Il network di KLM recupera nell’offerta di destinazioni, pur con capacità inferiore

Il network europeo di KLM crescerà nei prossimi mesi da 72 destinazioni in luglio a 91 destinazioni in agosto, settembre e ottobre. Il numero di destinazioni intercontinentali aumenterà da 51 a luglio a 59 in agosto, 61 a settembre e ottobre. Di conseguenza, KLM offre ai suoi clienti la più ampia scelta possibile di destinazioni. La capacità in voli e posti, tuttavia, è ancora molto al di sotto del livello precedente a COVID-19.

Rispetto al 2019 la rete europea è praticamente al livello pre-COVID-19 in termini di numero di destinazioni. Tra agosto e ottobre 2019 KLM ha offerto 92 destinazioni europee. Tuttavia, il numero di voli è ancora molto indietro rispetto al livello del 2019.

La rete intercontinentale è ancora leggermente indietro rispetto allo scorso anno, quando tra agosto e ottobre sono state offerte 69 destinazioni. Attualmente, un terzo dei voli intercontinentali trasporta solo merci. Non appena le regole di viaggio locali lo consentiranno, KLM ricomincerà a trasportare passeggeri su questi voli. Anche il numero di voli intercontinentali è decisamente inferiore.

KLM ha scelto di espandere prima il numero di destinazioni, in modo che i clienti abbiano la scelta più ampia possibile. Il prossimo passo è aumentare le frequenze o aumentare la capacità distribuendo aeromobili più grandi su determinate rotte.

Naturalmente, KLM ha adottato misure per garantire che i voli siano sicuri sia per i passeggeri che per il personale. Ad esempio, le maschere per il viso sono obbligatorie durante l’imbarco e durante il volo, a bordo sono presenti equipaggiamenti igienici extra e gli aeromobili di KLM vengono puliti con estrema cura. L’aria a bordo viene ricambiata rapidamente utilizzando i filtri HEPA.

Inoltre KLM si adatta naturalmente alle mutevoli circostanze, con i governi in vari paesi che adottano nuove misure.

Sono state inoltre aggiunte nuove destinazioni: Cork (Irlanda), Southampton (Regno Unito) e Riyadh (Arabia Saudita). La crisi ha avuto un forte impatto sul settore aereo. L’offerta e la domanda è ora soggetta a maggiori e più rapidi cambiamenti rispetto a prima. Ciò significa che KLM deve mantenere una rete particolarmente resiliente. Una minore domanda su alcune rotte è compensata dall’apertura di nuove rotte. Inoltre, KLM sta rafforzando la sua posizione sul mercato, in questo caso, Irlanda, Regno Unito e Medio Oriente.

Utilizzando gli Embraer 175, Cork e Southampton saranno servite ogni giorno con effetto rispettivamente dal 3 e dal 31 agosto. Riyadh verrà servita quattro volte a settimana utilizzando aeromobili Airbus A330 a partire dal 28 settembre.

(Ufficio Stampa KLM)