 400 aeromobili della flotta di Ryanair e circa il 20% del personale di cabina della compagnia aerea. Ryanair attende di collaborare con ANPAC e ANPAV e con i loro neo eletti rappresentanti (Consiglio Aziendale del Personale di Bordo Ryanair) per concludere un primo Contratto Collettivo del Lavoro per il personale di bordo direttamente impiegato dalla compagnia in Italia.

Eddie Wilson, Chief People Officer di Ryanair, ha affermato: “Siamo lieti di annunciare questo accordo di riconoscimento con ANPAC e ANPAV in rappresentanza del nostro personale di bordo direttamente impiegato in Italia. Questo è il nostro primo accordo di riconoscimento sindacale del personale di bordo (che segue quelli siglati nel Regno Unito e in Italia con i sindacati dei piloti all’inizio di questo anno) e dimostra ulteriormente la determinazione di Ryanair sul riconoscimento e sulla volontà di negoziazione con i sindacati in Europa per il nostro personale. Stiamo compiendo passi in avanti anche con i sindacati del personale di bordo dei principali Paesi europei, e ci auguriamo di siglare ulteriori accordi di riconoscimento con gli organi di rappresentanza sindacale, sia dei piloti che del personale di bordo, nelle prossime settimane”.

(Ufficio Stampa Ryanair)

Last Updated on