IATA: la ricerca e i costruttori indicano un basso rischio di trasmissione del COVID-19 in volo

IATA ha dimostrato la bassa incidenza della trasmissione di COVID-19 in volo, con un conteggio aggiornato dei casi pubblicati. Dall’inizio del 2020 sono stati segnalati 44 casi di COVID-19 in cui si ritiene che la trasmissione sia stata associata a un viaggio aereo (inclusi casi confermati, probabili e potenziali). Nello stesso periodo hanno viaggiato circa 1,2 miliardi di passeggeri.

“Il rischio che un passeggero contragga il COVID-19 mentre è a bordo sembra molto basso. Con solo 44 potenziali casi identificati di trasmissione correlata al volo tra 1,2 miliardi di viaggiatori, questo è un caso ogni 27 milioni di viaggiatori. Riconosciamo che questa potrebbe essere una sottostima, ma anche se il 90% dei casi non fosse segnalato, sarebbe un caso ogni 2,7 milioni di viaggiatori. Riteniamo che queste cifre siano estremamente rassicuranti. Inoltre, la stragrande maggioranza dei casi pubblicati si è verificata prima che si diffondesse l’uso di rivestimenti per il viso in volo”, ha affermato il Dr. David Powell, IATA’s Medical Advisor.

Nuove informazioni sul motivo per cui i numeri sono così bassi sono venute dalla pubblicazione congiunta di Airbus, Boeing ed Embraer riguardo separate computational fluid dynamics (CFD) research condotte da ciascun produttore sui loro aerei. Sebbene le metodologie differiscono leggermente, ogni simulazione dettagliata ha confermato che gli aircraft airflow systems controllano il movimento delle particelle nella cabina, limitando la diffusione dei virus. I dati delle simulazioni hanno prodotto risultati simili:

– Aircraft airflow systems, High Efficiency Particulate Air (HEPA) filters, la barriera naturale dello schienale, il flusso d’aria verso il basso e gli alti tassi di ricambio d’aria riducono efficacemente il rischio di trasmissione di malattie a bordo in tempi normali.
– L’aggiunta di indossare la maschera aggiunge un ulteriore e significativo ulteriore livello di protezione, che rende la seduta nelle immediate vicinanze di una cabina d’aereo più sicura rispetto alla maggior parte degli altri ambienti interni.

La raccolta dei dati di IATA e i risultati delle simulazioni separate sono in linea con i bassi numeri riportati in uno studio peer-reviewed pubblicato di recente da Freedman e Wilder-Smith sul Journal of Travel Medicine. Sebbene non sia possibile stabilire un conteggio esatto dei possibili casi associati ai voli, il coinvolgimento di IATA presso le compagnie aeree e le autorità sanitarie pubbliche, combinato con una revisione approfondita della letteratura disponibile, non ha fornito alcuna indicazione che la trasmissione a bordo sia in alcun modo comune o diffusa. Inoltre, lo studio Freedman / Wilder-Smith sottolinea l’efficacia dell’uso della maschera nel ridurre ulteriormente il rischio.

L’uso della maschera a bordo è stato raccomandato da IATA a giugno ed è un requisito comune alla maggior parte delle compagnie aeree sin dalla successiva pubblicazione e implementazione della Takeoff Guidance dell’International Civil Aviation Organization (ICAO). Questa guidance aggiunge più livelli di protezione agli airflow systems che già garantiscono un ambiente sicuro in cabina, con rischi molto bassi di trasmissione di malattie in volo.

“La guidance completa di ICAO per un viaggio aereo sicuro durante la crisi COVID-19 si basa su più livelli di protezione, che coinvolgono sia gli aeroporti che gli aerei. Indossare la maschera è uno dei più visibili. Ma le code gestite, l’elaborazione senza contatto, la riduzione dei movimenti in cabina e i servizi di bordo semplificati sono tra le molteplici misure che l’industria aeronautica sta adottando per mantenere il volo sicuro. E questo è in cima al fatto che gli airflow systems sono progettati per evitare la diffusione di malattie con portate d’aria e tassi di cambio d’aria elevati e filtrazione altamente efficace di qualsiasi aria riciclata”, ha detto Powell.

Le caratteristiche del design degli aeromobili aggiungono un ulteriore livello di protezione che contribuisce alla bassa incidenza della trasmissione in volo. Questi includono:

– Interazioni faccia a faccia limitate quando i passeggeri sono rivolti in avanti e si muovono molto poco.
– L’effetto dello schienale che funge da barriera fisica al movimento dell’aria da una fila all’altra.
– La riduzione al minimo del forward-aft flow, con un design del flusso segmentato che è diretto generalmente verso il basso, dal soffitto al pavimento.
– L’alto tasso di aria fresca che entra in cabina. L’aria viene cambiata 20-30 volte all’ora a bordo della maggior parte degli aeromobili, il che si confronta molto favorevolmente con lo spazio medio degli uffici (media 2-3 volte all’ora) o delle scuole (media 10-15 volte all’ora).
– L’uso di filtri HEPA che hanno un tasso di efficienza di rimozione di batteri/virus superiore al 99,9%, assicurando che l’aria che entra nella cabina non sia un percorso per l’introduzione di microbi.

L’interazione di questi fattori di progettazione nella creazione di un ambiente a basso rischio unico era stata compresa intuitivamente ma non precedentemente modellata prima delle simulazioni CFD dai tre principali produttori in ciascuna delle loro cabine di aeromobili.

