American Airlines intraprende azioni strategiche nel secondo trimestre in risposta a COVID-19

American Airlines Group Inc. ha riportato oggi i risultati finanziari del secondo trimestre 2020.

La compagnia ha riportato una second-quarter pretax loss di $2,7 miliardi. Escludendo i net special items, la second-quarter pretax loss è pari a $4,3 miliardi.

Second-quarter net loss pari a $2,1 miliardi o ($4,82) per azione. Escludendo i net special items, la second-quarter net loss si attesta a $3,4 miliardi o ($7,82) per azione.

Total operating revenues pari a $1,6 miliardi.

American ha aumentato la liquidità disponibile di $3,6 miliardi nel trimestre attraverso offerte di azioni ordinarie, obbligazioni convertibili e obbligazioni garantite. Ha chiuso il secondo trimestre con circa $10,2 miliardi di liquidità disponibile. Inoltre, ha firmato un term sheet con l’U.S. Department of the Treasury per un prestito garantito di $4,75 miliardi, che dovrebbe chiudersi nel terzo trimestre, e ha annunciato due transazioni senior di note garantite per un totale di $1,2 miliardi. Il saldo di liquidità pro forma del secondo trimestre, comprese queste transazioni, sarebbe di circa $16,2 miliardi.

“Questo è stato uno dei trimestri più difficili della storia di American”, ha dichiarato Doug Parker, Presidente e CEO di American Airlines. “Il COVID-19 e il conseguente arresto dell’economia degli Stati Uniti hanno causato gravi interruzioni alla domanda globale di trasporto aereo. Nonostante queste sfide, il team di American Airlines ha svolto un lavoro fenomenale prendendosi cura dei nostri clienti e dei membri del nostro team. Ci siamo mossi rapidamente per migliorare la nostra liquidità, conservare i contanti e garantire la sicurezza dei clienti quando viaggiano. C’è molta incertezza davanti a noi, ma restiamo fiduciosi che usciremo da questa crisi più agili e più efficienti che mai”.

American continua a prendere provvedimenti per ridurre i costi. La compagnia aerea stima che ridurrà le spese operative e di capitale per il 2020 di oltre $15 miliardi, principalmente attraverso risparmi sui costi derivanti dalla riduzione dei voli.

Inoltre, saranno ritirati quattro tipi di aeromobili, costituiti da 20 Embraer 190, 34 Boeing 757, 17 Boeing 767 e nove Airbus A330-300, insieme a un numero di velivoli regionali più vecchi. Inoltre, la compagnia ha inserito i suoi Airbus A330-200 e alcuni vecchi Boeing 737 in un temporary storage program. Nel complesso, queste modifiche rimuovono oltre 150 aeromobili dalla flotta e portano avanti i risparmi sui costi e l’efficienza associati alla gestione di un minor numero di aeromobili.

Sono stati introdotti ulteriori congedi volontari e programmi di early-out per aiutare a ridimensionare il team di prima linea. American prevede di disporre di oltre 20.000 membri del team in più del necessario per gestire il suo fall schedule. In totale, oltre 41.000 membri del team hanno optato per un pensionamento anticipato, un programma di lavoro ridotto o un congedo parzialmente retribuito.

Coerentemente con il CARES act, la compagnia ha ridotto il personale direttivo e di supporto di circa 5.100 posizioni, pari al 30%.

American prevede che la sua summer 2021 long-haul international capacity scenderà del 25% rispetto al 2019 e prevede inoltre di uscire da 19 rotte internazionali da sei hub. Queste modifiche consentiranno alla compagnia aerea di ripristinare la propria rete internazionale per la crescita futura al ritorno della domanda.

Vi saranno inolte riduzioni delle spese in conto capitale non-aircraft di $700 milioni nel 2020 e altri $300 milioni nel 2021 attraverso la riduzione dei lavori di modifica della flotta, l’eliminazione di tutti i nuovi acquisti di ground service equipment e la sospensione di tutti gli investimenti in infrastrutture non critiche e progetti IT.

“La domanda e i load factor sono migliorati da quando si è toccato il fondo ad aprile, ma continuano ad essere significativamente inferiori ai livelli del 2019. Mentre le tendenze delle entrate di maggio e giugno sono state incoraggianti, la domanda si è in qualche modo indebolita nel mese di luglio, poiché i casi COVID-19 sono aumentati e sono state introdotte nuove restrizioni di viaggio. La compagnia continuerà ad abbinare la sua capacità con le tendenze delle prenotazioni osservate e attualmente prevede che la sua third quarter system capacity scenderà di circa il 60% su base annua”, conclude American Airlines.

(Ufficio Stampa American Airlines – Photo Credits: American Airlines)