Airbus, una terza giornata a Le Bourget con una marcia in più

Tempo di lettura: 3 minuti

Il mercato di Airbus si muove molto nella terza giornata del Salon du Bourget, e i numeri sono decisamente superiori a quelli messi a segno dalla concorrente Boeing nella stessa giornata.

– il vettore australiano Qantas ha deciso di sostenere il nuovo Airbus A321XLR dalla maggiore autonomia con un accordo relativo a 36 aeromobili, che include la conversione di 26 ordini esistenti per la Famiglia A320neo oltre a un nuovo ordine fermo per 10 A321XLR.

Questo aeromobile consentirà al Gruppo Qantas, ivi compresa la controllata low-cost Jetstar, di incrementare il proprio network e la flessibilità della flotta per servire meglio i mercati point-to-point in Australia, Asia e nel Pacifico meridionale;

Indigo Partners,  fondo di private equity incentrato sugli investimenti a livello mondiale nel trasporto aereo, e tre dei suoi vettori acquisiranno 50 A321XLR, il nuovo aeromobile Airbus a corridoio singolo con maggiore autonomia. La Lettera d’Intenti siglata (MoU – Memorandum of Understanding) include nuovi ordini per 32 A321XLR e la conversione di 18 precedenti ordini per la Famiglia A320neo.

Venti A321XLR saranno assegnati a Wizz Air (si veda articolo dedicato), 18 a Frontier e 12 a JetSMART.

– China Airlines, vettore di Taiwan, ha siglato un Memorandum d’Intesa (Memorandum of Agreement – MOA) per 11 aeromobili A321neo e l’acquisizione in leasing di ulteriori 14 aeromobili dello stesso tipo. CAL ha scelto l’A321neo per soddisfare i futuri requisiti nella categoria a corridoio singolo.

Questi 25 aeromobili entreranno a far parte della flotta Airbus del vettore, che attualmente comprende 23 A330 e 14 A350XWB.

Paul Sheridan, CEO di Accipiter, e Isabelle Floret, Head of Leasing MarketsAccipiter Holdings, società di leasing con sede a Dublino, ha siglato un accordo di acquisto per 20 aeromobili A320neo. L’ordine, che è stato rivelato durante il Salone da Paul Sheridan, CEO di Accipiter, e Isabelle Floret, Head of Leasing Markets, era stato finalizzato nel marzo 2019 e inserito nell’elenco degli ordini come ‘riservato’. Accanto una foto della cerimonia tenutasi a Le Bourget.

Il nuovo aeromobile a corridoio singolo espanderà ulteriormente il portafoglio di Accipiter Holdings, società interamente detenuta da CK Asset Holdings Ltd. di Hong Kong, che punta a essere un attore di primo piano nel mercato globale del leasing. Insieme a Vermillion, la sua joint venture con MC Aviation Partners (MCAP), la controllata di Mitsubishi Corporation, Accipiter gestisce un portafoglio totale di poco meno di 150 aeromobili.

La selezione della motorizzazione verrà effettuata in un secondo momento.

American Airlines ha siglato un ordine per 50 aeromobili Airbus A321XLR, la versione a maggiore autonomia del popolare A321neo. Il contratto di acquisto include la conversione di un precedente ordine American Airlines di 30 A321neo in A321XLR e ordini incrementali per ulteriori 20 A321XLR.

American Airlines, con sede a Fort Worth (Texas), è il principale operatore Airbus al mondo con 422 aeromobili Airbus. Considerando l’annuncio odierno, American Airlines ha un portafoglio ordini Airbus di 115 A321neo e A321XLR.

Inoltre, Accenture, Capgemini, FPT Software, IBM e Sopra Steria hanno siglato degli accordi con Airbus, diventando i primi aderenti allo Skywise Partner Programme. Come parte del programma, queste società leader a livello mondiale beneficeranno di attività di formazione e certificazioni dedicate, in modo da poter sviluppare applicazioni basate su Skywise più stabili e performanti per conto delle compagnie aeree clienti. I partner certificati avranno accesso al proprio spazio di lavoro su Skywise e ad altre funzionalità aggiuntive della piattaforma.

Il Partner Programme si basa sulla crescita esponenziale della piattaforma Skywise e punta ad accelerare ulteriormente il processo di innovazione collegando gli utenti Skywise ad un network globale di sviluppatori leader del settore. Il programma apre pertanto la strada ad un “app-store” aerospaziale aperto, per accelerare la trasformazione digitale del settore.

(Fabrizio Ripamonti)