ICAO: i ministri adottano impegni importanti per aiutare a ripristinare i viaggi e il commercio internazionali

Ministri, viceministri e capi di 24 organizzazioni internazionali hanno completato una revisione completa delle priorità guidate dalla pandemia per il trasporto aereo globale, formalizzando nuovi impegni sulla gestione del rischio alle frontiere e degli approcci alla vaccinazione, per ricostruire un trasporto aereo migliore, sostenibile e resiliente alle pandemie, insieme ad altre priorità chiave volte ad accelerare il turismo aereo, la ripresa del commercio e a riconnettere il mondo.

Gli accordi sono stati sanciti in una nuova Dichiarazione adottata come risultato chiave della ICAO’s High-level Conference on COVID-19, che si è conclusa dopo nove giorni di intenso multilateralismo virtuale.

La nuova Dichiarazione, adottata alla presenza di oltre 50 Ministri e Vice Ministri, riconosce la gravità della crisi COVID-19 per l’aviazione civile e i suoi impatti a cascata sulle supply chain globali e sulle numerose economie nazionali che dipendono in modo così significativo dai voli internazionali per il turismo e il commercio.

Ha inoltre riconosciuto il ruolo fondamentale ora svolto dal trasporto aereo e dalla ICAO Council’s Aviation Recovery Task Force (CART) nel mantenere le forniture e il personale essenziale in movimento dove il mondo ne ha più bisogno.

I paesi partecipanti si sono impegnati in una multilayer risk management strategy per l’aviazione civile internazionale, adattabile, proporzionata, non discriminatoria e guidata da prove scientifiche.

Per rafforzare la fiducia del pubblico globale nei viaggi aerei, i paesi hanno sottolineato che mentre la vaccinazione non dovrebbe essere una precondizione per i viaggi, è altamente auspicabile che venga utilizzata per facilitare una maggiore mobilità internazionale. I paesi hanno concordato di collaborare con l’ICAO e altre parti interessate per garantire l’interoperabilità e l’accessibilità di applicazioni sicure per convalidare test, vaccinazioni e certificazioni relative alla pandemia.

Si sono inoltre impegnati a promuovere, nella massima misura possibile, un approccio armonizzato e inclusivo, compreso l’alleggerimento o l’esenzione dai test e/o dall’obbligo di quarantena per i passeggeri completamente vaccinati o recuperati, tenendo conto delle diverse circostanze dei singoli Stati e delle loro politiche nazionali. Ciò è coerente con le attuali raccomandazioni della World Health Organization (WHO).

Ulteriori impegni si sono concentrati fortemente sull’assicurare la sostenibilità a lungo termine del settore del trasporto aereo, sia in termini di futura resilienza a nuove epidemie di malattie infettive, sia per la necessità di affrontare la sfida del cambiamento climatico.

È stato raggiunto un ulteriore accordo sul sostegno finanziario necessario per sostenere gli operatori aerei e le autorità di regolamentazione nei prossimi mesi critici per la ripresa settoriale e per affrontare le priorità chiave in materia di sicurezza e di facilitazione dei passeggeri, man mano che il network aereo globale torna alla piena disponibilità operativa.

Mentre guidava le discussioni degli Stati verso la conclusione dei loro accordi, Salvatore Sciacchitano, ICAO Council President, ha osservato che la Dichiarazione che le riflette “dimostra la nostra solidarietà e determinazione e trasmette un forte messaggio politico alle comunità internazionali e alle economie mondiali. Il livello di impegno dimostrato è stato notevole e desidero estendere il mio sincero apprezzamento per i preziosi contributi che hanno portato al buon esito di questa Conferenza”.

Nelle sue osservazioni conclusive all’evento, Juan Carlos Salazar, ICAO Secretary General, ha sottolineato che questo è un momento molto critico per i governi per rivedere e perfezionare le loro restrizioni pandemiche sui viaggiatori aerei internazionali. “Questi risultati sono oggi di urgente preoccupazione per i molti milioni di persone in tutto il mondo i cui mezzi di sussistenza dipendono così fondamentalmente dalle capacità e dalla portata dell’aviazione globale. Sono anche di fondamentale importanza per la più ampia ripresa dell’economia globale e della supply chain e per i bisogni socio-economici più basilari di tutti gli Stati membri ICAO”, ha sottolineato.

La ICAO High-level Conference on COVID-19 si è svolta dal 12 al 22 ottobre e ha visto la partecipazione di 129 Stati e 38 organizzazioni internazionali, comprese le principali agenzie globali partner come WHO e UNWTO.

(Ufficio Stampa ICAO)