British Airways celebra insieme a Virgin Atlantic la riapertura dei voli verso gli Stati Uniti

BA Virgin Dual TakeoffIl volo BA001 di British Airways è stato il primo volo della compagnia aerea in partenza per gli Stati Uniti questa mattina, poiché il paese ha revocato le restrizioni imposte ai viaggiatori britannici per oltre 18 mesi.

BA001, numero di volo precedentemente riservato al Concorde, è partito da Heathrow alle 08:30 in un decollo sincronizzato con il volo VS3 di Virgin Atlantic. Entrambi i voli erano diretti a New York – JFK.

Il British Airways A350 flight è stato alimentato direttamente da una miscela al 35% di Sustainable Aviation Fuel (SAF) fornito da bp e prodotto con olio da cucina usato. Si ritiene che sia il primo volo commerciale transatlantico mai operato con un livello così significativo di SAF miscelato con jet fuel tradizionale.

Gli aerei A350 a lungo raggio più nuovi e più efficienti dal punto di vista del consumo di carburante della compagnia aerea sono fino al 40% più efficienti dei Boeing 747-400 Jumbo Jet che operavano tra Londra e New York. La combinazione di questa moderna efficienza con l’odierna miscela di SAF significa che le emissioni complessive di CO2 del volo sono inferiori di oltre il 50% rispetto a quelle emesse dagli aeromobili 747 ora in pensione che in precedenza operavano su questa rotta.

Inoltre, British Airways ha anche compensato tutte le emissioni associate al volo, per dimostrare i vari modi in cui la compagnia aerea sta decarbonizzando le sue operazioni.

A settembre British Airways ha annunciato una collaborazione con bp per procurarsi SAF in relazione a tutti i voli tra Londra, Glasgow ed Edimburgo durante la conferenza COP26 nel Regno Unito. La società madre di British Airways, International Airlines Group, si è recentemente impegnata a operare il 10% dei suoi voli utilizzando SAF entro il 2030.

La revoca delle restrizioni statunitensi dopo più di 600 giorni significa che i britannici completamente vaccinati possono ora viaggiare liberamente tra i due paesi, cosa che non accadeva dal 16 marzo 2020. I cambiamenti hanno consentito a British Airways di riavviare in modo significativo i servizi diretti verso 17 destinazioni negli Stati Uniti. La compagnia aerea estenderà i suoi servizi a 23 aeroporti statunitensi questo inverno, con un massimo di 246 voli settimanali, più di qualsiasi altro vettore transatlantico. I voli per New York aumenteranno da cinque a otto al giorno a dicembre. Ci saranno anche servizi doppi giornalieri per Boston, Chicago, Los Angeles, San Francisco, Washington, Dallas, Miami e Toronto, oltre a servizi giornalieri per Philadelphia, Phoenix, Seattle, Atlanta, Denver, Houston e Vancouver.

British Airways opera oggi 26 voli verso gli Stati Uniti.

Il presidente e CEO di British Airways Sean Doyle, che viaggia sul BA001, ha dichiarato: “Oggi si celebra la riapertura tra Regno Unito e Stati Uniti del corridoio transatlantico dopo oltre 600 giorni di separazione, ed è stato fantastico poterlo celebrare sincronizzando per la prima volta il decollo dei voli British Airways e Virgin Atlantic. Sebbene volare sia vitale per connettere il mondo e supportare la ripresa economica del Regno Unito dalla pandemia, è importante per noi sfruttare questo momento per dimostrare come stiamo portando avanti i nostri piani di decarbonizzazione e come sarà il futuro per l’aviazione. Ecco perché oggi abbiamo alimentato direttamente il nostro primo volo verso gli Stati Uniti con carburante per aviazione sostenibile ed emissioni compensate per conto dei nostri clienti. Attendiamo con impazienza il continuo sostegno del governo per garantire che lo sviluppo e la produzione di massa dei Sustainable Aviation Fuel continuino a ritmo sostenuto”.

Come accennato prima, oggi British Airways e Virgin Atlantic hanno unito le forze per celebrare la riapertura degli Stati Uniti ai cittadini britannici. Hanno preso il volo in una partenza sincronizzata su piste parallele a Heathrow. Il volo British Airways BA001, numero di volo precedentemente riservato al Concorde, e il volo Virgin Atlantic VS3, operanti su aeromobili A350, sono partiti entrambi da Londra Heathrow per New York JFK alle 8:30 di lunedì 8 novembre.

La riapertura del corridoio di viaggio transatlantico più di 600 giorni dall’introduzione del divieto di viaggio negli Stati Uniti fornirà una spinta significativa all’industria aeronautica, aiuterà la ripresa economica di entrambe le nazioni e ristabilirà rapporti commerciali vitali.

Sean Doyle, Presidente e CEO di British Airways, ha dichiarato: “Dopo oltre 600 giorni di separazione, oggi è il nostro momento per celebrare la riapertura Regno Unito-Stati Uniti. Mettiamo da parte la rivalità e per la prima volta in assoluto, gli aerei di British Airways e Virgin Atlantic saranno visti decollare insieme per sottolineare l’importanza vitale del corridoio transatlantico. La connettività transatlantica è vitale per la ripresa economica del Regno Unito, motivo per cui abbiamo chiesto la riapertura sicura del corridoio di viaggio Regno Unito-Stati Uniti da così tanto tempo. Ora dobbiamo guardare avanti con ottimismo, rimettere in carreggiata il commercio e il turismo e consentire ad amici e famiglie di connettersi ancora una volta”.

Shai Weiss, amministratore delegato di Virgin Atlantic, ha dichiarato: “Oggi è un momento di festa, non di rivalità. Insieme a British Airways siamo lieti di celebrare l’importante traguardo di oggi, che consente finalmente a consumatori e aziende di prenotare viaggi con fiducia. Gli Stati Uniti sono stati il nostro cuore per più di 37 anni e semplicemente non siamo Virgin senza l’Atlantico. Abbiamo costantemente aumentato i voli verso destinazioni tra cui Boston, New York, Orlando, Los Angeles e San Francisco, e non vediamo l’ora di far volare i nostri clienti in sicurezza nelle loro città preferite degli Stati Uniti per riconnettersi con i propri cari e colleghi”.

(Ufficio Stampa British Airways – Photo Credits: British Airways)