SAS: capacità a marzo ridotta di oltre il 45% rispetto allo scorso anno

A causa della pandemia COVID-19 e delle restrizioni ai viaggi imposte da molti governi, la capacità di SAS è stata ridotta di oltre il 45% rispetto allo scorso anno. Nel mese di aprile, quasi tutti i voli saranno cancellati ad eccezione di alcune rotte nazionali in Norvegia e Svezia.

“È passato poco più di un mese da quando abbiamo iniziato a essere gravemente colpiti dalla crisi Coronavirus e ora ci troviamo in una situazione mai sperimentata prima. Per la prima volta nella storia di SAS, non offriamo scheduled international flights. Da lunedì di questa settimana operiamo solo un domestic network limitato in Norvegia e Svezia. In Norvegia stiamo servendo più destinazioni rispetto alla Svezia a seguito di un accordo con il governo norvegese. Rimaniamo a disposizione delle autorità pubbliche e continuiamo a svolgere un ruolo importante nella fornitura di servizi critici per la società scandinava, incluso il trasporto di cittadini bloccati da varie parti del mondo e il trasporto di attrezzature mediche critiche. È importante per noi contribuire quando e dove possiamo in questi tempi senza precedenti e sfidanti. Tuttavia, questi voli non compensano la significativa perdita di entrate dovuta alle restrizioni di viaggio.

Alla luce del forte calo delle entrate, dobbiamo continuare ad adeguare i nostri costi in una misura possibile. Siamo stati costretti a mettere temporaneamente fuori servizio la maggioranza dei nostri dipendenti. Al momento della stesura di questo documento, quasi 11.000 dipendenti sono stati temporaneamente licenziati in Scandinavia. Abbiamo anche notificato la ridondanza permanente per circa 120 posizioni in Svezia.

Quando la crisi COVID-19 ha colpito con forza, SAS ha goduto di una forte preparazione finanziaria. Naturalmente ciò è stato utile in questa difficile situazione a causa delle restrizioni ai viaggi imposte dai governi. Siamo lieti che Danimarca, Svezia e Norvegia stiano fornendo un sostegno finanziario, tuttavia gli importi previsti non saranno sufficienti per garantire e salvaguardare le infrastrutture critiche se la situazione sarà prolungata.

SAS protegge il traffico aereo in Scandinavia da oltre 70 anni e ci manca poter accogliere i nostri clienti a bordo di quella che chiamiamo la nostra seconda casa. Spero di poter riprendere operazioni sicure e affidabili il prima possibile, ma fino ad allora vorrei ringraziare i nostri clienti per la loro pazienza e supporto, i miei colleghi di SAS per la loro dedizione e le nostre società in questi tempi difficili”, afferma Rickard Gustafson, CEO SAS.

Riguardo il traffico totale, SAS a marzo ha riportato un calo nel numero di passeggeri trasportati del 59,7% (-12,5% nel periodo novembre 2019 – marzo 2019). Il traffico in RPK a marzo è in calo del 62%, mentre la capacità in ASK è diminuita del 45,4%. Il load factor a marzo si è attestato al 49,6%, -21,8 punti percentuali.

(Ufficio Stampa Scandinavian Airlines)