KLM adatta la sua organizzazione alla nuova realtà

“KLM è alle prese con una crisi senza precedenti. Dallo scoppio del virus COVID-19 all’inizio del 2020, sono già state prese numerose misure per far fronte alle circostanze attuali. Le aspettative sono che la strada per la ripresa sarà lunga e piena di incertezza. Ciò significa che la struttura e le dimensioni di KLM devono essere rigorosamente adattate ulteriormente negli anni a venire. Di conseguenza, cesseranno di esistere da 4.500 a 5.000 posizioni nell’intero gruppo KLM (espresse in FTE – Full Time Equivalent).

A seguito dell’epidemia di coronavirus, KLM ha gradualmente iniziato a ridurre le dimensioni della sua rete a febbraio per operare meno del 10% del suo numero originale di voli entro l’inizio di aprile. Nel secondo trimestre è stato operato solo il 15% del numero originale di voli. A luglio è stato operato il 30% dei voli originali e i load factor sono in ritardo. Di conseguenza, mentre la rete viene nuovamente ampliata gradualmente e con cura, i ricavi sono molto indietro.

Le prospettive per l’industria aerea – e in particolare KLM – sono incerte. Diversi paesi stanno ora iniziando a inasprire le loro restrizioni di viaggio più rilassate. Questo sta rendendo i clienti più cauti quando si tratta di prenotare un biglietto. In tutti gli scenari, la domanda dovrebbe riprendersi al più presto entro il 2023 o il 2024. Il grado e la velocità del recupero dipenderanno da una serie di fattori tra cui lo sviluppo del virus, il recupero economico e il comportamento del cliente”, afferma la compagnia.

“Il sostegno del governo sotto forma di prestito statale diretto e linee di credito bancarie garantite per un importo massimo di 3,4 miliardi di euro consentiranno a KLM di affrontare la crisi nel prossimo periodo. Al fine di garantire l’esistenza di KLM a lungo termine, la compagnia aerea deve adattare le sue dimensioni alla nuova realtà. KLM si trova quindi costretta a ridurre la sua forza lavoro fino al numero necessario per le operazioni pianificate nel 2021/2022. Del totale attuale di 33.000 FTE nell’intero gruppo KLM, la forza lavoro deve essere ridotta da 4.500 a 5.000 FTE, a 28.000 FTE nel corso del 2021.

Le dimensioni di KLM stanno già diminuendo – e continueranno a ridursi – in base alle misure attuali, che includono il mancato rinnovo di contratti temporanei (1.500 FTE) e il regime di partenza volontaria (2.000 FTE).

Pertanto, nonostante le misure già adottate, negli anni a venire saranno necessarie ancora meno persone presso KLM. Inoltre, per le posizioni a terra dobbiamo anche affrontare alcune discrepanze nelle capacità funzionali.

Sfortunatamente, per questo motivo e tenendo conto della mancata corrispondenza, si dovranno trovare soluzioni alternative per ca. 1.500 posizioni. Ciò si riferisce a un massimo di 500 ground positions, 300 cabin crew positions e 300 cockpit positions e circa 400 posizioni presso le filiali KLM e le funzioni del gruppo Air France-KLM.

Dato l’alto livello di incertezza, KLM mantiene aperta la possibilità di ulteriori riduzioni nel caso in cui i livelli di produzione vengano rivisti più in basso per il 2021/2022 rispetto al -20% previsto ora.

I piani di riorganizzazione di KLM si collegano ai cambiamenti a livello di organizzazione di Air France KLM. Nel prossimo periodo, KLM collaborerà strettamente con i sindacati per redigere un piano sociale, oltre a mantenere una stretta consultazione con il comitato aziendale sulla definizione ulteriore della riorganizzazione. Ciò includerà una specifica più dettagliata delle condizioni stabilite dal governo olandese all’emissione del pacchetto di finanziamento. Le aspettative sono che questo sarà completato nella sua interezza nel corso di ottobre”, prosegue KLM.

