American Airlines comunica i risultati del primo trimestre 2020

American Airlines Group Inc. ha riportato i risultati finanziari del primo trimestre 2020. La perdita netta nel primo trimestre è pari a $2,2 miliardi, ovvero ($5,26) per azione. Escludendo i net special items, la perdita netta nel primo trimestre è di $1,1 miliardi o ($2,65) per azione.

Il primo trimestre si è chiuso con $6,8 miliardi di liquidità disponibile e la compagnia prevede di chiudere il secondo trimestre con circa $11 miliardi di liquidità.

“Mai prima d’ora la nostra compagnia aerea o il nostro settore ha dovuto affrontare una sfida così significativa”, ha dichiarato Doug Parker, Presidente e CEO di American Airlines. “Il team di American Airlines ha svolto un lavoro fenomenale prendendosi cura dei nostri clienti durante tempi così difficili e spesso strazianti. Siamo incredibilmente orgogliosi del loro altruismo e dedizione verso gli altri”.

“Ci siamo mossi in modo rapido e aggressivo per ridurre i nostri costi e rafforzare la nostra liquidità”, ha continuato Parker. “Siamo particolarmente grati per $5,8 miliardi di assistenza finanziaria che American riceverà attraverso il Payroll Support Program e apprezziamo il sostegno degli U.S. Department of the Treasury and Department of Transportation per proteggere i posti di lavoro delle compagnie aeree e garantire la competitività dell’U.S. airline industry. Abbiamo un sacco di lavoro difficile davanti a noi. E mentre c’è ancora incertezza su ciò che verrà, siamo fiduciosi che attraverso la dedizione del team di American Airlines e le nostre azioni rapide, supporteremo il nostro team, i nostri clienti e i nostri azionisti”.

In risposta al rapido calo della domanda, American ha agito rapidamente per prendersi cura dei suoi membri del team, dei clienti e delle comunità, riducendo i costi e migliando la sua posizione di liquidità.

American stima una riduzione di oltre $12 miliardi nelle sue spese operative e di capitale per il 2020, ottenute attraverso minori spese per il carburante e una serie di azioni.

La compagnia ha ridotto la system capacity di circa l’80% in aprile e maggio e del 70% in giugno, ed è stato accelerato il ritiro di quattro tipi di aeromobili, composto da 20 Embraer E190, 34 Boeing 757, 17 Boeing 767 e nove Airbus A330-300, insieme a una serie di vecchi aerei regionali.

Sono state sospese tutte le assunzioni non essenziali, gli aumenti salariali non contrattuali, si è attuata una riduzione dei compensi per i dirigenti e sono stati attuati programmi di congedo volontario e prepensionamento per ridurre i costi del lavoro. In totale, quasi 39.000 membri del team hanno optato per un pensionamento anticipato, un programma di lavoro ridotto o un congedo parzialmente retribuito.

Riguardo la flotta, il mese scorso American Airlines ha annunciato piani per accelerare il ritiro di alcuni velivoli più vecchi e meno efficienti dal punto di vista dei consumi prima di quando previsto in precedenza. Poiché i programmi di volo e le esigenze degli aeromobili vengono perfezionati durante questo periodo di bassa domanda, American farà il passo unico di ritirare un totale di cinque tipi di aeromobili.

American ha ritirato ufficialmente le flotte Embraer E190 e Boeing 767, che inizialmente avrebbero dovuto essere ritirate entro la fine del 2020. La compagnia aerea ha anche accelerato il ritiro dei suoi Boeing 757 e Airbus A330-300. Inoltre, American sta ritirando 19 aerei Bombardier CRJ200 operati da PSA Airlines.

Queste modifiche rimuovono la complessità operativa e porteranno avanti risparmi ed efficienze associati alla gestione di un minor numero di aeromobili. Aiuteranno anche la concentrazione in American di velivoli più avanzati, mentre la compagnia prosegue a ricevere nuove consegne di Airbus A321neo, Boeing 737 MAX e 787. La narrowbody fleet di American diventa anche più semplificata, con solo due tipi di cockpit: le famiglie Airbus A320 e Boeing 737. Ciò avvantaggia le American operational performance attraverso l’efficienza della formazione e la manutenzione semplificata.

Si prevede che il cash burn rate stimato del secondo trimestre 2020 sarà di circa $70 milioni al giorno. Man mano che le iniziative della compagnia guadagneranno terreno, il cash burn rate stimato dovrebbe diminuire nel tempo a circa $50 milioni al giorno per il mese di giugno. Sulla base delle previsioni attuali, la compagnia prevede di avere circa $11 miliardi di liquidità alla fine del secondo trimestre.

(Ufficio Stampa American Airlines – Photo Credits: American Airlines)