AIRBUS PREVEDE UN RADDOPPIO DELLE FLOTTE IN RUSSIA & CIS, AMERICA LATINA E CARAIBI, NEI PROSSIMI 20 ANNI

Tempo di lettura: 3 minuti

Secondo il Global Market Forecast di Airbus, presentato alla conferenza Wings of the Future a Mosca, la Russia e le compagnie aeree del CIS avranno bisogno di circa 1.220 nuovi aeromobili, del valore di 175 miliardi di dollari USA, nei prossimi 20 anni (2018-2037). Ciò significa che la flotta passeggeri nella regione quasi raddoppierà da 857 aeromobili in servizio oggi a oltre 1.700 entro il 2037. Nei prossimi 20 anni, il traffico passeggeri in Russia e nella regione CIS crescerà al tasso medio del 4,1% annuo, con la Russia che darà il principale contributo a questa crescita. Entro il 2037 la propensione per il trasporto aereo in Russia sarà più che raddoppiata.

Nella regione della Russia e della CIS, nel segmento Small, in cui si trovano la maggior parte degli attuali aeromobili single-aisle, saranno richiesti 998 nuovi aerei passeggeri. Nel segmento Medium, per missioni che richiedono capacità aggiuntiva e flessibilità di range, rappresentato da smaller widebodies e aerei single-aisle a lungo raggio, Airbus prevede una richiesta per 140 aerei passeggeri. Nel segmento Large, dove è presente la maggior parte degli A350, sono necessari 39 aeromobili. Nel segmento Extra Large, che rispecchia in genere le missioni ad alta capacità e lungo raggio, con i più grandi tipi di aeromobili tra cui l’A350-1000 e l’A380, Airbus prevede una richiesta per 44 aerei passeggeri.

Il GMF di Airbus prevede che nei prossimi 20 anni le compagnie aeree della regione della Russia e della CIS continueranno a rinnovare le proprie flotte introducendo nuovi modelli più efficienti in termini di consumo di carburante, eliminando gradualmente gli aeromobili della generazione precedente. Il raddoppio della flotta richiederà oltre 23.000 nuovi piloti e 27.960 tecnici specializzati aggiuntivi.

“Vediamo una crescita nel settore del trasporto aereo in Russia e nella CIS. Turismo e affari rimangono i fattori chiave che determinano un aumento della domanda di aerei di nuova generazione e più efficienti nei consumi. Da oltre 25 anni Airbus supporta i propri clienti Russia e CIS nelle loro esigenze di sviluppo della flotta, offrendo la famiglia di velivoli più avanzata, efficiente e completa. Non vediamo l’ora di vedere altre nuove consegne per Airbus nei prossimi anni, tra cui l’A220, la nostra famiglia A320neo e l’A350”, ha affermato Julien Franiatte, Head of Country Russia, Airbus.

Alla fine di ottobre 2018, quasi 400 velivoli a single-aisle e widebody erano operativi in Russia e CIS, con oltre 330 di questi nella sola Russia.

Sempre secondo l’ultimo Global Market Forecast, Airbus prevede che il trasporto aereo latinoamericano raddoppierà nei prossimi due decenni, grazie alla crescita anticipata della classe media della regione da 350 milioni di persone a 520 milioni entro il 2037, con l’evoluzione dei modelli di business delle compagnie aeree che renderanno i viaggi più accessibili. Il traffico passeggeri nella regione è più che raddoppiato dal 2002 e si prevede che continuerà a crescere nei prossimi due decenni, passando da 0,4 viaggi pro capite nel 2017 a quasi 0,9 viaggi pro-capite nel 2037.

L’America Latina e la regione dei Caraibi avranno bisogno di 2.720 nuovi aerei passeggeri e cargo per soddisfare questa crescente domanda. Valutata 349 miliardi di dollari USA, questa previsione rappresenta 2.420 small e 300 medium, large and extra-large aircraft. Ciò implica che la flotta in servizio della regione quasi raddoppierà, dai 1.420 aeromobili in servizio oggi a 3.200 nei prossimi due decenni. Di questi velivoli, 940 saranno destinati alla sostituzione di aeromobili di vecchia generazione, 1.780 saranno per la crescita delle flotte e 480 dovrebbero rimanere in servizio.

“Continuiamo a vedere una crescita nel settore del trasporto aereo della regione, nonostante alcune sfide economiche. Con due dei 13 principali flussi di traffico al mondo che dovrebbero coinvolgere l’America Latina, siamo molto ottimisti sul fatto che la regione continuerà a essere resiliente. Inoltre, con l’aumento della domanda intra e intercontinentale, i vettori dell’America Latina saranno in una posizione molto forte per aumentare la propria presenza nel segmento del mercato globale a lungo raggio”, ha dichiarato Arturo Barreira, President of Airbus Latin America and Caribbean, durante l’ALTA Airline Leaders Forum.

Airbus ha venduto 1.200 aeromobili, ha un portafoglio di quasi 600 aerei e quasi 700 operativi in tutta l’America Latina e nei Caraibi, rappresentando una quota di mercato del 56% della flotta in servizio. Dal 1994, Airbus ha assicurato quasi il 70% degli ordini netti nella regione.

(Ufficio Stampa Airbus – Photo Credits: Airbus)