IATA: necessarie misure di rilievo per le compagnie durante la stagione invernale

L’International Air Transport Association (IATA) ha avvertito che l’industria delle compagnie aeree ha davanti una dura stagione invernale e ha invitato i governi di tutto il mondo a continuare a fornire misure di soccorso mentre la crisi COVID-19 continua.

“Le compagnie aeree dovrebbero registrare una perdita di $84,3 miliardi nel 2020 e gli aiuti finanziari dei governi sono un’ancora di salvezza per molte compagnie aeree. La maggior parte delle compagnie aeree guadagna denaro nella stagione estiva settentrionale, mentre la stagione invernale, anche nei periodi migliori, è una lotta per rimanere redditizi. Ad esempio, il margine di profitto netto del 2019 per le compagnie aeree europee ha seguito il normale andamento stagionale ed era rispettivamente del 9% e del 17% nel secondo e terzo trimestre (estate settentrionale). Ma è iniziato al -1% nel primo trimestre e ha chiuso l’anno al 2% nel quarto trimestre (inverno settentrionale). La stagione invernale sarà ancora più impegnativa in vista della ripresa da COVID-19″, afferma IATA.

La ricerca riguardo l’opinione pubblica nella prima settimana di giugno 2020 ha mostrato una maggiore cautela tra i viaggiatori nel tornare a viaggiare. Solo il 45% dei viaggiatori intervistati intende rientrare a volare entro pochi mesi dalla scomparsa della pandemia. Un ulteriore 36% ha dichiarato che avrebbe aspettato sei mesi. Si tratta di un cambiamento significativo rispetto all’aprile 2020, quando il 61% ha dichiarato che sarebbe tornato a viaggiare entro pochi mesi dalla scomparsa della pandemia e il 21% ha risposto che avrebbe aspettato circa sei mesi.

I risultati del sondaggio sono confermati dalle tendenze chiave dei passeggeri che dimostrano una continua incertezza del mercato.

Le prenotazioni complessive sono in calo dell’82% rispetto all’anno precedente rispetto a giugno 2019. Le prenotazioni a lungo raggio per la prima settimana di novembre 2020 sono inferiori del 59% ai livelli normali. Le tendenze storiche mostrano che circa il 14% dei biglietti aerei viene venduto 22 settimane prima del viaggio. Le attuali prenotazioni per 1-7 novembre mostrano che i biglietti sono stati venduti solo al 5% del numero di passeggeri del 2019. I passeggeri prenotano più vicino al momento del viaggio. Le prenotazioni per viaggi di 20 o più giorni in futuro rappresentavano il 29% delle prenotazioni effettuate nel maggio 2020, in calo dal 49% nel 2019. Allo stesso modo, il 41% delle prenotazioni effettuate nel maggio 2020 erano per viaggi entro 3 giorni, più del doppio del 18% a maggio 2019.

“Le persone stanno tornando nei cieli ma l’orizzonte di incertezza della crisi COVID-19 si sta allargando. Le prenotazioni anticipate sono in calo e le persone stanno proteggendosi prenotando più vicino al tempo del viaggio. Le compagnie aeree nell’emisfero settentrionale fanno affidamento su una forte stagione estiva e su una curva di prenotazione prevedibile per superare i mesi difficili. Ma nessuna di queste condizioni è in atto e le compagnie aeree avranno bisogno del continuo aiuto dei governi per sopravvivere a un inverno rigido. Le compagnie aeree avranno bisogno di molta più flessibilità per pianificare gli orari intorno a queste mutevoli tendenze dei consumatori. La flessibilità finanziaria e operativa equivale alla sopravvivenza”, ha affermato Alexandre de Juniac, IATA’s Director General and CEO.

La IATA ha evidenziato quattro aree chiave in cui i governi potrebbero assistere le compagnie aeree:
– Estensione della rinuncia dalla 80-20 use-it-or-lose-it rule nelle Worldwide Airport Slot Guidelines, dato che in questi tempi straordinari le compagnie aeree hanno bisogno di molta più flessibilità per pianificare gli orari e le decisioni aziendali critiche non dovrebbero essere compromesse dall’assegnazione degli slot progettata per tempi normali. “Ci sono state buone ragioni per cui la regola 80-20 è stata revocata per la stagione estiva. I regolatori dovrebbero applicare di nuovo lo stesso approccio di buon senso e rinunciare alla regola anche per la stagione invernale”, ha affermato de Juniac.

– Assistenza finanziaria continua in modi che non aumentano i livelli del debito del settore che sono aumentati drasticamente.

– Ampliamenti per sussidi salariali e misure di sgravio fiscale delle società.

– Evitare aumenti di oneri e commissioni. Mentre gli aeroporti e i fornitori di servizi di navigazione aerea hanno subito un calo delle entrate, durante il periodo di riavvio è necessario evitare forti aumenti delle tariffe poiché ciò avrà un impatto grave sui dati finanziari delle compagnie aeree e sulla ripresa del mercato. Allo stesso modo, i governi dovrebbero coprire i costi delle nuove misure sanitarie imposte a seguito di COVID-19.

“Ogni giorno vediamo viaggiare più persone. È positivo per l’economia. I numeri si stanno muovendo nella giusta direzione, ma non siamo affatto vicini a livelli normali o sostenibili di attività. Le misure di aiuto finanziario sono ancora disperatamente necessarie. E le misure di riduzione delle politiche come una rinuncia all’uso dello slot rimangono critiche. I governi devono concedere questo entro la fine di luglio per fornire almeno quella certezza per questo settore assediato”, ha detto de Juniac.

(Ufficio Stampa IATA)