IATA richiede test COVID-19 sistematici prima della partenza

L’International Air Transport Association (IATA) ha chiesto lo sviluppo e l’implementazione di test COVID-19 rapidi, accurati, convenienti, facili da usare, scalabili e sistematici per tutti i passeggeri prima della partenza, come alternativa alle misure di quarantena, al fine di ristabilire la connettività aerea globale. IATA lavorerà attraverso ICAO e con le autorità sanitarie per implementare rapidamente questa soluzione.

“I viaggi internazionali sono in calo del 92% rispetto ai livelli del 2019. Sono passati più di sei mesi da quando la connettività globale è stata distrutta, quando i paesi hanno chiuso i loro confini per combattere COVID-19. Alcuni governi hanno riaperto con cautela i confini da allora, ma la diffusione è stata limitata perché le misure di quarantena rendono i viaggi impraticabili o le frequenti modifiche alle misure COVID-19 rendono impossibile la pianificazione”, afferma IATA.

“La chiave per ripristinare la libertà di mobilità transfrontaliera è il sistematico COVID-19 testing di tutti i viaggiatori prima della partenza. Ciò darà ai governi la fiducia necessaria per aprire i propri confini senza complicati modelli di rischio che vedono cambiamenti costanti nelle regole imposte ai viaggi. Testare tutti i passeggeri restituirà alle persone la libertà di viaggiare con sicurezza. E questo riporterà milioni di persone al lavoro”, ha affermato Alexandre de Juniac, IATA’s Director General and CEO.

“Il costo economico dell’interruzione della connettività globale rende l’investimento in una border-opening testing solution una priorità per i governi. La sofferenza umana e il dolore economico globale della crisi si prolungheranno se l’industria aeronautica, da cui dipendono almeno 65,5 milioni di posti di lavoro, collasserà prima della fine della pandemia. E la quantità di sostegno dei governi necessaria per evitare un tale collasso è in aumento. Si prevede che i ricavi già persi supereranno i 400 miliardi di dollari e il settore registrerà una perdita netta record di oltre 80 miliardi di dollari nel 2020 in uno scenario di rimbalzo più ottimistico di quanto si sia effettivamente verificato”, prosegue IATA.

“La sicurezza è la massima priorità dell’aviazione. Siamo la forma di trasporto più sicura perché lavoriamo insieme come industria con i governi per implementare gli standard globali. Con il costo economico associato alle chiusure delle frontiere in aumento ogni giorno e una seconda ondata di infezioni che si diffonde, l’industria aeronautica deve fare appello a questa competenza per unirsi ai governi e ai fornitori di test medici per trovare un sistema rapido, accurato, conveniente e facile da usare. Una soluzione di test scalabile che consentirà al mondo di riconnettersi e ripristinarsi in sicurezza”, ha affermato de Juniac.

“La ricerca sull’opinione pubblica di IATA ha rivelato un forte supporto per i test COVID-19 nel processo di viaggio. Circa il 65% dei viaggiatori intervistati ha convenuto che la quarantena non dovrebbe essere richiesta se una persona risulta negativa per COVID-19. Il supporto dei passeggeri per i test è evidente nei risultati del sondaggio: l’84% ha convenuto che il test dovrebbe essere richiesto a tutti i viaggiatori; l’88% ha convenuto di essere disposto a sottoporsi a test come parte del processo di viaggio.

Oltre ad aprire le frontiere, la ricerca sull’opinione pubblica ha anche indicato che i test aiuteranno a ricostruire la fiducia dei passeggeri nell’aviazione. Gli intervistati hanno identificato l’implementazione delle misure di screening COVID-19 per tutti i passeggeri come efficace nel farli sentire al sicuro, secondo solo a indossare la maschera. Inoltre, la disponibilità di test rapidi per COVID-19 è tra i primi tre segnali a cui i viaggiatori guarderanno per essere rassicurati sul fatto che il viaggio è sicuro (insieme alla disponibilità di un vaccino o di un trattamento per COVID-19)”, afferma IATA.

La proposta di IATA è di sviluppare un test che soddisfi i criteri di velocità, accuratezza, convenienza e facilità d’uso e che possa essere somministrato sistematicamente sotto l’autorità dei governi seguendo standard internazionali concordati. IATA sta perseguendo questa posizione attraverso l’ICAO, che sta guidando gli sforzi per sviluppare e implementare standard globali per operazioni sicure dei servizi aerei internazionali durante la pandemia COVID-19.

L’evoluzione dei test COVID-19 sta procedendo rapidamente su tutti i parametri: velocità, precisione, convenienza, facilità d’uso e scalabilità. Soluzioni distribuibili sono previste nelle prossime settimane.

“Chiedendo l’istituzione di un approccio globale al test COVID-19 per tutti i passeggeri prima della partenza, stiamo inviando un chiaro segnale. Nel frattempo, stiamo acquisendo conoscenze pratiche dai programmi di test che già esistono come parte delle varie travel bubble or travel corridor initiatives in tutto il mondo. Dobbiamo continuare con questi preziosi programmi che ci muovono nella giusta direzione costruendo esperienza nei test, facilitando i viaggi essenziali e dimostrando l’efficacia dei test”, ha affermato de Juniac.

IATA non vede i test COVID-19 diventare un appuntamento fisso nell’esperienza del viaggio aereo, ma saranno probabilmente necessari a medio termine affinché il viaggio aereo si ristabilisca. “Molti vedono lo sviluppo di un vaccino come la panacea per la pandemia. Sarà certamente un passo importante, ma anche dopo che un vaccino efficace sarà riconosciuto a livello globale, è probabile che il potenziamento della produzione e della distribuzione richiederà molti mesi. I test saranno una soluzione provvisoria molto necessaria”, ha affermato de Juniac.

(Ufficio Stampa IATA)