L’International Air Transport Association (IATA) ha esortato i governi a evitare misure di quarantena quando riapriranno le loro economie. IATA sta promuovendo un approccio stratificato di misure per ridurre il rischio che i paesi importino COVID-19 attraverso i viaggi aerei e per mitigare la possibilità di trasmissione nei casi in cui le persone possono viaggiare mentre sono inconsapevolmente infettate.

“L’imposizione di misure di quarantena per i viaggiatori in arrivo mantiene i paesi isolati e il settore dei viaggi e del turismo bloccato. Fortunatamente, ci sono alternative politiche che possono ridurre il rischio di importare infezioni da COVID-19 pur consentendo la ripresa di viaggi e turismo, che sono vitali per avviare le economie nazionali. Proponiamo un quadro con livelli di protezione per impedire ai malati di viaggiare e per mitigare il rischio di trasmissione qualora un viaggiatore scopra di essere stato infettato dopo l’arrivo”, ha dichiarato Alexandre de Juniac, IATA’s Director General and CEO.

La IATA incoraggia una stratificazione delle misure di biosicurezza in due aree.

Riduzione del rischio di casi importati tramite viaggiatori

Scoraggiare i passeggeri sintomatici dal viaggio: è importante che i passeggeri non viaggino quando sono malati. Per incoraggiare i passeggeri a fare la cosa giusta e rimanere a casa in caso di malessere o potenziale esposizione, le compagnie aeree offrono ai viaggiatori flessibilità nell’adattare le loro prenotazioni.

Misure di mitigazione del rischio per la salute pubblica: IATA sostiene lo screening sanitario da parte dei governi sotto forma di dichiarazioni sulla salute. Per evitare problemi di privacy e ridurre il rischio di infezione da documenti cartacei, si raccomandano dichiarazioni elettroniche standard senza contatto tramite portali Web governativi o applicazioni mobili governative. Anche lo screening sanitario mediante misure come controlli della temperatura non intrusivi può svolgere un ruolo importante. Sebbene i controlli della temperatura non siano il metodo di screening più efficace per i sintomi di COVID-19, possono agire da deterrente per i viaggi in caso di malessere. I controlli di temperatura possono anche rafforzare la fiducia dei passeggeri: in un recente sondaggio IATA sui viaggiatori, l’80% ha indicato che i controlli di temperatura li rendono più sicuri quando viaggiano.

Test COVID-19 per viaggiatori provenienti da paesi percepiti come “ad alto rischio”: quando si accettano viaggiatori provenienti da paesi in cui il tasso di nuove infezioni è significativamente più alto, l’autorità di arrivo potrebbe prendere in considerazione i test COVID-19. Si consiglia di eseguire i test prima dell’arrivo all’aeroporto di partenza (in modo da non aggiungere congestione all’aeroporto ed evitare il potenziale contagio nel processo di viaggio) con la documentazione per dimostrare un risultato negativo. I test dovrebbero essere ampiamente disponibili e altamente precisi, con risultati consegnati rapidamente. I dati dei test dovrebbero essere validati in modo indipendente per essere reciprocamente riconosciuti dai governi e trasmessi in modo sicuro alle autorità competenti. I test dovrebbero essere per virus attivi (reazione a catena della polimerasi o PCR) piuttosto che per anticorpi o antigeni.

Mitigazione del rischio nei casi in cui una persona infetta viaggia

Per la riduzione del rischio di trasmissione durante il viaggio in aereo, IATA incoraggia l’attuazione universale delle linee guida pubblicate da ICAO.

Il contact tracing è la misura di backup, nel caso qualcuno venga rilevato infetto dopo l’arrivo. La rapida identificazione e isolamento dei contatti contiene il rischio senza interruzioni economiche o sociali su larga scala. La nuova tecnologia mobile ha il potenziale per automatizzare parte del processo di tracciamento dei contatti, a condizione che possano essere affrontati problemi di privacy.

I governi stanno adottando misure per limitare la diffusione del virus nel loro territorio. Inoltre, i protocolli Safe Travel del World Travel and Tourism Council (WTTC) forniscono un approccio pragmatico per il settore dell’ospitalità per consentire un turismo sicuro e ripristinare la fiducia dei viaggiatori. Le aree del settore coperte dai protocolli includono ospitalità, attrazioni, vendita al dettaglio, tour operator e meeting planner.

“Il riavvio sicuro dell’economia è una priorità. Ciò include viaggi e turismo. Le misure di quarantena possono svolgere un ruolo nel proteggere le persone, ma manterranno anche molti disoccupati. L’alternativa è ridurre i rischi attraverso una serie di misure. Le compagnie aeree offrono già flessibilità, quindi non vi è alcun incentivo per le persone malate o a rischio di viaggiare. Dichiarazioni sanitarie, screening e test da parte dei governi aggiungeranno ulteriori livelli di protezione E se qualcuno viaggia mentre è infetto, possiamo ridurre il rischio di trasmissione con protocolli per impedire la diffusione durante il viaggio o a destinazione. Inoltre, un’efficace tracciabilità dei contatti può isolare coloro che sono maggiormente a rischio senza gravi interruzioni”, ha affermato de Juniac.

“Un approccio stratificato alla sicurezza ha reso il volo il modo più sicuro di viaggiare, pur consentendo al sistema di funzionare in modo efficiente. Questo dovrebbe essere un quadro ispiratore per guidare i governi a proteggere i loro cittadini dai rischi sia del virus che della disoccupazione. La quarantena è una soluzione a sbalzo che protegge l’una e fallisce assolutamente nell’altra. Abbiamo bisogno della leadership del governo per offrire una protezione equilibrata”, ha affermato de Juniac.

(Ufficio Stampa IATA)

2020-06-24