Rolls-Royce propone una importante riorganizzazione per affrontare l’impatto a medio termine di Covid-19

“L’impatto di COVID-19 su Rolls-Royce e sull’intera industria aeronautica non ha precedenti. Abbiamo già preso provvedimenti per rafforzare la resilienza finanziaria della nostra attività e ridurre le nostre spese cash nel 2020. È tuttavia sempre più chiaro che l’attività nel commercial aerospace market richiederà diversi anni per ritornare ai livelli visti solo pochi mesi fa. Dobbiamo ora affrontare questi cambiamenti strutturali a medio termine, poiché la domanda dei clienti si ridurrà in modo significativo per i nostri civil aerospace engines and aftermarket services”, afferma Rolls-Royce.

Warren East, Rolls-Royce CEO, ha dichiarato: “Questa non è una crisi dovuta a noi, ma è la crisi che affrontiamo e dobbiamo affrontarla. I nostri airline customers and airframe partners devono adattarsi e così anche noi. Dire che non c’è più un lavoro per te è una prospettiva terribile ed è particolarmente difficile quando tutti noi siamo così orgogliosi di lavorare per Rolls-Royce. Ma dobbiamo prendere decisioni difficili per la nostra attività in questi tempi senza precedenti. I governi di tutto il mondo stanno facendo il possibile per aiutare le imprese a breve termine, ma dobbiamo rispondere alle condizioni del mercato a medio termine, fino a quando il mondo dell’aviazione non volerà di nuovo su larga scala. I governi non potranno sostituire la domanda sostenibile dei clienti, che semplicemente non c’è. Dobbiamo fare questo nel modo giusto, il che significa che lavoreremo a stretto contatto con i nostri dipendenti e rappresentanti sindacali a seconda dei casi, esamineremo eventuali alternative per mitigare l’impatto, consulteremo tutti gli interessati e tratteremo le nostre persone con dignità e rispetto”.

“Proponiamo un’importante riorganizzazione della nostra attività per adattarci al nuovo livello di domanda che stiamo vedendo dai clienti. Di conseguenza, prevediamo la perdita di almeno 9.000 ruoli della nostra forza lavoro globale di 52.000. Oltre ai risparmi generati da questa riduzione del personale, taglieremo anche le spese in impianti e proprietà, capitale e altre aree di costo indiretto. La riorganizzazione proposta dovrebbe generare un risparmio annuo di oltre 1,3 miliardi di sterline, di cui prevediamo un contributo di circa 700 milioni di sterline. I costi di ristrutturazione della liquidità relativi a queste azioni saranno probabilmente intorno a £800 milioni, con deflussi sostenuti tra il 2020 e il 2022.

La riorganizzazione proposta influenzerà principalmente la nostra attività nel Civil Aerospace business, dove effettueremo una revisione dettagliata dell’impronta della nostra struttura. Ciò avrà anche implicazioni per le nostre funzioni di supporto centrali. I nostri Power Systems business and ITP Aero stanno attualmente sviluppando, negoziando ed eseguendo misure estese per far fronte alla situazione attuale. Il nostro Defence business, con sede nel Regno Unito e negli Stati Uniti, è stato solido durante la pandemia, con una prospettiva invariata e non ha bisogno di ridurre il personale. Nell’ambito della riorganizzazione, garantiremo che la nostra internal Civil Aerospace supply chain continui a supportare i nostri defence programmes ed esploreremo tutte le opportunità per spostare le persone nel nostro Defence business.

A causa della necessità di consultare i dipendenti e i rappresentanti sindacali appropriati, in questa fase non stiamo fornendo ulteriori dettagli sull’impatto della riorganizzazione proposta su siti o paesi specifici. La ristrutturazione annunciata il 14 giugno 2018 passerà a questa riorganizzazione proposta più ampia. Incentrato principalmente sulla riduzione della complessità delle nostre funzioni di supporto e gestione, il programma ha sostanzialmente raggiunto i suoi obiettivi”, prosegue Rolls-Royce.

Warren East ha aggiunto: “Le scelte strategiche che abbiamo fatto negli ultimi anni ci hanno aiutato a rispondere rapidamente a COVID-19 e le sinergie tra le nostre divisioni ci lasciano in una buona posizione per capitalizzare il potenziale a lungo termine dei nostri mercati. Il mondo dall’altra parte di questa pandemia avrà bisogno della potenza che generiamo per alimentare la ripresa economica. Credo assolutamente che la richiesta di una potenza più sostenibile sia più forte che mai. Questo gioca tra i nostri punti di forza. Dobbiamo assicurarci di essere in grado di continuare a innovare e svolgere il nostro ruolo di leader, consentendo ai settori vitali in cui operiamo di raggiungere net zero carbon emissions. Siamo emersi da tempi difficili, per ottenere cose incredibili. Lo faremo di nuovo”.

(Ufficio Stampa Rolls-Royce)