Boeing: lo stop del 737 MAX pesa sui risultati

The Boeing Company ha registrato un fatturato nel quarto trimestre pari a 17,9 miliardi di dollari (-37% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno), una perdita GAAP per azione di (1,79 dollari) e una perdita core per azione (non-GAAP) di (2,33 dollari), che riflette principalmente gli impatti dello stop del 737 MAX. Boeing ha registrato un flusso di cassa operativo di (2,2 miliardi di dollari) e ha pagato 1,2 miliardi di dollari di dividendi.

Per l’intero anno, ricavi pari a 76,6 miliardi di dollari (-24%), perdita GAAP per azione di (1,12 dollari) e perdita core (non GAAP) per azione (3,47 dollari). Flusso di cassa operativo di (2,4 miliardi di dollari).

“Riconosciamo di avere molto lavoro da fare”, ha dichiarato il presidente e amministratore delegato di Boeing, David Calhoun. “Siamo concentrati nel riportare il 737 MAX in servizio in sicurezza e nel ripristinare la fiducia di lunga data che il marchio Boeing rappresenta per il pubblico. Ci impegniamo per la trasparenza e l’eccellenza in tutto ciò che facciamo. La sicurezza garantirà ogni decisione, ogni azione e ogni passo che faremo mentre andiamo avanti. Fortunatamente, la robustezza del nostro portafoglio complessivo di attività in Boeing fornisce la liquidità finanziaria necessaria per seguire un processo di recupero completo e disciplinato”.

Il flusso di cassa operativo è stato pari a (2,2) miliardi di dollari nel trimestre, che riflette principalmente l’impatto dello stop al 737 MAX, nonché la tempistica delle entrate e delle uscite. Nel corso del trimestre, la società ha pagato 1,2 miliardi di dollari di dividendi.

La liquidità e gli investimenti in titoli negoziabili sono ammontati a 10,0 miliardi di dollari, rispetto a 10,9 miliardi di dollari all’inizio del trimestre. Il debito è stato pari a 27,3 miliardi di dollari, in aumento rispetto ai 24,7 miliardi di dollari all’inizio del trimestre, principalmente a causa dell’aumento dei prestiti in commercial paper.

Il portafoglio ordini totale dell’azienda alla fine del trimestre è stato di 463 miliardi di dollari, inclusi ordini netti per il trimestre di 13 miliardi di dollari.

Commercial Airplanes

Il fatturato del quarto trimestre di Commercial Airplanes è stato di 7,5 miliardi di dollari (-55%), 32,255 miliardi di dollari per l’intero anno (-44%), e il margine operativo del quarto trimestre è sceso al (38,1) per cento, (20,6) per cento per l’intero anno, a seguito di consegne inferiori del 737 e di un onere aggiuntivo al lordo delle imposte di 2,6 miliardi di dollari, relativo alle potenziali concessioni stimate e ad altre considerazioni per i clienti relative alla messa a terra del 737 MAX. I costi stimati per la produzione di aerei 737 inclusi nella quantità contabile sono aumentati di 2,6 miliardi di dollari nel corso del trimestre, principalmente per riflettere le ipotesi di produzione e consegna aggiornate. Inoltre, la sospensione della produzione del 737 MAX e la graduale ripresa della produzione a bassi tassi di produzione comporterà circa 4 miliardi di dollari di costi di produzione anomali che saranno imputati nel conto economico quando sostenuti, principalmente nel 2020.

Nel corso del trimestre, Commercial Airplanes ha consegnato 79 aerei, di cui 45 787, e acquisito ordini per 30 737 MAX al Dubai Air Show e 2 777 Freighter per Lufthansa. Il programma 787 ha anche registrato 36 ordini netti nel trimestre. Come annunciato in precedenza, il tasso di produzione del 787 sarà ridotto dall’attuale tasso di 14 aerei al mese a 12 aerei al mese alla fine del 2020. Sulla base dell’attuale contesto e delle prospettive di mercato a breve termine, il tasso di produzione dovrebbe essere ulteriormente adeguato a 10 aerei al mese all’inizio del 2021, per poi tornare a 12 aerei al mese nel 2023. Il primo volo del 777X è stato completato il 25 gennaio e la prima consegna è prevista per il 2021.

Il portafoglio ordini di Commercial Airplanes comprendeva oltre 5.400 aerei per un valore di 377 miliardi di dollari.

Defense, Space & Security

I ricavi del quarto trimestre di Defense, Space & Security sono scesi a 6,0 miliardi di dollari (-13%), 26,227 miliardi di dollari per l’intero anno (+1%), principalmente a causa del minor volume del portafoglio e dell’impatto di una tassa per Commercial Crew. Il margine operativo del quarto trimestre è sceso allo 0,5% a causa di un onere di 410 milioni di dollari per pre-tax Commercial Crew, principalmente per la fornitura di un’ulteriore missione priva di equipaggio per il Commercial Crew program. La NASA sta valutando i dati ricevuti durante la missione di dicembre 2019 per determinare se è necessaria un’altra missione priva di equipaggio.

Il portafoglio ordini di Defense, Space & Security è pari a 64 miliardi di dollari, di cui il 29 per cento rappresenta ordini da clienti al di fuori degli Stati Uniti.

Global Services

Il fatturato del quarto trimestre di Global Services è stato di 4,6 miliardi di dollari (-5%), principalmente a causa del minor volume di servizi commerciali. Il margine operativo del quarto trimestre è sceso al 14,7%, principalmente a causa di un onere legato al ritiro del marchio Aviall e del mix di prodotti e servizi, parzialmente compensato da un guadagno derivante dalla dismissione.

(Ufficio Stampa Boeing)