Boeing annuncia un piano di uscita volontario per i suoi dipendenti

Dave Calhoun, Boeing President and CEO, ha inviato oggi una lettera ai dipendenti delineando il piano volontario dell’azienda per rispondere alle attuali condizioni di mercato.

“Attraverso Boeing, siamo concentrati sul mantenere le nostre comunità al sicuro mentre la pandemia di COVID-19 raggiunge ogni angolo del globo. La nostra prima priorità è continuare a proteggere la salute e la sicurezza delle nostre persone, delle loro famiglie e delle parti interessate. Valutiamo e miglioriamo la sicurezza di ognuno dei nostri siti su base giornaliera.

Stiamo anche facendo tutto il possibile per proteggere il futuro della nostra attività. Ciò significa continuare a supportare i nostri commercial and services customers, anche se le loro attività commerciali rallentano. Significa lavorare per rispettare gli impegni nei confronti dei nostri defense and space customers. Significa mantenere la stabilità della nostra supply chain, per essere pronti a ripartire quando la pandemia sarà finita.

Soprattutto, significa fare tutto il possibile per mantenere intatto questo team. Non possiamo tornare alle normali operazioni dopo la crisi se non abbiamo le persone e le competenze per farlo”, afferma Dave Calhoun.

“Ma una cosa è già chiara: ci vorrà del tempo prima che l’industria aerospaziale si riprenda dalla crisi. Quando il mondo emergerà dalla pandemia, le dimensioni del mercato commerciale e i tipi di prodotti e servizi che i nostri clienti desiderano e di cui necessitano saranno probabilmente diversi. Dovremo bilanciare di conseguenza l’offerta e la domanda mentre l’industria attraversa il processo di recupero per gli anni a venire.

È importante iniziare subito ad adattarci alla nostra nuova realtà.

Vogliamo affrontarla attraverso il turnover naturale e le voluntary employment actions nella misura in cui possiamo farlo responsabilmente. A tal fine, stiamo avviando un piano di licenziamento volontario (voluntary layoff plan, VLO) che consente ai dipendenti idonei che desiderano uscire dall’azienda di farlo con un pacchetto retributivo e previdenziale. Questa mossa mira a ridurre la necessità di altre azioni sulla forza lavoro.

Naturalmente, mentre lo facciamo, continueremo a reclutare in determinate aree per assicurarci di essere in grado di soddisfare gli impegni dei nostri clienti ora e in futuro e far sì che le nostre attività e funzioni continueranno ad adattarsi alle mutevoli dimensioni e alle esigenze dei nostri mercati.

Maggiori informazioni sui vantaggi della VLO, su chi è idoneo e su come funziona il programma saranno disponibili tra tre o quattro settimane”, prosegue il Boeing President and CEO.

“Nel frattempo, ho promesso che sarei stato molto trasparente. Siamo in acque inesplorate. Stiamo intraprendendo azioni, inclusa l’offerta di questo piano VLO, in base a ciò che sappiamo oggi. Non posso prevedere con certezza cosa porteranno i prossimi mesi, ma posso impegnarmi a essere onesto su ciò che sta accadendo e fare tutto il possibile per proteggere le nostre persone e i nostri affari attraverso questa crisi.

Continueremo a fornire commercial, defense and space, and services programs. Continueremo a guidare il ritorno sicuro al servizio del 737 MAX. Continueremo a far avanzare i programmi ovunque possiamo farlo virtualmente. Continuerò ad essere estremamente fiducioso che Boeing non solo uscirà dalla crisi, ma prospererà di nuovo come leader del nostro settore”, conclude Dave Calhoun.

(Ufficio Stampa Boeing)