FUTURE COMBAT AIR SYSTEM: AIRBUS E FKIE CREANO UN PANEL DI ESPERTI SULL’USO RESPONSABILE DELLE NUOVE TECNOLOGIE – Riguardo il Future Combat Air System (FCAS), Airbus e il Fraunhofer Institute for Communication, Information Processing and Ergonomics FKIE, basato a Bonn, hanno creato un gruppo indipendente di esperti sull’uso responsabile delle nuove tecnologie per definire e proporre international legal “guard rails” per il più grande progetto di difesa europeo. Il gruppo di esperti, che è stato avviato per la prima volta in Germania nel 2019, attualmente comprende parti interessate come il Ministero della difesa tedesco, il Ministero degli affari esteri tedesco, le fondazioni, le università e anche gruppi di riflessione. “In molti modi, FCAS rappresenta un grande balzo in avanti. Non solo è il più grande programma di difesa europeo nei prossimi decenni, che promuoverà la collaborazione tra le nazioni partner. Con FCAS intensificheremo in modo significativo il nostro gioco in termini di nuove tecnologie che faranno parte di questo sixth-generation ‘System of Systems’”, afferma Dirk Hoke, Chief Executive Officer of Airbus Defence and Space. “Questo apre nuove opportunità in termini di politica di sicurezza e aiuta a rafforzare il ruolo dell’Europa nel mondo. Ma ci sono anche sfide etiche e legali che dobbiamo affrontare”. Il programma FCAS riflette un extensive networked “System of Systems”, in cui un next generation manned fighter rappresenterà l’elemento chiave. Tali manned platforms collaboreranno con le unmanned, chiamate “remote carriers”, che forniranno ulteriori capacità per completare le missioni. Le architetture di sistema scalabili e interoperabili consentiranno l’integrazione delle piattaforme esistenti per essere integrate in FCAS. Sfruttare le capacità collaborative di manned and unmanned platforms richiederà un “Air Combat Cloud” che fonde in tempo reale enormi quantità di dati aumentati da warfare analytics and articifical intelligence. Inoltre, si prevede che le tecnologie sviluppate nell’ambito di questo progetto avranno anche significative ricadute per future applicazioni civili. Al fine di creare la massima trasparenza possibile sugli atti del panel di esperti, è stato creato un sito web: www.fcas-forum.eu. Tutti i membri del panel danno il loro contributo gratuitamente e si impegnano esclusivamente in base alla propria coscienza.

SWISS: NUOVE DESTINAZIONI INTERCONTINENTALI PER IL CARGO-ONLY NETWORK – Dalla fine di marzo, SWISS e la sua divisione WorldCargo hanno operato più di 200 voli cargo, trasportando oltre 4.000 tonnellate di merci tra Asia e Svizzera. La maggior parte delle merci trasportate comprendeva medicinali e forniture mediche a sostegno della Svizzera e della sua popolazione. Includendo ulteriori destinazioni intercontinentali alla rete di rotte SWISS, la divisione di trasporto cargo della compagnia, Swiss WorldCargo, può espandere i suoi servizi e, a partire dal 15 maggio, offrirà anche voli frequenti per Hong Kong (due volte a settimana), New York JFK (quattro volte a settimana ), Johannesburg (settimanale, eseguito inizialmente da Edelweiss come cargo-only flight e da giugno da SWISS) e Mumbai (tre volte a settimana). Alla fine di giugno, sono previsti altri 160 voli cargo per conto di varie compagnie private e istituzioni pubbliche. Questi includeranno i primi servizi in assoluto verso destinazioni come Toronto e Shenzhen. Il primo di quattro di questi voli da Zurigo a Toronto è stato condotto il 12 maggio e dieci cargo-only flights saranno operati verso Shenzhen dal 22 maggio in poi. Tutti questi servizi saranno eseguiti con aeromobili Boeing 777-300ER. Inoltre, sono in corso lavori preparatori per la conversione di 4 Boeing 777-300ER. I posti in classe economica saranno rimossi per aumentare il volume cargo sull’aeromobile.

EBAA: LA BUSINESS AVIATION ACCOGLIE CON FAVORE LE LINEE GUIDA DELLA COMMISSIONE EUROPEA – La European Business Aviation Association (EBAA) accoglie con favore e sostiene le linee guida pubblicate dalla European Commission (CE) per la ripresa sicura dei viaggi aerei in Europa, sottolineando che il successo della strategia proposta dipende da un’implementazione coordinata e non discriminatoria a livello nazionale. Le misure proposte mirano a coordinare efficacemente il recupero dei servizi di trasporto e consentire ai cittadini europei di pianificare e godersi le vacanze estive in sicurezza. Commentando le proposte della EC, Athar Husain Khan, EBAA Secretary-General, ha dichiarato: “Siamo lieti di vedere che molte delle raccomandazioni avanzate dalla EC sono quelle che sono state messe in atto dai Business Aviation operators in prima linea nella crisi”. Il 30 aprile l’EBAA ha inviato una lettera aperta ai responsabili politici e alle autorità di regolamentazione chiedendo un approccio coordinato sulla revoca delle restrizioni ai viaggi aerei. “I Business Aviation operators possono offrire misure precauzionali specifiche e garanzie che garantiscono il massimo livello di sicurezza. Come tale, la Business Aviation può e sarà una delle prime a muoversi una volta che sarà sicuro revocare le restrizioni di viaggio”, afferma EBAA. Ulteriori misure sanitarie e di protezione sono già state sviluppate e attuate nel contesto della crisi COVID-19. “L’European Business Aviation sostiene pienamente tutte le misure finora adottate dalle autorità nella lotta contro la pandemia di COVID-19. La sicurezza è la nostra priorità, per i passeggeri, gli equipaggi e gli altri lavoratori coinvolti nelle operazioni del nostro settore. EBAA continuerà a collaborare con la European Commission, l’EASA e l’European Centre for Disease Control (ECDC) per lo sviluppo di misure tecniche e operative adattate e pertinenti alle specificità del nostro settore”, conclude EBAA.

GLI AIRBUS DIGITAL TEAMS SI UNISCONO A ENGINEERING AND OPERATIONS – Airbus informa: “Dopo quattro anni di esplorazione, incubazione e industrializzazione delle capacità digitali, l’Airbus Digital Transformation Office (DTO) ha portato l’azienda a piattaforme digitali mature di livello industriale come Skywise, DDMS (Digital Design, Manufacturing & Services), Artificial Intelligence, advanced analytics, Airlines Sciences e Internet of Things. Al fine di integrare queste capacità più a fondo nelle attività principali e garantire un’ulteriore implementazione su vasta scala, è tempo di trasferire i team e le loro attività, diffondendo le loro lezioni apprese, l’esperienza e la mentalità in tutta l’azienda. Dal 2016 Marc Fontaine, Digital Transformation Officer, ha sviluppato la capacità di Airbus di identificare e capitalizzare tecnologie e modelli di business innovativi e trasformativi. Ha iniziato con un piccolo team composto da una manciata di esperti di talento, che alla fine è cresciuto fino a diventare la forza trainante della nostra trasformazione, vantando una comunità digitale di oltre 12.000 dipendenti in tutte le funzioni di Airbus e oltre 18.000 aviation users sulla Skywise platform. In questo frangente, Marc Fontaine ha deciso di passare ad altre opportunità al di fuori di Airbus in estate. Airbus ringrazia Marc per il suo forte contributo al successo dell’azienda nel corso degli anni”.