L’International Air Transport Association (IATA) accoglie con favore la pubblicazione della seconda edizione (leggi anche qui) di ‘Take-off: Guidance for Air Travel through the COVID-19 Public Health Crisis’, pubblicarto dall’International Civil Aviation Organization (ICAO) Council Aviation Recovery Task Force (CART).

Il CART riunisce le competenze di ICAO, delle autorità sanitarie pubbliche, dei singoli stati membri e degli enti industriali. Sotto la sua guida, la prima edizione della Take-off guidance è stata pubblicata nel giugno 2020 in risposta alla pandemia COVID-19 e ha fornito le basi per le misure di biosicurezza a più livelli già implementate dall’industria, come la distanza fisica, l’uso di coperture per il viso, servizi igienico-sanitari e disinfezione di routine, screening sanitario, tracciamento dei contatti e moduli di dichiarazione sulla salute dei passeggeri.

Le seguenti tre raccomandazioni vengono aggiunte alla Take-off guidance con il pieno supporto di IATA:

COVID-19 Testing
Con alcuni Stati che prendono in considerazione l’uso di test e con la disponibilità di una tecnologia di test COVID-19 migliorata, c’è bisogno di guidance material per facilitare l’armonizzazione. Questo è stato sviluppato in un Manual on Testing and Cross Border Risk Management Measures e sarà un elemento chiave per la richiesta da parte di IATA di test sistematici prima della partenza per i viaggiatori internazionali.

Public Health Corridors or Travel Bubbles
L’ICAO chiede agli Stati che stanno valutando la formazione di un Public Health Corridor (PHC, più comunemente noto come travel bubbles) di condividere attivamente le informazioni tra loro per implementarle in modo armonizzato. Per facilitare l’implementazione dei PHC, l’ICAO Implementation Package (iPack) sulla creazione di un PHC è disponibile per gli Stati.

Extending regulatory alleviations till 31 March 2021
Pur mantenendo i più elevati standard di sicurezza, COVID-19 ha costretto il settore ad adattare temporaneamente alcuni processi normativi, in particolare quelli relativi alla qualificazione e formazione del personale. A meno che le circostanze non impongano diversamente, la Take-off guidance raccomanda che tali attenuazioni non dovrebbero essere estese oltre il 31 marzo 2021. È essenziale che gli Stati considerino i flight crew come ‘key workers’ per beneficiare del PHC e sono incoraggiati a consentire l’accesso a cure mediche e training facilities. Queste includono i flight simulation training devices usati dai flight crew per mantenere le certificazioni, l’esperienza e la competenza per il licensed personnel.

“Il pubblico dovrebbe essere rassicurato. La Takeoff guidance manterrà il volo sicuro durante questa pandemia con raccomandazioni che combinano i migliori consigli delle autorità sanitarie pubbliche come la World Health Organization con l’esperienza tecnica dei regolatori e degli operatori dell’aviazione. Affrontando la necessità di requisiti di test COVID-19 armonizzati come parte di un approccio a più livelli, CART sta anche contribuendo a costruire la fiducia tra i governi per gestire i rischi dell’importazione di COVID-19 rimuovendo le barriere al viaggio come le quarantene. L’obiettivo è ricollegare in sicurezza il mondo e queste raccomandazioni ci stanno portando avanti”, ha affermato Alexandre de Juniac, IATA’s Director General and CEO.

(Ufficio Stampa IATA)

2020-11-11