Airbus: il Beluga XL entra in servizio a Getafe

BelugaXL Getafe

Il BelugaXL ha recentemente ampliato la sua portata operativa aggiungendo al suo network la facility di Airbus a Getafe, in Spagna. Questo velivolo “n. 2” – il secondo a volare – sta lavorando insieme ai cinque predecessori BelugaST basati sull’A300-600. Oggi il nuovo velivolo opera diversi voli a settimana, trasportando tutti gli Airbus family horizontal tailplanes, le A350 XWB Section 19 (prodotte in Getafe) e le A350 XWB wing lower covers (prodotte in Illescas), da Getafe ad altri siti Airbus a Tolosa, Amburgo e Broughton. Il sito stesso di Getafe dispone anche di un hangar di 7.200 m2 dedicato alle operazioni di carico e scarico della flotta Beluga. Oltre alle sue missioni su Getafe, il nuovo trasportatore sta anche portando altre importanti parti di aeromobili tra i vari siti Airbus. Il primo BelugaXL ha volato a luglio 2018. Questo velivolo “n. 1” è incaricato di continui flight test ed evoluzioni. L’entrata in servizio del primo BelugaXL operativo (aeromobile “n. 2”), è avvenuto da Tolosa a Broughton il 9 gennaio di quest’anno. L’aereo “n. 3” ha effettuato il suo primo volo nel luglio di quest’anno ed entrerà in servizio nel quarto trimestre del 2020. Entro il 2023 un totale di sei aeromobili BelugaXL con base A330 opereranno tra i siti Airbus europei. Lanciato nel novembre 2014, il programma BelugaXL ha ottenuto la Type Certification da EASA nel novembre 2019, a seguito di un’intensa campagna di certificazione che l’ha visto completare più di 200 flight test, con oltre 700 ore di volo.

Airbus ha inoltre comunicato altre notizie importanti riguardo la sua attività.

First metal cut per l’ A321XLR Rear Centre Tank section

Dopo il recente “first metal cut”, è in corso la produzione del primo Rear Center Tank (RCT) per il nuovo long range A321XLR. L’RCT, che è unico per questa variante, è un high-capacity fuel tank installato in modo permanente che consente il massimo utilizzo volumetrico della aircraft’s lower fuselage. La RCT structure, integratata nelle fuselage Sections 15 e 17, si trova dietro la main landing gear bay e può contenere fino a 12.900 litri, più carburante di quanto diversi Additional Centre Tanks (ACT) opzionali combinati potessero contenere in precedenza nella famiglia A321. Inoltre, poiché l’RCT occupa meno spazio, libera underfloor volume per cargo e bagagli aggiuntivi su rotte a lungo raggio fino a 4.700 miglia nautiche. Premium AEROTEC, che è stata commissionata da Airbus nel settembre 2019 per la produzione dell’RCT, sta attualmente completando il sottogruppo nel suo stabilimento di Augusta, in Germania. Questa fase prevede la produzione delle altre parti RCT, seguita dall’assemblaggio strutturale, dall’equipaggiamento dei sistemi e dai test prima della consegna alla Airbus major component assembly (MCA) facility ad Amburgo all’inizio del prossimo anno, dove il serbatoio sarà integrato nella fusoliera del velivolo. L’A321XLR, il prossimo passo evolutivo nei single-aisle products di Airbus, è stato progettato per massimizzare la commonality con il resto della famiglia A320neo, introducendo al contempo modifiche minime necessarie per dare all’aereo un Xtra Long Range, con un aumento del payload.

Airbus propone MEDEVAC conversion di aeromobili passeggeri

Un team multifunzionale composto da Airbus Commercial Aircraft, Airbus Defence and Space e Airbus Helicopters ha proposto una soluzione per convertire rapidamente gli aerei passeggeri in una configurazione Medical-Evacuation (“MEDEVAC”) da offrire ai clienti di tutto il mondo. La DGS francese (Direction Générale de la Santé) ha sostenuto attivamente Airbus fornendo tutte le specifiche mediche associate ai pazienti in terapia intensiva e low care. In sei settimane il team ha definito soluzioni basate sulla piattaforma A330/A340 in grado di trasportare pazienti COVID-19 in terapia intensiva su una distanza a lungo raggio. Il concetto è stato successivamente perfezionato e Airbus è ora in grado di offrire una soluzione matura a tutti i clienti che desiderano eseguire operazioni MEDEVAC.

