Delta Air Lines annuncia i risultati finanziari del trimestre di giugno 2021

Delta Air Lines aircraftDelta Air Lines ha presentato i risultati finanziari per il trimestre chiuso a giugno 2021 e ha fornito le sue prospettive per il trimestre di settembre 2021.

“Con i migliori dipendenti e operazioni del settore e un contesto di domanda in accelerazione, abbiamo raggiunto traguardi significativi nel trimestre, tra cui un solido utile ante imposte nel mese di giugno, un positive free cash flow per il trimestre di giugno, inoltre le nostre persone e il nostro brand sono stati riconosciuti con il top spot nel J.D. Power 2021 Airline Study”, ha affermato Ed Bastian, Delta’s chief executive officer. “Guardando al futuro, stiamo sfruttando la potenza del nostro brand differenziato e i vantaggi competitivi resilienti per guidare verso una redditività sostenibile nella seconda metà del 2021 e consentire la creazione di valore a lungo termine”.

“I viaggi leisure domestici sono completamente tornati ai livelli del 2019 e ci sono incoraggianti segnali di miglioramento nei viaggi d’affari e internazionali. Con la ripresa che prende vigore, stiamo effettuando investimenti per supportare la nostra attività leader del settore. Stiamo anche acquisendo opportunisticamente aerei e creando flessibilità al rialzo per accelerare il nostro ripristino della capacità nel 2022 e oltre in modalità capital-disciplined”, ha affermato.

L’ adjusted pre-tax loss, pari a $881 milioni, esclude $1,5 miliardi di benefici relativi alle first and second payroll support program extensions (rispettivamente PSP2 e PSP3,) e aggiustamenti mark-to-market sugli investimenti.

Adjusted operating revenue pari a $6,3 miliardi, diminuiti del 49% su una capacità vendibile inferiore del 39% rispetto al trimestre di giugno 2019.

Total operating expense, che includono $1,5 miliardi di benefici relativi a PSP2 e PSP3, diminuite di $4,1 miliardi rispetto al trimestre di giugno 2019. Rettificate per i benefici relativi ai programmi PSP e third-party refinery sales, le spese operative totali sono diminuite di $3,3 miliardi, o del 32%, nel trimestre di giugno 2021 rispetto al periodo comparabile del 2019. Generati $1,9 miliardi di operating cash flow.

Alla fine del trimestre di giugno, la compagnia disponeva di $17,8 miliardi di liquidità, inclusi contanti e mezzi equivalenti, investimenti a breve termine e linee di credito revolving non utilizzate. La compagnia aveva debiti totali e obblighi di locazione finanziaria di $29,1 miliardi, con adjusted net debt di $18,3 miliardi.

“Con l’accelerazione della domanda di viaggi aerei e la crescente affinità per i prodotti di punta di Delta, gli adjusted operating revenue del trimestre di giugno sono migliorati del 76% rispetto al trimestre di marzo”, ha affermato Glen Hauenstein, presidente di Delta. “Sono entusiasta di vedere questo slancio continuare nel trimestre di settembre mentre i viaggi d’affari rimbalzano e i mercati internazionali continuano a riaprire”.

“Abbiamo la migliore rete domestica e globale del settore, una flotta sempre più efficiente e semplificata, un brand molto apprezzato e i migliori dipendenti del settore”, ha continuato Hauenstein. “In combinazione con la nostra struttura dei costi più efficiente, siamo sulla strada giusta per migliorare i margini pre-pandemia e generare un free cash flow sostenibile”.

Gli adjusted operating revenue di $6,3 miliardi per il trimestre di giugno sono migliorati del 76% rispetto al trimestre di marzo 2021. Rispetto allo stesso periodo del 2019, sono diminuiti del 49%, un miglioramento rispetto all’aggiornamento della guidance della compagnia a giugno.

Per il trimestre di settembre 2021, la compagnia prevede una capacità in calo del 28% – 30%, con total revenue in calo del 30% – 35%. Adjusted Net Debt previsto di circa $19,0 miliardi.

Delta ha stipulato accordi per aggiungere 29 Boeing 737-900ER usati e acquisire in leasing sette Airbus A350-900 usati, mentre continua a razionalizzare e modernizzare la sua flotta. I 36 velivoli aggiuntivi miglioreranno l’efficienza nei consumi e l’esperienza del cliente, supportando al contempo la strategia di rinnovamento della flotta di Delta incentrata su semplificazione, scalabilità, dimensioni e sostenibilità.

“Questi velivoli sono un investimento nel futuro di Delta”, ha affermato il CEO di Delta, Ed Bastian. “Mentre guardiamo oltre la pandemia, l’approccio disciplinato e innovativo di Delta al rinnovo della flotta ci consente di crescere con il ritorno della domanda di viaggio, migliorando al contempo l’esperienza del cliente e sostenendo i nostri impegni di sostenibilità”.

La pandemia COVID-19 ha offerto l’opportunità di semplificare la flotta di Delta e accelerare il ritiro di 18 777 widebody e le flotte narrowbody MD-88 e MD-90, tutte più vecchie e meno efficienti. La pandemia ha anche fornito opportunità commerciali uniche per aggiungere aeromobili di nuova generazione a prezzi interessanti.

Il rinnovo della flotta widebody è strumentale alla ripresa di Delta e aiuterà a posizionare Delta per una redditività sostenuta e una crescita futura. Come aereo di punta di Delta, l’A350 offre un’esperienza di livello mondiale al cliente, migliora la cargo capacity, riduce i costi unitari e contribuisce a un futuro più sostenibile.

Gli A350 di nuova generazione consumano il 21% in meno di carburante per posto rispetto ai 777 che sostituiscono. Il miglioramento dell’efficienza nei consumi è fondamentale per gli sforzi in corso di Delta per ridurre le sue emissioni di carbonio e il suo Flight to Net Zero. L’acquisizione di 29 737-900ER narrowbody completa anch’essa la flotta esistente di Delta.

Delta acquisirà in leasing gli A350 tramite AerCap e acquisterà 27 dei 737-900ER da fondi gestiti da Castlelake, L.P., mentre i restanti due 737-900ER saranno finanziati da fondi anch’essi gestiti da Castlelake, L.P. Entrambe le transazioni sono soggette a condizioni di chiusura. Le consegne degli aeromobili saranno completate entro il primo trimestre del 2022 e entreranno in servizio dopo il completamento delle modifiche.

Oltre ai sette A350 che fanno parte di questo annuncio, Delta ha attualmente 15 A350-900 in servizio e 20 in ordine. L’aggiunta dei 29 737-900ER porterà il totale a 159 nella sua flotta.

L’accordo segue la decisione di Delta di aprile di esercitare opzioni su 25 ulteriori jet A321neo, che inizieranno le consegne il prossimo anno. Questi velivoli offrono i più bassi seat costs nella flotta di Delta.

(Ufficio Stampa Delta Air Lines – Photo Credits: Delta Air Lines)