Red Bull Air Race, Muroya e Hall. Ora cala il sipario.

Tempo di lettura: 2 minuti

IMG 20190908 131527E’ finita la Red Bull Air Race, ma l’ha fatto con l’entusiasmo che da sempre la contraddistingue; anche la gara di Chiba, quarto e ultimo round della stagione 2019, non ha lesinato sorprese e colpi di scena quasi a voler dimostrare al management Red Bull quanto sia sportivamente inappropriata la chiusura del campionato, per quanto divenuto finanziariamente non sostenibile.

Sul piano puramente sportivo la giornata è stata una tra le più emozionanti della storia del campionato: l’idolo di casa, Yoshihide Muroya, davanti alla tradizionale platea composta da decine di migliaia di fans ha conquistato una sudata vittoria – messa subito a rischio nel “Round of 14”, che il pilota giapponese ha superato solo come fastest loser – precedendo il veterano Kirby Chambliss, Matt Hall e un Pete McLeod che anche nell’ultima gara ha mostrato tutti i limiti derivanti da un pessimo feeling con la tensione emotiva.

Più felice di Muroya è però il già citato Matt Hall, che ha saputo trarre vantaggio da una sfortunata performance di Martin Sonka, eliminato nel “Round of 14”, ed è diventato il campione del mondo 2019 con un solo punto di vantaggio su Muroya e 13 sul piota ceco e ormai ex campione del mondo in carica; all’inizio della “Final 4” le migliori chance e le maggiori responsabilità sono ricadute proprio su Hall, obbligato a conquistare un posto sul podio per avere i punti necessari a rimanere comunque davanti a Muroya nel campionato: l’australiano, sceso sul percorso per ultimo, ha però potuto già conoscere i risultati dei contendenti e, avuta notizia della finale da incubo di McLeod, ha solo dovuto gestire la situazione e arrivare al termine della gara senza eccedere.

La Red Bull Air Race a questo punto si ferma per decisione della casa madre la quale, valutando entrate ed uscite nonché l’interesse altalenante in alcune location in cui si è corso, ha preso una decisione destinata a lasciare un grande vuoto nel motorsport. Dopo 94 gare complessive, 14 stagioni e 10 differenti campioni del mondo, si spengono i motori.

RED BULL AIR RACE, YOU’RE NO LONGER CLEARED INTO THE TRACK, SMOKE OFF!

(Fabrizio Ripamonti)