Airbus riporta i risultati finanziari dell’intero 2019

Airbus SE ha riportato i risultati finanziari consolidati per l’intero anno 2019 e fornito indicazioni per il 2020.

“Abbiamo ottenuto grandi risultati nel 2019. Abbiamo conseguito una forte performance finanziaria guidata principalmente dalle consegne dei nostri aeromobili commerciali”, ha affermato Guillaume Faury, Airbus Chief Executive Officer. “Le entrate dichiarate riflettono anche gli accordi finali con le autorità che risolvono le compliance investigations e un addebito relativo alle ipotesi di esportazione riviste per l’A400M. Il livello di fiducia nella nostra capacità di continuare a garantire una crescita sostenibile in futuro ha portato a una proposta di dividendo di 1,80€ per azione. La nostra attenzione per il 2020 sarà il rafforzamento della cultura aziendale, il miglioramento operativo e l’adeguamento della struttura dei costi per rafforzare le performance finanziarie e prepararci per il futuro”.

Net commercial aircraft orders aumentati a 768 aeromobili (2018: 747 aeromobili), inclusi 32 A350 XWB, 89 A330 e 63 A220. Alla fine del 2019 il portafoglio ordini ha raggiunto 7.482 aerei commerciali. Airbus Helicopters ha raggiunto un rapporto book-to-bill superiore a 1 in un mercato difficile, registrando 310 ordini netti nell’anno (2018: 381 unità). Questo include 25 elicotteri della famiglia Super Puma, 23 NH90 e 10 H160. L’assunzione di ordini di Airbus Defence and Space per un valore di 8,5 miliardi di euro è stata supportata da contratti di servizi A400M e vincite di contratti chiave in Space Systems.

L’assunzione di ordini consolidati nel 2019 è aumentata a 81,2 miliardi di euro (2018: 55,5 miliardi di euro) con il portafoglio ordini valutato al 31 dicembre 2019 a 471 miliardi di euro (fine dicembre 2018: 460 miliardi di euro).

I ricavi consolidati sono aumentati a 70,5 miliardi di euro (2018: 63,7 miliardi di euro), trainati principalmente dalle maggiori consegne di aeromobili commerciali e da un mix favorevole presso Airbus e, in misura minore, dall’andamento favorevole dei tassi di cambio.

Sono stati consegnati un record di 863 aerei commerciali (2018: 800 aeromobili), composto da 48 A220, 642 A320 Family, 53 A330, 112 A350 e 8 A380. Airbus Helicopters ha registrato ricavi stabili supportati dalla crescita dei servizi, che ha compensato minori consegne di 332 aeromobili (2018: 356 unità). I ricavi di Airbus Defence and Space sono sostanzialmente stabili rispetto all’anno precedente.

Consolidated EBIT Adjusted aumentato a 6,946 miliardi di euro (2018: 5,834 miliardi di euro), riflettendo principalmente le prestazioni operative di Airbus, parzialmente compensate dalle prestazioni di Airbus Defence and Space e dai costi aggiuntivi di accelerazione.

EBIT Adjusted aumentato del 32% a 6,358 miliardi di euro (2018: 4,808 miliardi di euro), in gran parte guidato dal ramp-up A320, insieme a buoni progressi sull’A350.

Sul programma A320, le consegne di aeromobili NEO sono aumentate del 43% su base annua a 551 velivoli. È proseguito il processo di accelerazione per la versione Airbus Cabin Flex (ACF) dell’A321 con quasi 100 consegne in più rispetto al 2018. Airbus sta discutendo un ulteriore potenziale di accelerazione per il programma A320 oltre il tasso di 63 al mese con la catena di approvvigionamento e vede già un chiaro percorso per aumentare ulteriormente il tasso di produzione mensile dopo il 2021. Il pareggio per l’A350 è stato raggiunto nel 2019.

Airbus Helicopters EBIT Adjusted aumentato a 422 milioni di euro (2018: 380 milioni di euro), riflettendo principalmente un maggiore contributo da parte dei servizi e minori costi di ricerca e sviluppo. Ciò è stato ridotto da un mix di consegna meno favorevole.

EBIT Adjusted presso Airbus Defence and Space sceso a 565 milioni di euro (2018: 935 milioni di euro), riflettendo principalmente le prestazioni inferiori in un ambiente spaziale competitivo e gli sforzi a sostegno delle campagne di vendita. La Divisione ha come obiettivo un programma di ristrutturazione per indirizzare la sua struttura dei costi e ripristinare la redditività.

Durante il 2019, 14 A400M military transport aircraft sono stati consegnati in linea con l’ultimo programma di consegna, portando la flotta in servizio a 88 aerei a fine anno. Nel corso dell’anno sono state raggiunte diverse pietre miliari chiave per la piena capacità. Nel 2020 le attività di sviluppo proseguiranno.

Consolidated EBIT (reported) pari a 1,339 miliardi di euro (2018: 5,048 miliardi di euro), inclusi gli adeguamenti per un totale di -5,607 miliardi di euro. Tali adeguamenti comprendevano anche, tra le altre cose: -3,598 miliardi di euro relativi alle sanzioni; -1,212 miliardi di euro relativi all’A400M; -202 milioni di euro relativi al costo del programma A380.

Consolidated reported loss per share di -1,75€ (utile per azione 2018: 3,94 €), include un impatto negativo sul risultato finanziario, trainato principalmente dalla rivalutazione degli strumenti finanziari. Il risultato finanziario è stato di -275 milioni di euro (2018: -763 milioni di euro). La perdita netta consolidata è stata di -1,362 miliardi di euro (utile netto 2018: 3,054 miliardi di euro).

Consolidated free cash flow before M&A and customer financing migliorato del 21% a 3,509 milliardi di euro (2018: 2,912 milliardi di euro).

Il Consiglio di amministrazione proporrà il pagamento di un dividendo 2019 di €1,80 per azione all’assemblea generale annuale del 2020. Ciò rappresenta un aumento del 9% rispetto al dividendo 2018 di €1,65 per azione.

Come base per la sua guidance per il 2020, la società assume che l’economia mondiale e il traffico aereo cresceranno in linea con le previsioni indipendenti prevalenti, che non presumono gravi perturbazioni, anche da parte del coronavirus. Airbus prevede di raggiungere un EBIT Adjusted di circa €7,5 miliardi.

(Ufficio Stampa Airbus)