AIRBUS HELICOPTERS TESTA LA NUOVA TECNOLOGIA MUM-T

Tempo di lettura: 2 minuti

Il Manned Unmanned Teaming (MUM-T) moltiplica le capacità di elicotteri e unmanned aerial systems. Controllando i droni dall’aria, gli equipaggi possono esplorare aree difficili da raggiungere e espandere significativamente le capacità di osservazione.

“Moltiplica le capacità di entrambi i sistemi”, afferma Mark Henning, H145 Programme Manager at Airbus Helicopters. “Gli UAS non solo possono ampliare le aree di ricerca, ma anche accedere alle aree che un elicottero potrebbe trovare difficili. Sono in grado di esplorare territori sconosciuti e fornire informazioni all’equipaggio dell’elicottero, che può quindi intervenire”.

Nell’aprile 2018, Airbus Helicopters e il produttore austriaco di UAS Schiebel hanno testato con successo questa nuova tecnologia a bordo di un H145. Il drone è stato controllato e pilotato da un operatore sull’elicottero, inoltre il controllo è stato temporaneamente consegnato a una ground station per simulare il ritorno dell’elicottero per il rifornimento. Airbus è il primo costruttore europeo di elicotteri a dimostrare questa tecnologia con il più alto livello di interoperabilità.

Test e certificazione sono attualmente focalizzati su usi militari ma, come spiega Henning, MUM-T ha il potenziale per avvantaggiare un’ampia gamma di settori e consentire un completamento delle missioni più veloce e più economico.

“Oltre alla ricerca e al soccorso su terra e acqua, potrebbe essere utilizzato per la lotta agli incendi. Gli elicotteri sono spesso usati per osservare gli incendi boschivi su terreni remoti. Con MUM-T, potrebbero coprire un’area molto più ampia e trasmettere informazioni alla squadra antincendio. Si potrebbe persino parcheggiare l’elicottero e far volare ulteriormente l’UAS. Le forze di polizia potrebbero anche usare il MUM-T per osservare grandi folle o per missioni di inseguimento attraverso aree edificate”.

Operare un UAS da un elicottero presenta diversi ostacoli aggiuntivi rispetto al funzionamento da terra. Un robusto data link è fondamentale. Questo aspetto è stato gestito con successo durante i recenti test in Austria, così come l’integrazione di un sistema completo di pianificazione e controllo delle missioni UAS nell’architettura dell’elicottero.

Secondo Henning, una delle maggiori sfide si trova nell’interfaccia uomo-macchina utilizzata per operare l’UAS. “Deve essere il più semplice possibile. L’UAS può svolgere determinati compiti in modo autonomo, ma l’operatore ha ancora molto da gestire – oltre agli altri doveri a bordo che potrebbe avere. Per le parapublic missions, i droni sarebbero operati da un terzo membro dell’equipaggio, ma per missioni militari ci sarebbero ancora solo due membri dell’equipaggio a bordo. Siamo attualmente in fase di ottimizzazione, dopo aver analizzato i risultati dei test di volo ad aprile”, afferma Henning.

Oltre a questi perfezionamenti tecnici, Airbus è anche coinvolta in sforzi più ampi per aiutare a superare gli ostacoli dell’approvazione e della certificazione per il parapublic use degli UAS. “C’è ancora molto lavoro da fare in questo settore”, dice Henning. “Ma alla fine si aprirà una gamma di applicazioni per MUM-T. La tecnologia può essere implementata in qualsiasi tipo di elicottero e interagire con tutti i tipi di unmanned systems: il potenziale è considerevole”.

(Ufficio Stampa Airbus)

Ultima modifica: