Delta Air Lines annuncia i risultati finanziari del trimestre di settembre 2020

Delta WingDelta Air Lines ha pubblicato oggi i risultati finanziari per il trimestre di settembre 2020.

“Sebbene i risultati del trimestre di settembre dimostrino l’entità della pandemia sulla nostra attività, siamo stati incoraggiati dal fatto che più clienti viaggiano e stiamo assistendo a un percorso di progressivo miglioramento dei nostri ricavi, risultati finanziari e cash burn giornaliero”, ha affermato Ed Bastian, Delta’s chief executive officer. “Le azioni che stiamo intraprendendo ora per prenderci cura delle nostre persone, semplificare la nostra flotta, migliorare l’esperienza del cliente e rafforzare il nostro brand consentiranno a Delta di accelerare verso una ripresa post-COVID”.

September quarter 2020 GAAP pre-tax loss pari a $6,9 miliardi e perdita per azione di $8,47, su un total revenue di $3,1 miliardi. September quarter 2020 adjusted pre-tax loss pari a $2,6 miliardi e perdita rettificata per azione di $3,30, su un adjusted revenue di $2,6 miliardi.

L’adjusted pre-tax loss pari a $2,6 miliardi esclude $4,0 miliardi di elementi direttamente correlati all’impatto di COVID-19 e alla risposta della compagnia, inclusi gli oneri di ristrutturazione relativi alla flotta, gli oneri per la separazione volontaria e i programmi di pensionamento anticipato per i dipendenti Delta, che erano parzialmente compensati dal beneficio del contributo del CARES Act riconosciuto nel trimestre.

Alla fine del trimestre di settembre, la compagnia aveva $21,6 miliardi di liquidità. Durante il trimestre di settembre, il cash burn è stato in media di $24 milioni al giorno e di $18 milioni al giorno per il mese di settembre

I total adjusted revenue di Delta di $2,6 miliardi per il trimestre di settembre sono diminuiti del 79% rispetto al trimestre di settembre 2019 poiché la domanda di viaggi aerei rimane sotto pressione significativa. I passenger revenue sono diminuiti dell’83%, con una capacità inferiore del 63%. I flussi di entrate non legate ai biglietti hanno registrato prestazioni relativamente migliori rispetto ai passenger revenue, con total loyalty revenue in calo del 60% e il cargo in calo del 25%.

“Con una crescita lenta e costante della domanda, stiamo ripristinando i voli per soddisfare le esigenze dei nostri clienti, rimanendo agili con la nostra capacità alla luce di COVID-19”, ha affermato Glen Hauenstein, presidente di Delta. “Anche se potrebbero volerci due anni o più prima di vedere un ambiente di ricavi normalizzato, ripristinando la fiducia dei clienti nei viaggi e costruendo la fedeltà dei clienti, stiamo creando le basi per una crescita sostenibile dei ricavi futuri”.

Delta ha intrapreso una serie di azioni per portare la compagnia ad accelerare una ripresa post-COVID. Attraverso programmi di separazione volontaria e prepensionamento, congedi volontari non retribuiti, condivisione del lavoro e altre iniziative, la compagnia è stata in grado di evitare licenziamenti involontari per i dipendenti di terra e assistenti di volo.

Riguardo la flotta, Delta ha ristrutturato l’Airbus and CRJ aircraft order books, per far corrispondere meglio i tempi di consegna degli aeromobili con le esigenze di network e finanziarie nei prossimi anni. La ristrutturazione riduce gli impegni di acquisto di aeromobili di oltre 2 miliardi di dollari nel 2020 e di oltre 5 miliardi di dollari fino al 2022. La strategia di semplificazione della flotta è stata accelerata, mirando a modernizzare e razionalizzare la flotta, migliorando l’esperienza del cliente e generando risparmi sui costi. La compagnia ha annunciato l’intenzione di accelerare il ritiro di quasi 400 aeromobili entro il 2025.

26 MD-90, 7 767-300ER, 10 A320, 47 MD-88 sono stati ritirati a giugno 2020. 10 737-700 sono stati ritirati a settembre 2020. 18 777 saranno ritirati entro dicembre 2020, 125 CRJ-200 entro dicembre 2023, 91 717 entro dicembre 2025, 49 767-300ER entro dicembre 2025, per un totale di 383 aeromobili.

“I nostri risultati di questo trimestre sono stati sostenuti da una forte attenzione ai costi, poiché abbiamo ridotto le adjusted operating expenses di oltre il 50%, in modo simile al trimestre di giugno, nonostante voliamo 23 punti di capacità in più”, ha affermato Paul Jacobson, chief financial officer di Delta. “Questa focalizzazione sui costi ha consentito un miglioramento del nostro daily cash burn, che è migliorato da $27 milioni al giorno a giugno a $18 milioni al giorno a settembre”.

(Ufficio Stampa Delta Air Lines – Photo Credits: Delta Air Lines)