SAS: impatto finanziario del coronavirus ridotto se la sospensione dei voli non si estenderà alla stagione estiva

Scandinavian Airlines (SAS) ha comunicato i risultati del primo trimestre dell’anno fiscale (Novembre 2019 – Gennaio 2020)

Le entrate sono pari a 9,707 miliardi di corone svedesi (9,405 miliardi lo scorso anno). Income before tax (EBT) pari a -1,087 miliardi di corone svedesi (-576 MSEK). Risultato prima delle imposte e voci che incidono sulla comparabilità -1,078 miliardi di corone svedesi (-724 MSEK). Utile netto del periodo: -861 milioni di corone svedesi (-469 MSEK). Utile per azione ordinaria -2,33 SEK (-1,25 SEK).

“Abbiamo continuato a notare una forte domanda per i nostri servizi nel primo trimestre dell’anno fiscale 2020. Le entrate sono aumentate di oltre il 3% a 9,7 miliardi di corone svedesi, trainate principalmente da un aumento di quasi 100.000 passeggeri. Le spese totali prima delle voci che incidono sulla comparabilità sono aumentate del 4% rispetto allo scorso anno a causa di movimenti valutari sfavorevoli. A seguito di movimenti valutari sfavorevoli e degli effetti del principio contabile IFRS 16, adottato il 1° novembre 2019, gli utili al lordo delle imposte e delle voci che incidono sulla comparabilità ammontano a -1,078 miliardi di corone svedesi. Ciò rappresenta una diminuzione di 354 milioni di corone svedesi anno su anno ed è in linea con le nostre indicazioni comunicate alla fine dello scorso anno. Nonostante un trimestre più debole dal punto di vista degli utili, la nostra cash position rimane forte ed è supportata da migliori prenotazioni anticipate prima della stagione estiva”, afferma Rickard Gustafson, President and CEO.

“Siamo incoraggiati dall’aumento del numero di passeggeri e dal mantenimento dei rendimenti a supporto del forte sviluppo delle entrate. Allo stesso tempo, le prospettive economiche rimangono incerte e lo scoppio del virus COVID-19 aggiunge ulteriori preoccupazioni in merito a un rallentamento delle economie chiave che possono influire negativamente sulla domanda dei clienti. La nostra esposizione verso la Cina continentale è relativamente bassa, con le rotte per Shanghai e Pechino che trasportano circa 250.000 passeggeri all’anno. La perdita di entrate derivante dai voli sospesi nei mesi di febbraio e marzo dovrebbe ammontare a circa 200 milioni di corone svedesi. Finché l’epidemia COVID-19 è contenuta nel campo di applicazione e la sospensione dei voli è isolata alla stagione invernale, ciò dovrebbe avere solo un impatto marginale sui nostri guadagni. Stiamo continuando a monitorare gli sviluppi e stiamo mantenendo uno stretto dialogo con le autorità competenti. La sicurezza dei passeggeri e dei dipendenti è la nostra massima priorità e dobbiamo vedere uno sviluppo positivo prima di raccomandare i voli verso queste regioni”.

“Dopo aver tenuto conto dell’andamento favorevole delle entrate e delle incertezze economiche in qualche modo aumentate, l’outlook per l’anno fiscale prevede un margine EBIT prima delle voci che incidono sulla comparabilità del 3-5%, previsione che comporta un impatto marginale del COVID-19 in caso di ripresa delle normali operazioni prima della stagione estiva”.

(Ufficio Stampa Scandinavian Airlines)