Airbus riporta i risultati del primo trimestre 2020

Airbus SE ha riportato i risultati finanziari consolidati per il primo trimestre, chiuso al 31 marzo 2020.

“Abbiamo visto un solido inizio dell’anno sia a livello commerciale che industriale, ma stiamo rapidamente vedendo l’impatto della pandemia COVID-19 che si sta verificando nei numeri”, ha dichiarato Guillaume Faury, Airbus Chief Executive Officer. “Siamo nel mezzo della crisi più grave che l’industria aerospaziale abbia mai conosciuto. Stiamo implementando una serie di misure per garantire il futuro di Airbus. Abbiamo iniziato presto rafforzando la liquidità disponibile per supportare la flessibilità finanziaria. Stiamo adattando i tassi di produzione degli aeromobili commerciali in linea con la domanda dei clienti e concentrandoci sul contenimento del contante e sulla nostra struttura dei costi a lungo termine, per garantire che potremo tornare alle normali operazioni una volta che la situazione migliora. In ogni momento, la salute e la sicurezza dei dipendenti di Airbus è la nostra massima priorità. Ora dobbiamo lavorare come industria per ripristinare la fiducia dei passeggeri nel trasporto aereo, mentre impariamo a convivere con questa pandemia. Siamo concentrati sulla resilienza della nostra azienda per garantire la continuità aziendale”.

Gli ordini di aeromobili commerciali netti sono pari a 290 aerei (1° trimestre 2019: -58 aerei) con un portafoglio ordini composto da 7.650 commercial aircraft al 31 marzo 2020. Airbus Helicopters ha realizzato 54 ordini netti (1° trimestre 2019: 66 unità), di cui 21 H145, 15 UH-72 Lakota per l’esercito americano e 2 Super Puma. L’assunzione di ordini di Airbus Defence and Space di 1,7 miliardi di euro comprendeva servizi relativi agli aerei militari, nuovi contratti vinti nelle telecomunicazioni e nell’intelligence. È incluso anche il Phase 1A demonstrator contract for Europe’s Future Combat Air Systems programme.

I ricavi consolidati sono diminuiti a 10,6 miliardi di euro (1° trimestre 2019: 12,5 miliardi di euro), riflettendo il difficile contesto di mercato che ha avuto un impatto sul business degli aeromobili commerciali con 40 consegne in meno rispetto all’anno precedente, parzialmente compensato da un migliore mix e un ambiente di cambio più favorevole. Sono stati consegnati 122 aeromobili commerciali (1° trimestre 2019: 162 aeromobili), compresi 8 A220, 96 A320 Family, 4 A330 e 14 A350.

Airbus Helicopters ha consegnato 47 aeromobili (primo trimestre 2019: 46 unità) con un aumento del 19% dei ricavi che riflette il favorevole mix di consegne e la crescita dei servizi. I ricavi di Airbus Defence and Space sono stati stabili anno su anno. Un aereo da trasporto A400M è stato consegnato nel trimestre.

Consolidated EBIT Adjusted diminuito a 281 milioni di euro (1° trimestre 2019: 549 milioni di euro).

L’Airbus EBIT Adjusted di 191 milioni di euro (1° trimestre 2019: 463 milioni di euro) riflette principalmente le minori consegne di aeromobili commerciali e i relativi costi, parzialmente compensati da effetti positivi sui cambi.

Airbus ha realizzato ulteriori progressi industriali nel primo trimestre, tuttavia circa 60 velivoli non sono stati consegnati a causa della pandemia di COVID-19. Come annunciato all’inizio di aprile, a causa della situazione COVID-19, gli aircraft production rates medi degli aeromobili vengono adeguati a 40 per la famiglia A320, 2 per l’A330 e 6 per l’A350. Ciò rappresenta una riduzione di circa un terzo rispetto ai tassi di produzione medi pre-crisi. Sull’A220, la Final Assembly Line in Mirabel, Canada, dovrebbe tornare progressivamente a una rateo mensile di 4 aeromobili.

