Bombardier annuncia la ripresa graduale delle sue attività produttive in Canada

Bombardier ha annunciato oggi di aver iniziato il processo di richiamo della maggior parte dei suoi dipendenti basati in Canada che sono stati messi in congedo a seguito di mandati governativi emanati per rallentare la diffusione di COVID-19. Le attività di produzione e assistenza sospese riprenderanno gradualmente dall’11 maggio.

Si prevede che circa 11.000 dipendenti torneranno a lavorare nelle prossime settimane attraverso gli Aviation and Transportation segments e i Bombardier Corporate Office. Gli orari di rientro al lavoro variano in base al sito e saranno soggetti a nuove procedure per garantire la salute e la sicurezza dei dipendenti.

I responsabili dei siti e delle funzioni comunicheranno piani e date specifici direttamente ai dipendenti. A tutti i dipendenti richiamati la cui presenza fisica non è richiesta nei siti di produzione o di servizio di Bombardier verrà chiesto di lavorare da casa fino a nuovo avviso.

“Mentre riprendiamo le attività in molti dei nostri siti, la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti, dei nostri clienti e della popolazione generale continueranno a essere la nostra priorità assoluta. Sono profondamente convinto che, continuando a lavorare in stretta collaborazione con i rappresentanti dei dipendenti e le autorità di sanità pubblica in tutti i paesi in cui operiamo, Bombardier si affermerà come esempio di leader industriale dinamico e responsabile nella ripresa globale”, ha affermato Éric Martel, President and Chief Executive Officer, Bombardier Inc.

Bombardier utilizzerà il programma Canada Emergency Wage Subsidy (CEWS) a beneficio dei dipendenti idonei in Canada. Questa applicazione ha il pieno supporto dei sindacati che rappresentano i dipendenti Bombardier con base in Canada.

“Le nostre industrie sono tra le più colpite dalla pandemia senza precedenti di COVID-19. Voglio ringraziare il governo federale per aver messo in atto questa audace iniziativa a sostegno dei lavoratori e delle aziende canadesi. Voglio anche ringraziare i leader sindacali per la loro collaborazione e supporto in questi tempi difficili. Soprattutto, voglio ringraziare i nostri dipendenti e le loro famiglie per la loro pazienza, comprensione e dedizione mentre intraprendiamo le azioni necessarie per affrontare questa crisi globale e proteggere la nostra attività a lungo termine”, ha aggiunto Martel.

(Ufficio Stampa Bombardier)