“Molto è già stato fatto negli ultimi mesi per quanto riguarda l’adeguamento delle dimensioni della nostra compagnia di fronte a una nuova realtà. Sfortunatamente, sono necessarie ulteriori misure a breve termine per garantire la continua esistenza di KLM in futuro. Per questo motivo, stiamo elaborando il piano di riorganizzazione per emergere da questa crisi in una posizione più forte, mantenendo il maggior numero possibile di posti di lavoro in modo responsabile e rimborsando i prestiti il più rapidamente possibile. I dipendenti di KLM sono leali, professionali e lavorano sodo. Sono sempre pronti a servire i nostri clienti, l’un l’altro, l’azienda e la società in generale. I recenti sviluppi sono nuovamente serviti a dimostrare che ciò è vero. È incredibilmente difficile e triste per KLM dover dire addio a colleghi preziosi e impegnati, visto quanto siamo riusciti a raggiungere insieme negli ultimi anni. Il prossimo periodo sarà dedicato a salutare i colleghi che devono partire con la dovuta cura e alla ricostruzione di KLM”.

Le drammatiche conseguenze dell’epidemia COVID-19 per l’industria aerea sono più pronunciate nelle cifre di KLM per il secondo trimestre rispetto al primo trimestre. Il business del trasporto cargo sta andando bene, ma le operazioni passeggeri non hanno ancora mostrato alcuna forma di recupero strutturale nonostante il fatto che KLM espanda gradualmente e attentamente la propria rete.

Il numero di passeggeri è diminuito del 95% nel secondo trimestre del 2020, da oltre 9 milioni a meno di mezzo milione. Il risultato operativo è stato negativo per 493 milioni di euro. Nello stesso periodo del 2019, il profitto è stato di 270 milioni di euro.

I dati del primo semestre riflettono un quadro leggermente più favorevole, poiché KLM ha operato bene a gennaio e febbraio prima dello scoppio del virus COVID-19. Tuttavia, i ricavi di KLM sono quasi dimezzati, a 2,8 miliardi di euro nei primi sei mesi del 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019.

Il risultato operativo è pari a una perdita di €768 milioni nel primo semestre, rispetto a un utile di €223 milioni nello stesso periodo del 2019. Un calo di quasi €1 miliardo.

La capacità è diminuita di oltre il 50%, unita a un calo del numero di passeggeri di oltre il 60%, raggiungendo una cifra di 8,1 milioni per l’intero KLM Group. Di questa cifra, KLM ha trasportato 6,7 milioni di passeggeri e Transavia 1,4 milioni. Il cargo si è comportato relativamente bene: il volume cargo è stato di 229.550 tonnellate, con un calo del 22,3%. Nonostante la ridotta belly capacity, i voli verso una serie di destinazioni hanno trasportato solo merci anziché passeggeri. Il cargo veniva anche trasportato nelle cabine degli aerei passeggeri.

“Questi risultati finanziari servono a evidenziare l’enorme impatto di questa crisi senza precedenti per l’industria aerea e in particolare KLM. Una perdita di 800 milioni di euro per i primi sei mesi dell’anno è la peggior battuta d’arresto finanziaria mai vissuta nella storia di KLM. Nei prossimi mesi KLM continuerà ad espandere la propria rete europea e intercontinentale. Questo è un passo importante verso il recupero, sebbene sia limitato e prudente. La strada per la ripresa sarà lunga e piena di incertezza. Anche se abbiamo già fatto molto, purtroppo saranno inevitabili ulteriori misure di vasta portata. Nonostante questo periodo incredibilmente difficile e circostanze altrettanto difficili, i dipendenti di KLM stanno ancora facendo tutto il possibile per servire i nostri clienti. Lo apprezzo molto e ho un enorme rispetto per gli sforzi di tutti”, afferma il Presidente e CEO di KLM, Pieter Elbers.

(Ufficio Stampa KLM)