News Brevi – 26.05.2020

EASYJET: IL CFO LASCERA’ LA COMPAGNIA A MAGGIO 2021 – easyJet plc annuncia che Andrew Findlay (Chief Financial Officer della compagnia) ha informato il Board della sua intenzione di lasciare easyJet. In conformità con i suoi obblighi contrattuali, dovrebbe lasciare easyJet nel maggio 2021. Nel frattempo, Andrew continuerà con le sue responsabilità esistenti e inizierà la ricerca del suo successore. Commentando l’annuncio, Johan Lundgren, CEO di easyJet, ha dichiarato: “Andrew e io abbiamo lavorato molto bene insieme. In qualità di membro di vecchia data dell’Airline Management Board, Andrew continua a fornire una solida guida riguardo l’orientamento finanziario. Ciò è stato particolarmente vero negli ultimi mesi, quando si è assicurato rapidamente la liquidità e ha prodotto una significativa riduzione del cash burn. Parlo a nome dei miei colleghi in quanto ci dispiacerà vederlo partire l’anno prossimo, tuttavia non vediamo l’ora di lavorare con Andrew nei prossimi 12 mesi, poiché riusciremo a guidare easyJet con successo in questi tempi senza precedenti per l’industria. Vorrei ringraziare Andrew per il suo continuo contributo per garantire il successo a lungo termine di easyJet”. Andrew Findlay ha detto: “Anche se ho avvisato di lasciare easyJet entro un anno, rimango pienamente impegnato nel business per supportare Johan e per garantire che easyJet percorra con successo questo periodo senza precedenti per il settore delle compagnie aeree. Entro la fine del mio periodo di preavviso sarò stato con questa grande compagnia per quasi 6 anni e sarà il momento giusto per passare le redini finanziarie a qualcuno che aiuterà a portare easyJet nel prossimo capitolo”.

LEONARDO: L’ELICOTTERO AW159 WILDCAT CONDUCE I PRIMI LANCI DI SUCCESSO DEL “MARTLET” LIGHTWEIGHT MULTIROLE MISSILE – Leonardo e Thales annunciano i primi lanci riusciti del Thales ‘Martlet’ Lightweight Multirole Missile (LMM) dall’elicottero Wildcat AW159 di Leonardo. I lanci sono stati condotti nell’ambito dell’UK MoD’s Future Anti-Surface Guided Weapon (FASGW) programme e hanno dimostrato l’integrazione del Martlet sulla piattaforma AW159. Ciò rappresenta un’importante pietra miliare per il programma e consentirà a questa capacità di entrare in servizio con la Royal Navy entro la fine dell’anno. “Questo importante traguardo dimostra che la combinazione tra AW159 Wildcat and Martlet missile sarà uno strumento flessibile ed efficace per la Royal Navy. L’anno prossimo la flotta Wildcat sarà imbarcata per Carrier Strike Group missions sulla HMS Queen Elizabeth, per il loro primo schieramento operativo. Siamo estremamente orgogliosi di dotare le forze armate britanniche di capacità di livello mondiale”, ha dichiarato Nick Whitney, Managing Director of Leonardo Helicopters (UK). “I lanci di successo del Thales LMM Martlet dall’AW159 Wildcat sono una pietra miliare chiave nel programma, offrendo un significativo cambiamento di capacità della piattaforma. LMM Martlet garantirà che il Wildcat disponga della migliore capacità offensiva della classe per proteggere la HMS Queen Elizabeth durante il suo primo scheiramento operativo l’anno prossimo”, ha dichiarato Philip McBride, General Manager, Integrated Airspace-protection Systems, Thales UK. A bordo della AW159 Wildcat platform, il LMM Martlet potrebbe consentire agli operatori di ingaggiare air targets come UAV e altri maritime helicopters. L’AW159 è stato scelto anche da British Army, Republic of Korea Navy e Philippine Navy.

AIRBUS: CONTRATTO CON ESA PER LA PRODUZIONE DEL TERZO EUROPEAN SERVICE MODULE PER L’ORION SPACECRAFT DELLA NASA – L’European Space Agency (ESA) ha firmato un contratto con Airbus per la costruzione del terzo European Service Module (ESM) per Orion, American crewed spacecraft. Il contratto ha un valore di circa €250 milioni. Ordinando questo service module aggiuntivo, l’ESA garantisce la necessaria continuità nel programma Artemis della NASA. Il terzo European Service Module (Artemis III Mission) sarà utilizzato per far volare gli astronauti nello spazio nel 2024, i primi ad atterrare sulla Luna da Apollo 17, in seguito a una pausa di oltre 50 anni. “Il nostro know-how e la nostra competenza ci consentiranno di continuare a facilitare le future Moon missions attraverso international partnerships”, afferma Andreas Hammer, Head of Space Exloration at Airbus. “Lavorando insieme ai nostri clienti ESA e NASA e al nostro partner industriale Lockheed Martin, ora abbiamo una base di pianificazione affidabile per le prime tre missioni lunari. Questo contratto è un sostegno dell’approccio comune che combina il meglio delle tecnologie spaziali europee e americane”. Il primo non-crewed Orion test flight con un European Service Module (Artemis I) volerà nel 2021. Nell’ambito della seguente missione, Artemis II, i primi astronauti voleranno quindi intorno alla Luna e torneranno sulla Terra. L’ESM fornirà propulsion, power, air and water agli astronauti, oltre al thermal control del nuovo NASA spacecraft.