easyJet prevede una riduzione del 30% della forza lavoro

Come annunciato la scorsa settimana, easyJet riprenderà a volare il 15 giugno, servendo un numero limitato di rotte in cui la compagnia ritiene che vi sia una domanda sufficiente da parte dei clienti per supportare un volo redditizio.

Ulteriori rotte saranno annunciate all’aumentare della domanda dei clienti e con l’allentamento delle restrizioni in Europa.

“Finora, le tendenze di prenotazione sui voli ripresi sono state incoraggianti e le indicazioni sulla domanda per l’estate 2020 stanno migliorando, sebbene da una base bassa. Le prenotazioni per l’inverno sono molto più avanti rispetto al punto equivalente dell’anno scorso, includendo i clienti che stanno riprenotando voli per date successive”, afferma la compagnia.

Per quanto riguarda la capacità del 4° trimestre 2020, i piani attuali prevedono che easyJet volerà circa il 30% della capacità pianificata volata nel 4° trimestre 2019. Ciò continuerà a essere valutato tenendo conto delle mutate normative e della domanda. I team di pianificazione continuano a lavorare attraverso diversi scenari di domanda dall’estate all’inverno 2020/21.

Guardando al futuro, easyJet prevede che la dimensione della flotta a fine 2021 sarà al margine inferiore del fleet range, 51 velivoli inferiore alla dimensione prevista per la fine dell’anno 2021 segnalata al mercato prima di Covid-19. La riduzione delle dimensioni della flotta sarà raggiunta attraverso misure precedentemente annunciate, tra cui il differimento delle consegne di nuovi aeromobili e la riconsegna di aeromobili in leasing.

“In linea con le proiezioni IATA, easyJet ritiene che i livelli della domanda di mercato visti nel 2019 non saranno probabilmente raggiunti di nuovo fino al 2023. L’accordo con Airbus offre a easyJet la flessibilità di reagire alle diverse circostanze e agli ambienti di domanda variabili”, prosegue easyJet.

“Per attuare la ristrutturazione dell’attività, easyJet avvierà a breve un processo di consultazione dei dipendenti su proposte volte a ridurre il numero di dipendenti fino al 30%, riflettendo la flotta ridotta, l’ottimizzazione del network e delle basi, una maggiore produttività e la promozione di modi di lavorare efficienti. Lanceremo il processo di consultazione nei prossimi giorni.

easyJet sta inoltre continuando ad adottare misure decisive in altre linee per rimuovere i costi e le spese non critiche a tutti i livelli. Alcune delle aree di interesse sono le consultazioni con aeroporti e operatori di terra per quanto riguarda i contratti rivisti per ridurre i costi; azioni rapide per differire le time-dependent maintenance a causa della riduzione dei voli; rinegoziazione con le agenzie dando la priorità alle attività più efficaci per ottimizzare il traffico e le vendite.

Alla chiusura di tutte le iniziative di finanziamento intraprese, la compagnia prevede di aver generato liquidità aggiuntiva totale di circa £2,0 miliardi, con cash burn sostanzialmente in linea con le stime pubblicate ad aprile. In questa fase, dato il livello di incertezza continua, non è possibile fornire una guidance finanziaria per il resto dell’esercizio finanziario 2010. Tuttavia, continuiamo a prendere tutte le misure necessarie per ridurre i costi, preservare il cash burn, migliorare la liquidità, proteggere la compagnia e garantire che sia posizionata al meglio quando si tornerà a volare. easyJet pubblicherà i risultati semestrali (per i sei mesi fino al 31 marzo 2020) il 30 giugno 2020”, prosegue easyJet.

Johan Lundgren, CEO di easyJet, ha dichiarato: “Ci rendiamo conto che questi sono tempi molto difficili e dobbiamo prendere in considerazione decisioni molto difficili che avranno un impatto sul nostro personale, ma vogliamo proteggere il maggior numero possibile di posti di lavoro a lungo termine. Rimaniamo concentrati sul fare ciò che è giusto per la compagnia e il suo successo a lungo termine. Anche se ricominceremo a volare il 15 giugno, prevediamo che la domanda aumenterà lentamente, tornando ai livelli del 2019 tra circa tre anni. In questo contesto, stiamo pianificando di ridurre le dimensioni della nostra flotta e di ottimizzare il network e le nostre basi. Di conseguenza, prevediamo di ridurre il numero di dipendenti fino al 30% in tutta la compagnia e continueremo a rimuovere costi e spese non critiche a tutti i livelli. Nei prossimi giorni avvieremo una consultazione con i dipendenti. Vogliamo assicurarci di uscire dalla pandemia con un business ancora più competitivo di prima, in modo che easyJet possa prosperare in futuro”.

(Ufficio Stampa easyJet)