IATA: l’International Aviation Climate Ambition riflette l’obiettivo Net-Zero delle compagnie aeree

L’International Air Transport Association (IATA) ha accolto con favore gli impegni verso il rafforzamento dell’azione per il clima assunti alla COP26 e ha invitato a supportare gli sforzi globali per decarbonizzare l’aviazione con politiche governative pratiche ed efficaci.

La gestione degli impegni climatici dell’aviazione internazionale è al di fuori del COP process ed è responsabilità dell’International Civil Aviation Organization (ICAO). Tuttavia, le compagnie aeree al 77a IATA AGM a Boston, hanno concordato di raggiungere net-zero carbon emissions entro il 2050, in linea con l’obiettivo dell’accordo di Parigi di mantenere il riscaldamento globale a 1,5 gradi.

“Le compagnie aeree sono sulla via delle net-zero carbon emissions, in linea con l’accordo di Parigi. Tutti vogliamo la libertà di volare in modo sostenibile. Raggiungere net-zero emissions sarà un compito enorme che richiede lo sforzo collettivo dell’industria e il sostegno dei governi. Gli impegni assunti alla COP26 mostrano che molti governi comprendono che la chiave per un rapido progresso è incentivare il cambiamento tecnologico e finanziare soluzioni innovative. Ciò è particolarmente vero per i sustainable aviation fuels, che svolgeranno un ruolo importante nell’affrontare l’impatto ambientale dell’aviazione: hanno bisogno dei giusti incentivi da parte dei governi per aumentare la produzione”, ha affermato Willie Walsh, IATA’s Director General.

Un risultato notevole della COP26 è stata la decisione di 23 nazioni di firmare l’International Aviation Climate Ambition Declaration. La Dichiarazione riconosce la necessità per l’aviazione di “crescere in modo sostenibile” e ribadisce il ruolo dell’ICAO nell’attuazione degli obiettivi climatici a breve, medio e lungo termine per l’industria. Garantire la massima efficacia del Carbon Offsetting and Reduction Scheme for International Aviation (CORSIA) e lo sviluppo e l’impiego di sustainable aviation fuels (SAF) sono obiettivi chiave della Dichiarazione.

“Siamo grati a quegli stati che hanno firmato la International Aviation Climate Ambition Declaration e esortiamo più paesi a impegnarsi in questa iniziativa. Il piano solido e realistico per volare net zero entro il 2050 concordato dalle nostre compagnie aeree membri può essere di grande utilità per gli Stati membri dell’ICAO mentre avanzano con un quadro globale e un obiettivo a lungo termine per le aviation carbon reductions”, ha affermato Walsh.

(Ufficio Stampa IATA)