QANTAS FORNISCE BUONI RISULTATI NEL PRIMO SEMESTRE NONOSTANTE L’ AUMENTO DEI PREZZI DEL CARBURANTE

Tempo di lettura: 4 minuti

Il Gruppo Qantas ha conseguito un forte utile nel primo semestre nonostante un aumento di $416 milioni (27%) della sua bolletta del carburante.

Underlying Profit Before Tax pari a $780 milioni (in calo di $179 milioni), con Statutory Profit Before Tax che si attesta a $735 milioni (in diminuzione di $105 milioni).

La riduzione del divario tra l’aumento della bolletta del carburante e la diminuzione dei guadagni dimostra che il Gruppo è riuscito a recuperare sostanzialmente il maggior costo del carburante, il che è stato agevolato da una gestione della capacità disciplinata. Questa forte performance dei ricavi ha inoltre aiutato il Gruppo a far fronte a un aumento dei costi non legati al carburante, tra cui l’impatto di un dollaro australiano più debole e maggiori costi delle commissioni, oltre che a registrare profitti record nelle attività di volo nazionali e in Qantas Loyalty.

Il CEO di Qantas Group, Alan Joyce, ha dichiarato: “Siamo davvero soddisfatti del modo in cui la compagnia ha risposto alle sfide e alle opportunità che abbiamo visto nel semestre. La nostra strategia a doppio marchio con Qantas e Jetstar nel mercato interno ha significato che questi segmenti hanno generato un altro set di guadagni da record. In tutta la nostra rete, la capacità è ampiamente rispondente alla domanda. I prezzi del petrolio più alti hanno portato un vento contrario significativo e ci siamo mossi rapidamente per recuperare quanto più possibile. È più facile da raggiungere sul mercato domestico che su rotte internazionali più lunghe, dove il carburante è un fattore molto più grande, e questo si riflette nei risultati del segmento che riportiamo oggi. È importante sottolineare che abbiamo compiuto buoni progressi nella nostra strategia a lungo termine. Più 787 sono arrivati e più 747 sono in pensione”.

“Guardando al futuro, stiamo assistendo a forti prenotazioni anticipate. I prezzi del petrolio sono diminuiti rispetto ai picchi che abbiamo visto alla fine dell’anno scorso. Questi fattori indicano un forte secondo semestre e prevediamo di recuperare completamente i nostri maggiori costi del carburante entro la fine di questo esercizio finanziario”.

Qantas International ha preso in consegna tre 787-9 nel periodo, con altri sei in arrivo entro la  prima metà del FY20, per portare la flotta totale a 14. Questo facilita il pensionamento accelerato del 747 nei prossimi due anni. Altri tre 747 saranno rimossi entro la fine del FY19, lasciandone sette.

Come annunciato di recente, Qantas ha formalizzato con Airbus la sua decisione di non acquisire otto ulteriori A380 ordinati nel 2006. Qantas rimane impegnata a un importante aggiornamento dei propri A380 esistenti, che inizierà a metà del 2019.

Con forti proiezioni dei ricavi, prezzo del combustibile in frenata e continua trasformazione, il Gruppo prevede di generare forti net free cash flow durante il 2H19.

Il gruppo Qantas ha inoltre annunciato un piano ambizioso per diventare la prima compagnia aerea al mondo a riutilizzare, riciclare e compostare almeno i tre quarti dei suoi rifiuti generali entro la fine del 2021. Annunciando il piano come parte dei risultati semestrali del vettore nazionale, il CEO del Gruppo Qantas, Alan Joyce, ha affermato: “Trasportando 50 milioni di persone ogni anno, ci occupiamo di oltre 30.000 tonnellate di rifiuti. È lo stesso peso di circa ottantasette 747”, ha affermato Joyce. “Abbiamo già rimosso gli involucri di plastica sui nostri pigiami e cuffie, oltre che sulle cannucce. Anche le schede in plastica Frequent Flyer stanno diventando digitali. A causa delle nostre dimensioni, possiamo fare molto di più”.

Alcuni esempi di modifiche da implementare su Qantas, QantasLink e Jetstar da fine anno includono: tazze da caffè che possono essere riciclate o compostate; eliminazione effettiva delle materie plastiche monouso passando a confezioni alternative; rimozione della carta non necessaria, come le carte d’imbarco e i manuali operativi, passando al digitale; aumentare la donazione o il compostaggio di cibo; riciclaggio di vecchie uniformi.

Nel mirare alla rimozione di 100 milioni di articoli in plastica monouso all’anno, il Gruppo sostituirà 45 milioni di bicchieri di plastica, 30 milioni di posate, 21 milioni di tazze di caffè e 4 milioni di copri poggiatesta con alternative sostenibili entro la fine del 2020. Questo elenco di voci va ben oltre il recente divieto dell’Unione europea, sia per quanto riguarda la portata che la velocità di attuazione.

Il Gruppo ha un obiettivo esistente per ridurre i rifiuti in discarica del 30% entro il 2020, ed è sulla buona strada per raggiungerlo attraverso il riciclaggio e altri programmi. L’obiettivo del 75% ora prende il suo posto. Esistono obiettivi separati per il consumo di carburante, acqua ed elettricità, e Qantas ha il più grande schema di compensazione del carbonio di qualsiasi compagnia aerea al mondo.

Joyce ha aggiunto: “Poche industrie possono eliminare completamente i rifiuti, ma con questo programma stiamo dicendo che gli sprechi evitabili non dovrebbero più essere un sottoprodotto accettabile di come facciamo affari. Questa non è solo la cosa giusta da fare, è un vantaggio per le imprese e ci consentirà di anticipare i requisiti legislativi nei vari paesi in cui operiamo. Chiederemo aiuto alle nostre persone, ai clienti, ai fornitori e alle autorità di regolamentazione per aiutarci a raggiungere questo obiettivo”.

Come parte del suo approccio più ampio alla sostenibilità, il Gruppo Qantas consente ai clienti di volare a emissioni zero quando prenotano attraverso qantas.com. Dalla metà del 2019, i clienti guadagneranno 10 punti per ogni dollaro speso compensando il loro viaggio dall’Australia. “Circa il 10% dei passeggeri sceglie già di compensare i loro voli, quindi speriamo che l’ulteriore incentivo per guadagnare punti Qantas contribuisca a incrementare questo numero”, ha aggiunto Joyce.

(Ufficio Stampa Qantas Group)