easyJet: possibile chiusura di tre basi in UK

Nell’ambito del aggiornamento sul mercato del 28 maggio 2020 (leggi anche qui), easyJet ha indicato che potrebbe essere necessario ridurre il numero di dipendenti fino al 30%, nonché ottimizzare il proprio network e le basi a causa della pandemia.

easyJet ha avviato una consultazione formale sulle proposte con i rappresentanti dei dipendenti tra cui BALPA e UNITE per tutti i suoi UK based pilots and crew. Le proposte includono la potenziale chiusura di tre delle basi nel Regno Unito: Londra Stansted, Londra Southend e Newcastle. Questi aeroporti rimarrebbero parte della rete di collegamenti di easyJet.

La compagnia ha anche informato tutti i dipendenti che potrebbero essere direttamente interessati da queste proposte, fornendo pieno supporto. easyJet si impegna a lavorare a stretto contatto con i rappresentanti dei dipendenti durante queste consultazioni allo scopo di ridurre al minimo le perdite di posti di lavoro.

Dall’inizio della pandemia, easyJet ha intrapreso azioni decisive per rimuovere i costi e le spese non critiche ad ogni livello per mitigare l’impatto. Tuttavia, in linea con le proiezioni IATA, easyJet ritiene che i livelli della domanda di mercato visti nel 2019 non siano probabilmente raggiunti di nuovo fino al 2023.

Johan Lundgren, CEO di easyJet, ha dichiarato: “Si tratta di proposte molto difficili da presentare, in un momento senza precedenti e difficile per la compagnia aerea e l’industria nel suo insieme. Ci concentriamo sul fare ciò che è giusto per la compagnia, la sua salute e il suo successo a lungo termine, in modo da poter proteggere il lavoro in futuro. Purtroppo l’ambiente a bassa domanda significa che abbiamo bisogno di meno aeromobili, con minori opportunità di lavoro per il nostro personale. Ci impegniamo a lavorare in modo costruttivo con i nostri rappresentanti dei dipendenti, con l’obiettivo di ridurre al minimo le perdite di posti di lavoro. easyJet rimane impegnata nelle sue operazioni nel Regno Unito e attualmente basa 163 aerei in UK, in 11 basi, servendo 546 rotte e volando oltre 52 milioni di passeggeri da e verso il Regno Unito ogni anno. easyJet continuerà a rivedere il suo network e le sue basi per garantire che siano ottimizzate nell’ambiente attuale”.

(Ufficio Stampa easyJet)