Di seguito sono riportati i punti salienti della ricerca dei produttori:

Airbus

Airbus ha utilizzato CFD per creare una simulazione altamente accurata dell’aria nella cabina di un A320, per vedere come le goccioline risultanti da un colpo di tosse si muovono all’interno del flusso d’aria. La simulazione ha calcolato parametri come velocità dell’aria, direzione e temperatura in 50 milioni di punti della cabina, fino a 1.000 volte al secondo. Airbus ha quindi utilizzato gli stessi strumenti per modellare un ambiente non aereo, con diversi individui che mantengono una distanza di sei piedi (1,8 metri) tra loro. Il risultato è stato che l’esposizione potenziale era inferiore quando si è seduti fianco a fianco su un aereo rispetto a quando si è a sei piedi di distanza in un ambiente come un ufficio, un’aula o un negozio di alimentari. “Dopo molteplici simulazioni altamente dettagliate utilizzando i metodi scientifici più accurati disponibili, disponiamo di dati concreti che rivelano che la cabina dell’aeromobile offre un ambiente molto più sicuro rispetto agli spazi pubblici interni”, ha affermato Bruno Fargeon, Airbus Engineering and the leader of the Airbus Keep Trust in Air Travel Initiative. “Il modo in cui l’aria circola, viene filtrata e sostituita sugli aeroplani crea un ambiente assolutamente unico in cui si ha la stessa protezione quando si è seduti fianco a fianco come se si stesse a un metro di distanza a terra”.

Boeing

Utilizzando CFD, i ricercatori della Boeing hanno monitorato il modo in cui le particelle di tosse e respirazione si muovono nella cabina dell’aereo. Sono stati studiati vari scenari, tra cui il passeggero che tossisce con e senza maschera, il passeggero che tossisce situato in vari sedili, compreso il sedile centrale. “Questo modello ha determinato il numero di particelle di tosse che sono entrate nello spazio per essere respirate degli altri passeggeri”, ha affermato Dan Freeman, chief engineer for Boeing’s Confident Travel Initiative. “Abbiamo quindi confrontato uno scenario simile in altri ambienti, come una sala conferenze di un ufficio. Sulla base del conteggio delle particelle aerodisperse, stare seduti uno accanto all’altro su un aereo equivale a stare a più di sette piedi (o due metri) di distanza in un tipico ambiente edilizio”.

Embraer

Utilizzando CFD, flusso d’aria in cabina e modelli di dispersione delle goccioline convalidati in test ambientali di cabina su vasta scala, Embraer ha analizzato l’ambiente della cabina considerando un passeggero che tossisce in diversi posti e condizioni di flusso d’aria nei diversi aeromobili del produttore, per misurare queste variabili e il loro effetto. La ricerca completata da Embraer mostra che il rischio di trasmissione a bordo è estremamente basso e i dati effettivi sulle trasmissioni in volo che potrebbero essersi verificate supportano questi risultati. Luis Carlos Affonso, Senior Vice-President of Engineering, Technology and Strategy, Embraer, ha dichiarato: “Il bisogno umano di viaggiare, connettersi e vedere i nostri cari non è scomparso. In effetti, in momenti come questi, abbiamo bisogno delle nostre famiglie e degli amici, ancora di più. Il nostro messaggio oggi è che grazie alla tecnologia e alle procedure in atto, puoi volare in sicurezza, tutte le ricerche lo dimostrano. In effetti, la cabina di un aereo commerciale è uno degli spazi più sicuri disponibili ovunque durante questo pandemia”.

“Questo sforzo di ricerca dimostra la cooperazione e la dedizione alla sicurezza di tutti coloro che sono coinvolti nel trasporto aereo e fornisce la prova che l’aria in cabina è sicura. L’aviazione guadagna la sua reputazione sulla sicurezza con ogni volo. Questo non è diverso per il volo al tempo di COVID-19. Un recente studio IATA ha rilevato che l’86% dei viaggiatori recenti ritiene che le misure COVID-19 del settore li mantengano al sicuro e siano ben implementati”, afferma IATA.

“Non esiste una singola misura miracolosa che ci consentirà di vivere e viaggiare in sicurezza nell’era di COVID-19. Ma la combinazione di misure che vengono messe in atto rassicura i viaggiatori di tutto il mondo che COVID-19 non ha sconfitto la loro libertà di volare. Niente è completamente privo di rischi. Ma con solo 44 casi pubblicati di potenziale trasmissione in volo di COVID-19 tra 1,2 miliardi di viaggiatori, il rischio di contrarre il virus a bordo sembra essere nella stessa categoria di quello di essere colpiti da un fulmine”, ha affermato Alexandre de Juniac, IATA’s Director General and CEO.

“La dettagliata computational fluid dynamics research dei produttori di aeromobili dimostra che la combinazione delle caratteristiche di progettazione esistenti del velivolo con l’uso della maschera crea un ambiente a basso rischio per la trasmissione di COVID-19. Come sempre, le compagnie aeree, i produttori e ogni entità coinvolta nell’aviazione saranno guidati dalla scienza e dalle migliori pratiche globali per mantenere il volo sicuro per i passeggeri e l’equipaggio”, ha affermato de Juniac.

(Ufficio Stampa IATA)