Leonardo confermata nel Gender-Equality Index 2023 di Bloomberg

Leonardo logoLeonardo è stata inclusa per il terzo anno consecutivo nel Bloomberg Gender-Equality Index (GEI), un indice ponderato sulla capitalizzazione di mercato che valuta la performance delle società quotate nella comunicazione dei dati sull’equità di genere. La valutazione si basa su cinque pilastri: leadership femminile e pipeline dei talenti interni, parità salariale, cultura di inclusione, politiche contro le molestie sessuali e “brand” a favore delle donne. Il GEI 2023 è costituito da 484 aziende che operano in 45 paesi e undici settori diversi, per una capitalizzazione di mercato pari a 16 triliardi di dollari.

Leonardo, che rientra nel settore “Industrials”, è tra le poche società dell’Aerospazio e Difesa incluse nel GEI 2023. La Società si è distinta per la trasparenza nella comunicazione delle informazioni richieste ottenendo il massimo punteggio, e si è posizionata al di sopra della media settoriale e globale per parità salariale tra i generi, politiche contro le molestie sessuali e riconoscibilità come “brand” a favore delle donne”, afferma Leonardo.

Alessandro Profumo, CEO di Leonardo, ha commentato: “La conferma di Leonardo nel Gender-Equality Index di Bloomberg per il terzo anno consecutivo è un ulteriore importante riconoscimento del nostro impegno per la creazione di un ambiente di lavoro inclusivo. Uguaglianza di genere ed empowerment femminile sono fattori cruciali per la capacità di competere, attrarre talenti e valorizzare le persone. Per questo, rappresentano obiettivi prioritari e sono parte integrante della visione strategica di Leonardo”.

“L’impegno aziendale verso la parità di genere e la creazione di un ambiente di lavoro inclusivo è attestato da specifici obiettivi che la società si è impegnata a raggiungere entro il 2025:

– almeno il 32% di donne sul totale assunzioni;
– 30% di donne sul totale assunzioni in aree STEM (Science, Technology, Engineering & Mathematics);
– 20% di donne sul totale dei dipendenti;
– 20% di donne nei livelli dirigenziali;
– 27% di donne nei piani di successione.

Leonardo, inoltre, persegue e supporta la parità di genere mettendo in campo azioni concrete come l’adozione di una politica di remunerazione legata anche al raggiungimento di obiettivi ESG, tra cui l’assunzione di donne con profili STEM, e iniziative di ascolto, orientamento e mentoring per favorire le donne nei percorsi di crescita professionale, oltre che programmi di formazione sui gender bias e programmi di sviluppo per diffondere modelli di leadership inclusiva”, prosegue Leonardo.

“L’inclusione nel GEI 2023 arricchisce ulteriormente i riconoscimenti ESG ottenuti da Leonardo: l’inclusione nei Dow Jones Sustainability Indices, il rating A da parte di MSCI, il posizionamento nella fascia A del Defence Companies Index on Anti-Corruption and Corporate Transparency (DCI) elaborato da Transparency International, la conferma della leadership nel contrasto al climate change nella valutazione di CDP (ex Carbon Disclosure Project), nonché un migliore posizionamento nei principali rating ESG”, conclude Leonardo.

(Ufficio Stampa Leonardo)