Ryanair invita i governi UE ad adottare intergalmente il sistema “a semaforo” dell’UE.

Ryanair ha invitato tutti i governi dell’UE ad adottare senza indugio il sistema “a semaforo” dell’UE, dopo la riunione del Consiglio dell’UE a Bruxelles il prossimo 13 ottobre. Con il nuovo sistema “a semaforo”, il Centro europeo per il controllo delle malattie (ECDC) ha confermato che è sicuro viaggiare in 15 paesi dell’UE senza restrizioni di viaggio.

“I settori dell’aviazione e del turismo in Europa non possono permettersi di subire gli effetti di un ritardo nell’adozione di questo nuovo sistema, poiché milioni di posti di lavoro sono a rischio mentre l’Europa si trova ad affrontare una stagione invernale molto difficile. Questo quadro di riferimento comune dell’UE contribuirà a ripristinare la fiducia nei viaggi aerei e a porre fine in tutta Europa alle diverse politiche nazionali contraddittorie che hanno scoraggiato la domanda dei clienti.

Il nuovo sistema “a semaforo” dell’UE consente di viaggiare in sicurezza da e verso 15 paesi elencati come “verdi” e “ambra”, senza restrizioni. Per i 15 paesi della lista “rossa”, potrebbero esserci delle limitazioni (ad esempio, test prima della partenza/all’arrivo). Il nuovo sistema “a semaforo” raccomanda inoltre agli Stati membri di applicare un approccio regionale, ove possibile, per garantire che le aree o le isole con bassi livelli di Covid non siano penalizzate.

Esperti sanitari, tra cui l’OMS e l’ECDC, confermano che le quarantene non funzionano e i viaggi aerei rappresentano un rischio minimo per la diffusione del virus. In effetti, quest’estate Ryanair ha trasportato oltre 16,5 milioni di passeggeri con zero trasmissioni in volo. L’adozione del sistema “a semaforo” dell’UE consentirà alle famiglie di riunirsi e alle imprese di prosperare, mentre il mondo si riprende dalla crisi del Covid-19″, afferma Ryanair.

Il CEO di Ryanair Eddie Wilson ha dichiarato: “Esortiamo tutti i governi dell’UE ad adottare senza indugio il sistema “a semaforo”. I settori dell’aviazione e del turismo in Europa non possono permettersi ulteriori perdite di posti di lavoro e finché non sarà disponibile un vaccino, dobbiamo imparare a convivere con il virus. L’implementazione di questo approccio regionale coordinato aiuterà a ripristinare la fiducia dei consumatori in vista di una stagione invernale difficile e consentirà, inoltre, a tutte le compagnie aeree di pianificare l’estate 2021, da cui dipendono milioni di posti di lavoro connessi ai settori dell’aviazione e del turismo. Come confermato dall’OMS, l’aviazione non è responsabile dell’aumento dei tassi di Covid dell’UE e le quarantene non funzionano. I governi dell’UE devono agire rapidamente e applicare il sistema “a semaforo” dell’UE subito dopo la riunione del Consiglio della prossima settimana e dare alle economie turistiche europee il sollievo di cui hanno bisogno”.

(Ufficio Stampa Ryanair)