L’Airbus Helicopters EBIT Adjusted è aumentato a 53 milioni di euro (1 trimestre 2019: 15 milioni di euro), riflettendo il favorevole mix di consegne e la crescita delle sue attività di servizi.

L’EBIT Adjusted in Airbus Defence and Space è diminuito a 15 milioni di euro (1° trimestre 2019: 101 milioni di euro), riflettendo le minori performance aziendali, anche nei sistemi spaziali. A causa della gravità della pandemia coronavirus, si sta valutando l’impatto incrementale sull’attività e il piano di ristrutturazione di Defence and Space verrà adeguato di conseguenza.

Le spese consolidate autofinanziate in R&S sono state pari a 663 milioni di euro (1° trimestre 2019: 654 milioni di euro).

Consolidated EBIT (reported) pari a 79 milioni di euro (1° trimestre 2019: 181 milioni di euro), inclusi gli adeguamenti per un totale di -202 milioni di euro. Tali adeguamenti comprendevano: -33 milioni di euro relativi al costo del programma A380; -134 milioni di euro relativi a dollar pre-delivery payment mismatch and balance sheet revaluation; -35 milioni di euro di altri costi, inclusi i costi di conformità.

La consolidated reported loss per share di -0,61€ (utile per azione del 1° trimestre 2019: 0,05€) include il risultato finanziario di -477 milioni di euro (1° trimestre 2019: -43 milioni di euro). Il risultato finanziario include un importo netto di -245 milioni di euro relativo agli strumenti finanziari di Dassault Aviation e -136 milioni di euro dalla svalutazione integrale di un prestito a OneWeb. La perdita netta consolidata è stata di -481 milioni di euro (utile netto del 1° trimestre 2019: 40 milioni di euro).

Il consolidated free cash flow before M&A and customer financing ammonta a -8,030 miliardi di euro (1° trimestre 2019: -4.341 miliardi di euro) e include il pagamento di -3,6 miliardi di euro di sanzioni relative all’accordo di conformità di gennaio 2020 con le autorità.

Nonostante le minori consegne di aeromobili commerciali e il significativo accumulo di scorte, il free cash flow before M&A and customer financing è a un livello simile rispetto al primo trimestre del 2019, escludendo il pagamento della penalità. Consolidated free cash flow pari a -8,501 miliardi di euro (1° trimestre 2019: -4,448 miliardi di euro). La consolidated net cash position è pari a 3,6 miliardi di euro al 31 marzo 2020 (fine anno 2019: 12,5 miliardi di euro) con una gross cash position di 18,4 miliardi di euro (fine 2019: 22,7 miliardi di euro).

Dato l’attuale ambiente COVID-19, alla fine di marzo 2020 sono state annunciate varie misure per proteggere la liquidità finanziaria della Società e continuare a finanziare le sue operazioni. Tra questi, la garanzia di una nuova linea di credito per un importo di 15 miliardi di euro, la revoca della proposta di dividendo del 2019 e la sospensione della ricarica volontaria nel finanziamento delle pensioni. Inoltre, è stata emessa un’obbligazione da 2,5 miliardi di euro, che ha parzialmente compensato la linea di credito da 15 miliardi di euro, stabilita il 7 aprile 2020. Nei prossimi trimestri la Società continuerà a concentrarsi sulla conservazione della liquidità e ridurrà i deflussi di liquidità. Oltre a ridurre le spese in conto capitale previste per il 2020 da circa 700 milioni di euro a circa 1,9 miliardi di euro, le misure attivate comprendono anche il differimento e la sospensione di attività che non sono fondamentali per la continuità aziendale e per rispettare gli impegni dei clienti e di conformità.

Anche gli orientamenti per il 2020 sono stati ritirati a marzo. L’impatto di COVID-19 sull’attività continua a essere valutato e data la visibilità limitata, in particolare per quanto riguarda la situazione delle consegne, non viene emessa alcuna nuova guidance.

(Ufficio Stampa Airbus)