Airbus e OCCAR siglano il nuovo A400M Global Support contract

Tempo di lettura: 2 minuti

Airbus ha firmato il nuovo A400M Global Support Step 2 contract con OCCAR (Organisation for Joint Armament Co-operation), che gestisce il programma multinazionale per conto delle Launch Customer Nations Germania, Francia, Regno Unito, Spagna, Turchia, Belgio e Lussemburgo. Questo è il primo contratto di supporto per tutti gli stati partecipanti all’A400M e sostituisce il Global Support agreement Step 1 firmato nel 2016, che ha fornito servizi di supporto per Francia, Spagna e Regno Unito.

Il contratto porterà i vantaggi di una suite completamente integrata di servizi comuni utilizzando risorse condivise. Fornisce una gamma completa di servizi su misura per soddisfare le esigenze dei clienti dell’A400M, dal ground support all’airworthiness e dalla manutenzione al material support.

Questo performance-based contract crea un nuovo quadro di partnership, basato su pooling e sharing , in cui industria e operatori hanno l’opportunità di esplorare nuove aree di collaborazione, concetti e servizi. La struttura modulare dei servizi consente la personalizzazione delle soluzioni secondo specifiche esigenze operative.

Il pooling and sharing sotto la gestione di Airbus consentirà ai clienti dell’A400M di beneficiare di risparmi significativi, mantenendo gli stessi standard elevati.

Questa nuova fase dell’A400M Global Support contract fornisce un pacchetto di servizi di supporto a un numero più ampio di nazioni che operano l’A400M fino alla fine del 2023. Dopo Francia, Regno Unito e Spagna, che facevano parte della prima fase, ora hanno aderito anche Turchia, Germania, Belgio e Lussemburgo.

Alberto Gutiérrez, Head of Military Aircraft at Airbus Defence and Space, ha dichiarato: “Con questo services contract stiamo lavorando insieme ai nostri clienti su soluzioni innovative mai realizzate prima su un programma militare. Dopo l’accordo con le launch customer nations sulla modifica del programme’s contract amendment, questo è un altro chiaro segnale che attraverso la collaborazione reciproca stiamo rafforzando il futuro dell’A400M”.

(Ufficio Stampa Airbus)