KLM avvia un ripristino graduale del suo network europeo

Il network europeo di KLM fortemente ridotto è configurato per connettersi con il maggior numero possibile di voli nel network intercontinentale. Alcune rotte verranno gradualmente riaperte, ma potrebbero cambiare settimanalmente, a seconda delle misure adottate dalle autorità nelle destinazioni.

L’obiettivo di KLM per maggio è la ripresa del 15% dei suoi voli, rispetto al periodo precedente l’epidemia di Covid-19. Un numero considerevole di voli intercontinentali è attualmente operante come cargo-only.

A partire dal 4 maggio 2020, KLM riprenderà il servizio – un volo giornaliero, sette giorni alla settimana – verso le seguenti destinazioni: Barcellona, Madrid, Roma, Milano, Budapest, Praga, Varsavia, Helsinki.

I voli saranno operati con aeromobili Embraer. Informazioni aggiornate sono disponibili su KLM.com o nell’app KLM.

Dall’inizio dell’epidemia di Covid-19, KLM ha introdotto molte misure in materia di screening e igiene per proteggere i clienti e il personale KLM, a bordo e negli aeroporti. La politica di KLM si basa su linee guida nazionali e internazionali (OMS, IATA) ed è conforme alle leggi e ai regolamenti internazionali. In situazioni in cui il distanziamento sociale non può essere garantito, l’uso delle maschere sarà raccomandato o reso obbligatorio. Alcune destinazioni richiedono già di indossare maschere facciali a bordo dei voli.

A partire dall’11 maggio e contemporaneamente al ripristino del network KLM, le maschere saranno obbligatorie a bordo e durante l’imbarco. I passeggeri sono responsabili di reperire le proprie maschere facciali. Vista la natura mutevole delle normative e della legislazione, fino a nuovo avviso, le maschere resteranno obbligatorie fino al 31 agosto 2020.

(Ufficio Stampa KLM)