IAG: buoni risultati nel 2019 ma forte incertezza per il 2020

IAG ha comunicato i risultati finanziari del 2019. Utile operativo del quarto trimestre pari a €765 milioni prima degli exceptional items (2018 pro forma: €715 milioni – 2018 statutory: €655 milioni). Passenger unit revenue nel trimestre aumentate del 2,2%, in calo dello 0,4% a valuta costante. Airline non-fuel unit costs per il trimestre in calo dell’1,7% a valuta costante. Fuel unit costs per il trimestre aumentati del 5,6%, in aumento del 2,4% a valuta costante.

Ricavi totali nel 2019 pari a €25,506 miliardi (+5,1%). Utile prima degli exceptional items per l’esercizio chiuso al 31 dicembre 2019 pari a €3,285 miliardi (2018 pro forma €3,485 miliardi – 2018 statutory: €3,230 miliardi), in calo del 5,7%.

Passenger unit revenue per l’anno aumentate dell’1,0% e in calo dello 0,5% a valuta costante. Airline non-fuel unit costs per l’anno in calo dello 0,9% a valuta costante. Fuel unit costs per l’anno in aumento del 9,6%, in aumento del 5,7% a valuta costante.

Profit after tax before exceptional items pari a €2,387 miliardi, in calo dell’1,4%.

Willie Walsh, CEO di IAG, ha dichiarato: “Nel 2019 stiamo registrando un utile operativo di €3,285 miliardi prima degli exceptional items, in calo di €200 milioni rispetto allo scorso anno. A valuta costante, le passenger unit revenue sono diminuite dello 0,5%, mentre gli airline non-fuel unit costs sono diminuiti dello 0,9%. Questi sono buoni risultati in un anno influenzato da interruzioni e prezzi più alti del carburante. Abbiamo dimostrato ancora una volta il nostro modello robusto e flessibile, attraverso un ulteriore controllo dei costi e riducendo la crescita della capacità per riflettere le condizioni del mercato. Abbiamo aumentato gli investimenti in nuovi aeromobili, nei prodotti per i clienti e nella resilienza operativa e questo ha permesso alle nostre compagnie aeree di migliorare i loro customer performance scores quest’anno. Il quarto trimestre è stato forte con un utile operativo di 765 milioni di euro prima degli exceptional items. Siamo lieti di confermare che il Board propone un dividendo finale di 17,0 centesimi di euro per azione. Ciò porta il dividendo dell’intero anno a 31,5 centesimi di euro per azione, previa approvazione degli azionisti presso la nostra Assemblea degli azionisti di giugno. In totale, avremo restituito oltre 4,4 miliardi di euro ai nostri azionisti dal 2015”.

Le prospettive riguardo gli utili sono influenzate negativamente dalla domanda più debole a causa del coronavirus (COVID-19). Attualmente vi è una debolezza sulle rotte asiatiche ed europee e un indebolimento dei viaggi d’affari derivante dalla cancellazione di eventi del settore e restrizioni sui viaggi aziendali.

In Asia, i voli verso la Cina continentale sono stati sospesi. Il 29 gennaio British Airways ha sospeso il suo volo giornaliero per Pechino e Shanghai e Iberia ha sospeso il servizio tre volte alla settimana verso Shanghai il 31 gennaio. Inoltre, alcuni servizi su altre rotte asiatiche sono stati ridotti. Dal 13 febbraio, British Airways ha ridotto il servizio giornaliero verso Hong Kong da due a uno. Dal 13 marzo, ridurrà il suo servizio giornaliero a Seul a 3-4 volte a settimana.

Parte della capacità a lungo raggio liberata viene ridistribuita su rotte con una domanda più forte. British Airways ha annunciato ulteriori voli verso India, Sudafrica e Stati Uniti, mentre Iberia sta aumentando la capacità sulle rotte statunitensi e nazionali.

La capacità sulle rotte italiane per marzo è stata notevolmente ridotta grazie a una combinazione di cancellazioni e modifica degli aeromobili, ulteriori riduzioni di capacità verranno attivate nei prossimi giorni. Sono previste anche riduzioni di capacità più ampie nella rete a corto raggio.

Le compagnie continueranno a intraprendere azioni di mitigazione per abbinare meglio l’offerta alla domanda in linea con la situazione in evoluzione. Iniziative per ridurre i costi vengono implementate in tutta la società.

“IAG è resiliente con un bilancio solido e una notevole liquidità in contanti per resistere all’attuale debolezza. Abbiamo un team di gestione con esperienza in situazioni simili e abbiamo dimostrato che possiamo rispondere rapidamente alle mutevoli condizioni del mercato. Siamo fortemente posizionati per il recupero atteso della domanda”.

Data l’attuale incertezza sul potenziale impatto e sulla durata di COVID-19, non è possibile fornire una profit guidance accurata per l’esercizio 2020 in questa fase.

(Ufficio Stampa International Airlines Group)