easyJet: ricavi in crescita nel primo trimestre 2020

Il primo trimestre 2020 (1.10.19 – 31.12.19) di easyJet si è chiuso in maniera positiva, con ricavi totali pari a £1,425 miliardi (+9,9% vs Q1 2018). Passenger revenue pari a £1,124 miliardi (+9,7% vs Q1 2018), ancillary revenue incrementati del 10,8% a £301 milioni.

Il numero di passeggeri nel trimestre è aumentato del 2,8% a 22,2 milioni, trainato da un aumento della capacità dell’1,0% a 24,3 milioni di posti. Il load factor è aumentato di 1,6 punti percentuali, portandosi al 91,3%.

Total airline revenue per seat aumentate dell’8,8% a valuta costante, sovraperformando le aspettative. Questo è stato guidato da una solida performance produttiva supportata in particolare dall’attenzione di easyJet alle iniziative per ottimizzare i rendimenti e una forte performance a Berlino; domanda robusta e crescita ridotta della capacità di easyJet, come previsto; crescita continua delle entrate accessorie per posto; benefici dalla Thomas Cook administration a settembre 2019.

Costo per posto offerto, escluso carburante, che si attesta a £45,29 (+4,3% vs Q1 2018). Costo per posto offerto: £ 58,40% (+3,0% vs Q1 2018).

Il programma di compensazione del carbonio per conto dei clienti è stato ben accolto, con un significativo miglioramento della soddisfazione del cliente a seguito di questa iniziativa. Dal 19 novembre la compagnia compensa le emissioni di carbonio dal carburante utilizzato per tutti i voli. Ciò rappresenta 9 milioni di clienti easyJet che hanno già effettuato net zero carbon flights. Finora la compagnia ha compensato 800.000 tonnellate di carbonio.

Johan Lundgren, CEO easyJet, ha commentato: “Sono contento che abbiamo iniziato l’anno positivamente. L’aumento dei ricavi per posto a sedere è stato guidato dai nostri programmi di efficientamento, insieme alla crescente domanda da parte dei clienti e al minore tasso di crescita del mercato. Il costo per posto a sedere è in linea con le aspettative, grazie anche al nostro programma di resilienza operativa che non solo ha migliorato la soddisfazione generale dei clienti durante il trimestre, ma ci ha anche permesso di gestire al meglio i nostri costi. Il lancio di easyJet Holidays ha avuto successo tra i nostri clienti, che possono beneficiare di grande flessibilità, ottimo rapporto qualità-prezzo e di un’offerta di hotel effettuata con cura. Essere considerati leader nel settore dal punto di vista della sostenibilità è molto importante per noi. Infatti, in seguito al nostro annuncio dello scorso novembre siamo diventati la prima grande compagnia aerea nel mondo a compensare le emissioni di CO2 su tutti i voli del nostro network. Ciò significa che più di nove milioni di passeggeri hanno già volato a zero impatto di CO2. Il nostro programma di compensazione è stato accolto molto positivamente dai clienti, dal nostro personale e dagli altri stakeholder”.

“Sappiamo che la compensazione è solo una misura provvisoria e continuiamo a lavorare per ridurre il nostro impatto sull’ambiente nel breve periodo, mentre nel lungo periodo lavoriamo per supportare lo sviluppo di nuove tecnologie, tra cui la realizzazione di aerei ibridi ed elettrici per reinventare il settore dell’aviazione. Infine, sono lieto di confermare che Peter Bellew ha preso servizio come Chief Operating Officer di easyJet”, conclude Johan Lundgren.

easyJet prevede di chiudere il primo semestre del 2020 con profitti pre-imposte in crescita rispetto al primo semestre 2019.

(Ufficio Stampa easyJet)