IATA: linee guida EASA / ECDC accolte favorevolmente, essenziale che gli Stati europei adottino misure armonizzate

L’International Air Transport Association (IATA) ha accolto con favore il rilascio da parte dell’European Aviation Safety Agency (EASA) e dell’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) delle COVID-19 Aviation Health Safety Protocol guidelines per il riavvio sicuro del trasporto aereo in Europa.

“Le linee guida di EASA e ECDC sono allineate con le raccomandazioni fornite sia dal settore aereo sia da quello aeroportuale, per un layered approach con misure temporanee per proteggere la salute pubblica, consentendo nel contempo servizi aerei praticabili per favorire la ripresa economica europea. Ma le linee guida saranno efficaci solo se tutti gli stati europei realizzeranno un’attuazione armonizzata e si riconosceranno reciprocamente. In caso contrario si danneggerebbe la fiducia del pubblico nel sistema aereo, con conseguenze negative per l’economia e l’occupazione”, afferma IATA.

Le principali misure contenute nelle linee guida dell’EASA includono:

– La distanza fisica in aeroporto dovrebbe essere mantenuta. Le infrastrutture dei terminal, ad esempio le aree consegna e ritiro bagagli, le aree dei controlli di sicurezza, devono essere ottimizzate per evitare le code.
– Si raccomanda di indossare sempre maschere in aeroporto e a bordo, così come la fornitura di adeguati dispositivi di protezione individuale (DPI) al personale.
– Si raccomandano procedure di pulizia avanzate sia in aeroporto che in aereo, in particolare per le superfici toccate di frequente.
– Laddove consentito dal passenger load, dalla configurazione della cabina e dai mass and balance requirements, le compagnie aeree dovrebbero garantire, per quanto possibile, la distanza fisica tra i passeggeri. I familiari e le persone che viaggiano insieme come parte della stessa famiglia possono essere seduti uno accanto all’altro.

“EASA e ECDC hanno fornito un quadro ragionevole per riavviare l’aviazione proteggendo al contempo la salute pubblica. La guida chiarisce che mentre le compagnie aeree dovrebbero cercare di mantenere le distanze fisiche laddove possibile, è consentita la flessibilità nella disposizione dei posti. E i requisiti di quarantena non sono necessari. E’ assolutamente essenziale che tutti gli stati europei applichino queste linee guida in modo armonizzato e reciprocamente riconosciuto. Deviazioni ed eccezioni locali danneggeranno la fiducia del pubblico e renderanno più difficile operare in modo efficace. Ciò sarebbe dannoso per la salute pubblica e la ripresa economica. IATA supporterà gli Stati nell’attuazione di queste linee guida nel modo più rapido ed efficiente”, ha affermato Rafael Schvartzman, IATA’s Regional Vice President for Europe.

In una dichiarazione che accompagna il protocollo, EASA ha spiegato che le misure raccomandate saranno regolarmente valutate e aggiornate in linea con le modifiche nella conoscenza del rischio di trasmissione, nonché con lo sviluppo di altre misure diagnostiche o preventive. IATA è pronta a supportare le autorità in questo processo di perfezionamento e ottimizzazione delle raccomandazioni e delle linee guida.

Le linee guida di EASA e ECDC forniranno un importante contributo alle discussioni tenute dall’International Civil Aviation Organization COVID-19 Aviation Recovery Taskforce (ICAO CART) che ha il compito di sviluppare gli standard globali necessari per il riavvio sicuro dell’aviazione.

Per assistere il CART process, IATA ha lavorato ininterrottamente con autorità e partner del settore per sviluppare posizioni comuni. Con il settore aeroportuale, è stato pubblicato un documento – Safely Restarting Aviation: ACI and IATA Joint Approach (leggi anche qui). Inoltre, i 31 CEO dello IATA Board of Governors hanno concordato una Dichiarazione con cinque principi per il riavvio dell’aviazione (leggi anche qui).

“La sicurezza dei nostri passeggeri e degli equipaggi è la prima preoccupazione. Nessuna singola misura lo consentirà. Ecco perché stiamo adottando un approccio stratificato guidato dalla scienza e in linea con le raccomandazioni dell’EASA. Man mano che la situazione medica e la scienza evolvono, lavoreremo a stretto contatto con i regolatori per garantire che le misure in atto si adattino di conseguenza. I nostri cinque principi ci guideranno a un riavvio sicuro e sostenibile per i viaggi aerei e una spinta vitale per l’attività economica”, ha affermato Schvartzman.

“In Europa, siamo stati in blocco per molte settimane. Il settore turistico, che rappresenta milioni di posti di lavoro in tutta Europa, dipende in particolare dal riavvio della connettività. L’isolamento forzato ci ha lasciato il desiderio di riconnetterci con il mondo, di godere ancora una volta della libertà di esplorare, condividere esperienze con i nostri cari e sfuggire alle pressioni della vita quotidiana. Con queste linee guida sensate, siamo tutti in attesa della libertà che solo il volo può offrire”, ha concluso.

(Ufficio Stampa IATA)