Scandinavian Airlines: trimestre negativamente influenzato dallo sciopero piloti

Tempo di lettura: 2 minuti

SAS ha comunicato i risultati del trimestre febbraio 2019 – aprile 2019. Le entrate sono pari a MSEK 10.187 (9.916). Income before tax (EBT) pari a MSEK -1.216 (-488). Net income per il periodo: MSEK -933 (-349).

Nel periodo novembre 2018 – aprile 2019, entrate pari a MSEK 19.721 (18.894), income before tax che si attesta a MSEK -1.792 (-773). Net income per il periodo: MSEK -1.402 (-598).

“Lo sciopero piloti alla fine del secondo trimestre si è aggiunto alle sfide già affrontate da SAS. Inoltre, vediamo una diminuzione della domanda di viaggi domestici, specialmente in Svezia. Questi fattori sottolineano l’importanza di una forte attenzione costante al miglioramento dell’efficienza, della flessibilità e degli sforzi di sostenibilità. Lo sciopero tra il 26 aprile e il 2 maggio ha provocato circa 4.000 voli cancellati che hanno coinvolto oltre 370.000 passeggeri. Mi scuso con tutti i nostri clienti interessati dalle interruzioni del traffico durante questo straordinario evento. L’impatto totale sull’income before tax dello sciopero è stimato in 650 milioni di corone svedesi, di cui 430 milioni si riferiscono agli ultimi cinque giorni del secondo trimestre”, afferma il Presidente e CEO di SAS Rickard Gustafson.

“L’utile prima delle imposte è stato di -1.216 milioni di corone svedesi, una diminuzione di 728 milioni di corone svedesi rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Il risultato è stato influenzato negativamente dallo sciopero, dall’aumento del prezzo del carburante e dal continuo indebolimento della corona svedese. Escludendo questi effetti, il risultato sarebbe stato paragonabile allo stesso trimestre dell’anno scorso, che è stato uno dei più forti second quarter nella storia moderna di SAS. Anche se il risultato è tutt’altro che soddisfacente, siamo incoraggiati da alcune tendenze sottostanti. Tuttavia, la combinazione di indicatori economici deboli, aumento del prezzo del carburante e corona svedese debole superano il positivo slancio sottostante. Pertanto, dobbiamo aumentare il ritmo di trasformazione per adeguare la nostra azienda alle attuali condizioni di mercato e garantire la redditività futura”, prosegue Rickard Gustafson.

Alla luce dello sciopero e dello sviluppo, le prospettive sono riviste. “Dal nostro rapporto del primo trimestre, diversi sviluppi hanno avuto un impatto negativo sui nostri guadagni. Questi includono lo sciopero, nonché un aumento del prezzo del carburante per gli aerei e il continuo deprezzamento della corona svedese nei confronti del dollaro USA e dell’euro. Di conseguenza, sarà difficile raggiungere un risultato positivo prima delle imposte. La nostra liquidità rimane forte, ma alla luce delle sfide che affrontiamo non possiamo permetterci di riposare sugli allori. Invece, SAS continuerà con la sua forte attenzione sull’esecuzione della strategia e degli sforzi di trasformazione per essere preparati per il futuro”, conclude Rickard Gustafson.

(Ufficio Stampa Scandinavian Airlines)