L’Airbus Flight Training COVID taskforce prepara il ritorno delle global operations

La task force COVID dedicata di Airbus Flight Training sta implementando in modo proattivo misure per guidare i propri clienti e le parti interessate attraverso la crisi e per prepararli alla ripresa delle normali operazioni in tutto il mondo. A tal fine, la task force ha recentemente implementato varie misure attraverso l’Airbus global training network, le National Aviation Authorities e gli Airbus operators. Oltre alle soluzioni di base (come la fornitura di linee guida per la salute e la sicurezza, il mantenimento di un team centrale “pronto” in ogni centro di formazione e la guida alle autorità nazionali), Airbus Flight Training ha anche implementato diverse soluzioni strategiche. Queste ultime includono: ulteriore diffusione dell’istruzione in aula tramite videoconferenza per consentire all’ab-initio theoretical training di proseguire nel flight school network; incremento del distance-learning nella advanced flight training phase chiamata “Extended Flight Training Distance” (EFTD); programma di recency rinnovato che si adatta alla nuova realtà; Airbus Pilot Re-launch Program” (APRP), che fornisce diverse soluzioni per l’addestramento dei piloti che sono stati a terra per un periodo prolungato.

Airbus presenta la Skywise Parking Management app

Con la nuova app Skywise di Airbus, le compagnie aeree possono ora taggare i loro aeromobili a terra e parcheggiarli virtualmente in aeroporti / stazioni (hangar, gate, taxiway, ecc.), utilizzando la Skywise open data platform. Con l’app, le compagnie aeree possono estrarre rapidamente dati contestuali come l’età di un aereo, i controlli più recenti e successivi, l’ultima revisione importante e altro ancora. Ciò consente loro di decidere in modo efficiente dove riporre ogni singolo aereo e in quale ordine. L’app semplifica il compito di rintracciare e sapere quali dei loro aeromobili sono immagazzinati in quale posizione e quali attività di manutenzione devono essere eseguite per mantenere l’aeronavigabilità. Inoltre, una volta che la domanda dei passeggeri ritornerà, le compagnie aeree potranno identificare gli aerei ottimali da riportare in servizio e generare una lista di controllo delle attività di manutenzione necessarie, un’altra sfida che questa app rende molto più facile per le compagnie aeree risolvere.

NAVBLUE lancia RunwaySense

NAVBLUE, flight operations subsidiary di Airbus, ha lanciato un nuovo servizio chiamato “RunwaySense”, che consente alle compagnie aeree e agli aeroporti di valutare e segnalare accuratamente le condizioni della pista utilizzando gli aeromobili Airbus come “sensori”. Utilizzando il nuovo sistema, gli aeroporti possono utilizzare i dati degli aeromobili per informare le loro runway clearing operations, il che consente una migliore tempistica delle attività di pulizia della pista e un’applicazione più mirata di sostanze chimiche antighiaccio. Inoltre, con l’ICAO Global Reporting Format (GRF) obbligatorio, che entrerà in vigore nel novembre 2021, questi dati contribuiscono ai requisiti di segnalazione degli aeroporti con informazioni accurate e quasi in tempo reale sulle performance della pista. Le compagnie aeree possono anche utilizzare questi dati per monitorare meglio le loro operazioni poiché condividono i dati che i loro aeromobili hanno generato internamente o accedono ai dati generati da altri operatori.

Airbus Interiors Services: accordo con Aerkomm per  K++ connectivity installation in retrofit sulla A320 family

Airbus Interiors Services (AIS) e Aerkomm hanno firmato un accordo che consente l’installazione della soluzione Aerkomm K++ in-flight connectivity (IFC) sugli aeromobili della famiglia Airbus A320, in retrofit. AIS svilupperà, installerà e certificherà il sistema Aerkomm K++ su un A320 test aircraft, secondo gli standard di certificazione EASA e FAA. Service Bulletins (SBs) and kits saranno forniti da AIS, applicando l’esperienza di Airbus per i clienti della famiglia A320. L’accordo prevede anche il supporto di Airbus per l’integrazione su aeromobili e le opere di ingegneria. Il sistema Aerkomm K++ fornirà ai passeggeri un’esperienza di rete utilizzando una soluzione tecnologica in banda Ka, fornendo accesso alla on-board Wi-Fi internet connectivity ai dispositivi personali dei passeggeri. Questo sistema fornirà inoltre ai passeggeri l’accesso a servizi di e-commerce come acquisti a bordo e servizi di viaggio. Il nuovo sistema IFC sarà anche compatibile con la prossima generazione di satelliti.

(Ufficio Stampa Airbus – Photo Credits: Airbus)